Luglio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I pensionati americani sono sopraffatti dall’assistenza sanitaria e la politica si sposta in Italia

I pensionati americani sono sopraffatti dall’assistenza sanitaria e la politica si sposta in Italia

Clavesana in Italia.
Eric e Christina Schwendemann

  • Alcuni americani scelgono di andare in pensione all’estero a causa dei costi sanitari e delle politiche controverse.
  • Molti di loro si trasferiscono in Italia, dove il costo della vita è meno caro.
  • Amano la dedizione dell’Italia all’equilibrio tra lavoro e vita privata, soprattutto se paragonata alla cultura frenetica americana.

La relazione tra Eric e Christina Schwendemann è diventata seria il giorno in cui è andato in pensione.

“Ho un piano a lungo termine”, ricorda Eric, 53 anni, di aver detto a sua moglie quasi vent’anni fa. “Voglio lavorare il più duro possibile e andare in pensione in Italia il prima possibile”.

All’epoca la coppia viveva a Naples, in Florida, a più di 5.000 miglia di distanza e a 13 ore di volo dall’Italia.

“Era tipo, ‘Questo è il mio obiettivo. Se lo sostieni, facciamolo'”, ha detto Christina, 40 anni.

Eric e Christina Schwendemann

Gli Schwindman iniziarono a pianificare la propria vita fuori dagli Stati Uniti circa 17 anni fa, ma oggigiorno un numero crescente di americani sta seguendo l’esempio.

IL U.S Dipartimento di Stato Si stima che nel 2020 9 milioni di cittadini statunitensi vivano all’estero, un aumento rispetto ai 5 milioni del 2010.

Gli Stati Uniti non sono più un luogo desiderabile in cui andare in pensione

In passato, negli Stati Uniti esisteva un chiaro percorso verso la pensione.

Le persone lavoravano fino all’età di 65 anni, poi lasciavano il mondo del lavoro con l’aiuto della previdenza sociale e dei risparmi personali. Questo cambiamento è iniziato negli anni ’80, quando gli americani gravitavano verso piani a contribuzione definita – come i 401(k) – piuttosto che piani a benefici definiti come le pensioni. Ciò ha trasferito maggiore responsabilità ai dipendenti nel decidere quanto investire e risparmiare.

“In parole povere, il passaggio dal beneficio definito al contributo definito è stato, per la maggior parte delle persone, un passaggio dalla certezza finanziaria all’incertezza finanziaria”, ha scritto il CEO di BlackRock Larry Fink in una lettera del 2024 agli investitori.

Milioni di baby boomer stanno ora lottando per coprire i costi della vita.

Quello Sondaggio AARP ad aprile Uno studio ha rilevato che un americano su cinque di età pari o superiore a 50 anni non ha risparmi per la pensione e più della metà dei partecipanti era preoccupata di non avere abbastanza per mantenersi se fosse andato in pensione.

READ  Dov'è la brigata di soccorso nel sud del mondo?

Quindi, mentre il pensionamento negli Stati Uniti è diventato desolante, alcuni americani guardano altrove. Nello specifico guardano all’Italia, che è tra i paesi I primi 20 paesi con i sistemi pensionistici più generosi.

Gli americani si stabiliscono nelle pittoresche città italiane

foto Clavisana.
Eric e Christina Schwendemann

Per la famiglia Schwendemann l’opportunità di lasciare gli Stati Uniti è arrivata nel 2022.

Eric e Christina lavoravano nel settore automobilistico, gravemente colpito dalla pandemia. Circa 575.000 posti di lavoro nel settore Ci siamo persi Entro l’autunno 2021.

“Possiamo vedere che l’industria automobilistica prenderà una svolta nello stesso momento in cui abbiamo visto nel settore immobiliare”, ha detto Christina. “Abbiamo detto: ‘Forse questo è il momento giusto per noi di lasciare il nostro lavoro e vendere la nostra casa’”.

Si trasferirono a Clavesana, un piccolo paese di meno di 900 abitanti nella regione italiana del Piemonte, e acquistarono una casa situata su meno di un acro di terreno. Eric e Christina non hanno condiviso il costo esatto, ma hanno detto che il prezzo della casa era di circa 150 euro al metro quadrato.

Eric e Christina Schwendemann

Anche se trasferirsi in Italia è sempre stato un sogno, la coppia ha affermato che anche altri fattori, tra cui il costo dell’assistenza sanitaria in America, hanno avuto un ruolo.

Mickey Dukinfield, 72 anni, ha fatto eco a questo sentimento. Duckenfield e suo marito hanno lasciato il Minnesota per Vicenza, una città a circa un’ora da Venezia, nel novembre 2023. La loro casa costava circa 188.500 euro, ovvero circa 200.000 dollari.

La casa di Mickey Dukinfield a Vincenza.
Mickey Dukinfield

“Sapevo che quando saremmo cresciuti, l’assistenza sanitaria sarebbe sempre stata un problema”, ha detto Duckenfield a Business Insider.

secondo Stima dei costi dell’assistenza sanitaria per i pensionati 2023 da FidelityUn individuo può spendere in media 157.000 dollari in spese mediche e sanitarie durante la pensione. Per le coppie sposate l’importo raggiunge i 315.000 dollari.

“Nel 2022, nonostante nessuno di noi due avesse qualcosa di grave, abbiamo speso oltre 6.000 dollari in premi assicurativi e spese mediche”, ha detto Duckenfield. “Noi pensiamo ‘questo è pazzesco.'”

A Vicenza, Duckenfield ha detto che lei e suo marito spendono tra i 1.500 e i 1.600 dollari all’anno in spese sanitarie. Gli Schwendemann hanno detto che pagano circa 2.800 dollari all’anno mentre sono a Clavesana.

READ  La lobby d'affari italiana riduce a zero le previsioni di crescita economica per il 2023 a causa di problemi energetici di Reuters
Vicenza.
Amministrazione antidroga/w. Boss/Getty Images

Dukenfield ha anche affermato che il clima politico americano ha avuto un ruolo nella sua decisione di trasferirsi in Italia.

Gli Stati Uniti si preparano a tenere le elezioni presidenziali il prossimo novembre. Si prevede che sarà un’altra gara serrata tra Donald Trump, che deve far fronte a continui problemi legali, e il presidente Joe Biden, che sta lottando per ottenere il tipo di sostegno di cui ha goduto nel 2020.

Colin Esso (59 anni) ha risentito delle divisioni politiche e culturali durante la sua permanenza in Florida, soprattutto durante l’era del governatore Ron DeSantis, che correva alle primarie repubblicane contro Trump.

Isaw è cresciuto in Irlanda prima che la sua carriera lo portasse a Orlando nell’autunno del 1994. Rimase nella zona per 30 anni, con passaporto americano e britannico. Ha detto a BI di aver iniziato a notare un cambiamento negli ultimi anni.

“Quando sono arrivato in America per la prima volta, non avevo intenzione di vivere o restare qui più a lungo del necessario a causa di un’idea preconcetta di come fossero gli americani”, ha detto Esaù. “Quando sono arrivato qui, non potevo credere quanto fossero amichevoli e accoglienti gli americani. Mi ha lasciato senza fiato.”

Colin Esaù

Ora, ha detto Esaù, la tensione politica è diventata eccessiva. Oltre all’aumento del costo della vita, ha detto che sente che è tempo di cambiare.

“Non mi piace vivere in una società come questa”, ha detto.

Quindi, Esaù si prepara a ritirarsi a Scalea, una città portuale della regione Calabria, entro i prossimi due anni. Ha comprato un appartamento per circa 55.000 euro, ovvero 59.000 dollari.

Una comunità online in crescita sta aiutando gli americani a trasferirsi in Italia

Patricia Di Gregorio ha visto aumentare il numero di persone, compresi gli americani, che cercano di andare in pensione in Italia in prima persona. Gregorio, 52 anni, è un italo-americano fondatore della rete internazionale di social media Espatriati che vivono a Roma Nel 2001.

La rete è diventata uno strumento essenziale per le persone di tutto il mondo che desiderano trasferirsi in Italia. L’organizzazione fornisce risorse a coloro che desiderano trasferirsi, tra cui orientamento finanziario e consulenza sull’immigrazione.

READ  UniCredit si impegna a tagliare 1.200 posti di lavoro volontari con i sindacati italiani
Screenshot della posizione degli espatriati che vivono nella stanza.
Espatriati che vivono nella stessa ubicazione della stanza.

Fornisce inoltre una comunità attraverso gruppi Facebook come Espatriati che vivono a Roma E Espatriati che vivono in ItaliaDove le persone possono porre domande e condividere aggiornamenti sui loro viaggi. Il gruppo Expats Living in Italy conta ora oltre 107.000 membri.

Gregorio ha detto a BI di aver inizialmente notato un aumento di interesse da parte degli americani per la pandemia di Covid-19.

Patrizia Di Gregorio.
Patrizia Di Gregorio

“Prima di Covid, c’erano molti flussi migratori, ma dopo Covid non riuscivamo nemmeno a tenere il passo”, ha detto. Un gruppo Facebook da lei creato ha ricevuto più di 800 richieste di adesione ad un certo punto, ha detto.

Gli americani vivono per lavorare, ma in Italia lavorano per vivere, dicono gli espatriati

Trasferirsi in Italia come americano non è privo di sfide.

È necessario superare una serie di ostacoli: ottenere un visto, trovare una proprietà, trasportare merci attraverso l’Atlantico, fare domanda per necessità come l’assistenza sanitaria e, naturalmente, superare la barriera linguistica.

Gli Schoendman e i Duckenfeld stanno entrambi lavorando per padroneggiare la lingua italiana – che a volte può rendere più difficili le attività quotidiane – ma ritengono che lasciare gli Stati Uniti sia stata la scelta giusta. Hanno citato una migliore qualità della vita, non più influenzata dalla spietata cultura del trambusto americano.

Eric e Christina Schwendemann

“È il modo in cui affrontano la vita”, ha detto Eric, riferendosi alla cultura italiana.

A Clavesana, ogni pomeriggio, la gente del posto fa una pausa di due ore, che contrasta con una sosta per riposarsi La pausa pranzo media negli Stati Uniti è di 36 minuti.

“Vaffanculo”, disse Eric. “Vai a pranzo con la tua famiglia e i tuoi amici.”

Dukinfield è d’accordo, aggiungendo che rallentare il ritmo della vita e vivere in una città percorribile a piedi sono cambiamenti positivi. Il trasferimento a Vicenza le ha permesso anche di vivere più vicino alla figlia, al genero e al nipote.

“Puoi raggiungere a piedi il centro della città”, ha detto Duckenfield. “Vivevamo in una casa molto bella in un bel lotto di periferia [in the US]”Ma l’unico posto dove potevamo raggiungere a piedi era Super America o l’Interstate, che era a tre quarti di miglio di distanza.”

Il fenomeno descritto da Eric è una frase comune tra gli espatriati americani: in America vivi per lavorare. In Italia si lavora per vivere.

“Posso solo dire che è come un sogno”, ha detto Christina. “Ogni mattina ci svegliamo, guardiamo fuori e diciamo: ‘Non posso credere che viviamo qui.'”