Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I prezzi dell’energia stanno causando il caos in Asia. Ecco perché il resto del mondo è preoccupato

in Sri Lankale persone fanno la fila per chilometri Riempi il serbatoio del carburante. In Bangladesh, i negozi chiudono alle 20 per risparmiare energia. In India e Pakistan, le interruzioni di corrente stanno costringendo le scuole a chiudere, le attività commerciali a chiudere e i residenti soffocano senza aria condizionata a causa di ondate di calore mortali che raggiungono temperature di 37 gradi Celsius.

Queste sono solo alcune delle scene più sorprendenti che si svolgono nella regione dell’Asia del Pacifico, mentre vari paesi sono alle prese con la peggiore crisi energetica degli ultimi anni – e sono alle prese con il crescente malcontento e instabilità causati da improvvisi aumenti del costo della vita.

Il senso di crisi è evidente in Sri Lanka e Pakistan. L’indignazione pubblica ha già causato le dimissioni di un’ondata di ministri a Colombo e ha contribuito alla caduta di Imran Khan da primo ministro a Islamabad.

La gente aspetta mentre i manifestanti chiedono il traffico di blocchi di carburante vicino a una stazione di servizio a Colombo, nello Sri Lanka. (AFP)

Tuttavia, molti sospettano che la resa dei conti politica sia appena iniziata. Entrambi i paesi hanno dovuto adottare misure disperate, convogliando il tetto massimo al Fondo monetario internazionale e introducendo settimane lavorative più brevi nel tentativo di risparmiare energia.

Altrove nella regione, i segni del disturbo possono essere meno visibili ma possono avere conseguenze di vasta portata.

Anche nei paesi relativamente ricchi, stanno emergendo preoccupazioni economiche poiché i consumatori sentono il dolore delle bollette energetiche elevate.

Qui in Australia, i prezzi all’ingrosso dell’elettricità erano nel primo trimestre del 2022 un aumento del 141 per cento rispetto allo scorso anno; Le famiglie sono sollecitate a ridurre il consumo e solo due settimane fa il governo federale ha sospeso il mercato elettrico nazionale nel tentativo di abbassare i prezzi, alleviare la pressione sulla catena di approvvigionamento energetico e prevenire i blackout.

Ma è l’esperienza dell’India, dove la domanda di energia ha raggiunto livelli record di recente, che dimostra più chiaramente perché questa crisi è globale piuttosto che regionale.

Dopo aver subito interruzioni diffuse a causa di temperature record, il 28 maggio il terzo produttore mondiale di emissioni di carbonio ha annunciato che la società statale Coal India avrebbe importato carbone per la prima volta dal 2015.

Persone in attesa di carburante in una stazione di servizio a Colombo, Sri Lanka. (AFP)

Qual è la causa del problema?

Sebbene ciascuno di questi paesi debba affrontare una serie unica di circostanze, sono stati tutti esposti ai doppi effetti della pandemia di coronavirus e La guerra della Russia in Ucraina Due eventi inaspettati hanno ribaltato le ipotesi precedentemente ragionevoli sulle linee di approvvigionamento e sulla sicurezza regionale, facendo precipitare il mondo della pianificazione economica nel caos.

Gli esperti affermano che il problema risiede principalmente nella crescente discrepanza tra domanda e offerta.

Negli ultimi due anni, la pandemia ha mantenuto la domanda di energia straordinariamente bassa, con un consumo globale di elettricità in calo più di 3 percentuale nel primo trimestre del 2020, poiché i blocchi e altre restrizioni hanno tenuto i lavoratori a casa, le auto fuori dalle strade e le navi bloccate nei porti.

Ma ora, mentre le nazioni iniziano a lasciarsi alle spalle la pandemia, la domanda di carburante è in aumento e la concorrenza improvvisa sta portando i prezzi del carbone, del petrolio e del gas a livelli record.

Un venditore di cocco attende i clienti in un mercato a Colombo, Sri Lanka. (AFP)

Con gli Stati Uniti e molti dei suoi alleati che impongono sanzioni al petrolio e al gas russo, molti paesi hanno dovuto lottare per trovare fonti alternative, alimentando ancora di più la concorrenza per forniture limitate.

“La domanda di energia è rimbalzata molto rapidamente dal coronavirus e più rapidamente dell’offerta”, ha affermato Samantha Gross, direttore dell’Energy and Climate Security Initiative presso la Brookings Institution.

“Quindi abbiamo assistito a un aumento dei prezzi anche prima dell’invasione russa dell’Ucraina (ma dopo quella) c’era già stato uno shock per l’approvvigionamento energetico. Le varie misure adottate in risposta a ciò stanno in realtà sfidando le forniture energetiche a livello globale”.

Mentre il prezzo delle importazioni di energia ha È aumentato A livello globale, con i prezzi internazionali del carbone cinque volte superiori rispetto a un anno fa e i prezzi del gas naturale fino a 10 volte superiori rispetto allo scorso anno, gli esperti affermano che ci sono ragioni per cui alcune economie asiatiche sono danneggiate, in particolare le economie in via di sviluppo che dipendono dall’energia. – Di più. .

“Se sei un paese, in particolare un’economia emergente come lo Sri Lanka, che deve acquistare quei beni, deve acquistare petrolio, deve acquistare gas naturale, è una vera lotta”, ha affermato Mark Zandi, capo economista di Moody’s Analytics. .

“Paghi molto per le cose di cui hai bisogno, ma le cose che vendi non sono aumentate di prezzo. Quindi stai spendendo un sacco di soldi cercando di comprare le stesse cose per far funzionare la tua economia”.

I paesi poveri che si stanno ancora sviluppando o stanno diventando di nuova industrializzazione sono semplicemente meno in grado di competere con concorrenti più profondi e più hanno bisogno di importare, più grande è il loro problema, ha affermato Antoine Halfe, assistente di ricerca senior presso il Center on the World della Columbia University. politica energetica.

“Quindi il Pakistan è decisamente adatto a lei. Penso che anche lo Sri Lanka si adatti a questo”, ha detto. “Stanno subendo un calo dei prezzi, ma stanno anche subendo un calo delle forniture. Devono pagare di più per le loro forniture energetiche e in alcuni paesi come il Pakistan, hanno davvero difficoltà a procurarsi energia”.

miniera di carbone delle isole canarie

Questa dinamica dietro le quinte del sempre più caotico che si sta verificando in questi paesi.

Il cupo avvertimento è arrivato quando le code alle stazioni di servizio di Colombo si estendevano per tre chilometri e in diverse città sono scoppiati scontri tra polizia e pubblico.

È come se la vita di tutti i giorni si stesse spegnendo. Lunedì, gli uffici del settore pubblico, le scuole statali e le scuole private approvate dal governo sono state chiuse per almeno due settimane.

Una donna anziana siede fuori da una stazione di polizia durante una protesta per chiedere gas da cucina a Colombo, nello Sri Lanka. (AFP)

Ai lavoratori del settore pubblico è stato chiesto di prendersi il venerdì libero per i prossimi tre mesi, con il suggerimento di utilizzare il tempo per coltivare il proprio cibo.

Anche il Pakistan ha dovuto ridurre la settimana lavorativa – a cinque giorni da sei – anche se ciò potrebbe peggiorare la situazione.

La sua settimana di sei giorni, introdotta solo di recente, avrebbe dovuto migliorare la produttività e rilanciare l’economia.

Invece, il paese di 220 milioni di persone ha subito interruzioni di corrente quotidiane per almeno un mese, e ai centri commerciali e ai ristoranti di Karachi, la città più grande del Pakistan, è stato detto di chiudere presto per risparmiare carburante.

La fornitura di energia del paese è inferiore alla domanda di circa 5.000 megawatt, una carenza che potrebbe alimentare tra 2 e 5 milioni di case. alcune stime.
In qualità di ministro dell’Informazione, Marium Aurangzeb Mettilo il 7 giugnoSiamo di fronte a una grave crisi.

Il modo in cui questi paesi rispondono potrebbe porre un problema ancora più grande degli aumenti dei prezzi.

Sotto la pressione dell’opinione pubblica, governi e politici potrebbero essere tentati di tornare a forme di energia più economiche e sporche come il carbone, indipendentemente dall’impatto sul cambiamento climatico.

Ci sono indicazioni che questo potrebbe essere già iniziato.

Qui in Australia lavora il Consiglio per la sicurezza energetica del governo federale Suggerimento Che tutti i generatori di elettricità, compresi quelli a carbone, siano pagati per mantenere la capacità aggiuntiva nella rete nazionale nel tentativo di prevenire i blackout.

Il governo del New South Wales ha utilizzato i poteri di emergenza per reindirizzare il carbone dalle miniere nello stato ai generatori locali piuttosto che all’estero.

Entrambe le misure hanno suscitato critiche da parte di coloro che accusano il governo di tradire il suo impegno per le energie rinnovabili.

In India, un paese di 1,3 miliardi di persone che fa affidamento sul carbone per circa il 70 per cento della sua produzione di energia, la decisione di New Delhi di aumentare le importazioni di carbone avrà probabilmente impatti ambientali ancora più profondi.

Gli scienziati affermano che una significativa riduzione dell’estrazione del carbone è necessaria per ridurre gli effetti peggiori del riscaldamento globale, ma sarebbe difficile da ottenere senza l’acquisto di uno dei più grandi emettitori di carbonio del mondo.

“Qualsiasi paese, che sia l’India, la Germania o gli Stati Uniti, se raddoppia qualsiasi tipo di combustibile fossile, consumerà il budget del carbonio. Questo è un problema globale”, ha affermato Sandeep Bay, ricercatore senior presso l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Programma energetico del Centro di studi strategici e internazionali.

Mentre Pai ha affermato che la decisione dell’India potrebbe essere solo una “risposta temporanea alla crisi”, se i paesi continueranno a fare affidamento sul carbone tra un anno o due, ciò influenzerà notevolmente la lotta contro il riscaldamento globale.

Bai ha detto, riferendosi all’obiettivo dell’accordo di Parigi sul clima di mantenere l’aumento della temperatura media globale tra 1,5 e 2 gradi Celsius.

Se l’aumento della temperatura supera questo intervallo, anche temporaneamente, gli scienziati suggeriscono che alcuni dei cambiamenti risultanti sul pianeta potrebbero essere irreversibili.

Come ha detto Pai: “Le dimensioni, le dimensioni e la domanda dell’India significano che se il volume del carbone raddoppierà, avremo un problema davvero serio dal punto di vista climatico”.

READ  L'epidemiologo afferma che la soddisfazione per COVID è dimostrata nell'uso delle maschere per i trasporti pubblici