Agosto 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I primi antenati umani erano un milione di anni più vecchi di quanto si pensasse in precedenza | fossili

Furono trovati fossili dei nostri primi antenati Sud Africa Un milione di anni più vecchio di quanto si pensasse, il che significa che hanno camminato sulla Terra più o meno nello stesso periodo dei loro parenti dell’Africa orientale come la famosa “Lucy”, secondo una nuova ricerca.

Grotte di Sterkfontein La culla dell’umanità, patrimonio mondiale dell’umanità a sud-ovest di Johannesburg Ha prodotto più fossili di Australopithecus di qualsiasi altro sito al mondo.

Tra loro c’era “Mrs. Bells”, il cranio di Australopiteco africano più completo mai trovato nel sud. Africa Nel 1947.

Sulla base di misurazioni precedenti, l’età della signora Ples e di altri fossili trovati a una profondità simile dalla grotta è stata stimata tra 2,1 e 2,6 milioni di anni.

“Non era cronologicamente appropriato”, ha affermato lo scienziato francese Laurent Brussels, uno degli autori di uno studio pubblicato lunedì sulla rivista scientifica PNAS.

“È stato strano vedere alcuni Australopitechi durare così a lungo”, ha detto il geologo all’AFP.

Circa 2,2 milioni di anni fa, l’Homo habilis – la specie più antica del genere Homo che include l’Homo sapiens – vagava già per la regione.

Ma non c’erano segni di un uomo abile nelle profondità della grotta dove è stata trovata la signora Bliss.

Ricerche recenti hanno anche messo in dubbio l’età della signora Bales, che ha dimostrato che lo scheletro quasi completo di Australopiteco noto come “Piccolo piede” ha 3,67 milioni di anni.

Un divario di età così ampio tra la signora Ples e Little Foot sembra improbabile poiché erano separati da pochissimi strati sedimentari.

Poiché i fossili sono troppo vecchi e fragili per essere testati, gli scienziati stanno analizzando i sedimenti vicino a dove sono stati trovati.

READ  Un ragazzo palestinese è stato ucciso da soldati israeliani durante gli scontri al confine di Gaza | Israele

Lo studio ha affermato che le date precedenti sottostimavano l’età dei fossili perché misuravano i depositi di minerali di pietra di calcio, che erano più piccoli del resto delle grotte.

Nell’ultimo studio, i ricercatori hanno utilizzato una tecnica chiamata datazione del nuclide cosmico, che ha esaminato i livelli di isotopi rari creati quando le rocce contenenti quarzo sono state esposte a particelle ad alta velocità che arrivavano dallo spazio esterno.

“Il suo decadimento radioattivo risale a quando le rocce furono sepolte nella grotta quando caddero nell’ingresso con i fossili”, ha detto l’autore principale dello studio, Daryl Granger, della Purdue University negli Stati Uniti.

I ricercatori hanno scoperto che la signora Ples e altri fossili a lei vicini risalgono a un periodo compreso tra 3,4 e 3,7 milioni di anni fa.

Ciò significa che i membri dell’Australopithecus africanus come la signora Belse erano “contemporanei” dell’Australopithecus afarensis dell’Africa orientale, Compresa la Lucy di 3,2 milioni di anni che è stata trovata in EtiopiaDominic Stratford, direttore della ricerca nelle grotte e uno degli autori dello studio.

Potrebbe anche cambiare la nostra comprensione della storia dei nostri antenati.

Stratford ha affermato che il genere dell’Australopithecus sudafricano era precedentemente considerato “troppo giovane” per essere un antenato del genere Homo. Ciò significa che si pensava che la patria di Lucy nell’Africa orientale fosse il luogo più probabile in cui si è evoluta la razza umana.

Ma la nuova ricerca mostra che l’Australopithecus sudafricano aveva quasi un milione di anni per evolversi per diventare l’antenato degli ominidi.

Oppure avrebbero potuto lavorarci insieme.

“In un arco di tempo di milioni di anni, a soli 4.000 chilometri (2.500 miglia) di distanza, queste specie hanno avuto tutto il tempo per viaggiare e riprodursi insieme… quindi possiamo praticamente immaginare una coevoluzione in tutta l’Africa”, ha detto Bruxelles.

Ha aggiunto che la ricerca ha mostrato che la storia umana è stata “più complessa dell’evoluzione lineare”.

Il nostro albero genealogico è in realtà “più simile a un cespuglio, per usare le parole del nostro defunto amico Yves Coppins”, ha detto Brussels, riferendosi al paleontologo francese accreditato di aver scoperto Lucy. Coppins è morto la scorsa settimana.

“Ha capito da tempo la natura dell’evoluzione panafricana”, ha detto Bruxelles.