Settembre 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I paesi mediterranei attuano un progetto di archeologia al largo della costa tunisina

Il Alfred Merlin francese Cerca la nave attualmente in mare. È una barca molto sofisticata progettata per il Ministero della Cultura francese e soprattutto per le spedizioni di archeologia subacquea. La sua attrezzatura include droni civili subacquei per scopi di ricerca. Svelata nel maggio 2021, la sua barca riduce l’impatto ambientale della barca, riduce le emissioni di gas serra e riduce le vibrazioni e la diffusione del rumore subacqueo.

Il 24 agosto, Alfred Merlin lasciò Trapani in Italia per il confine settentrionale della Scerque Bank sulla piattaforma continentale marina italiana. A bordo della nave ci sono dozzine di archeologi marini provenienti da molti paesi del Mediterraneo, tra cui Alison Fainou che sta coordinando questa missione per conto dell’UNESCO. L’algerino Nazim Bensalah, l’egiziano Imad Khalil, il marocchino Ezzedine Kara e il tunisino Wafaa bin Suleiman Alcuni altri archeologi subacquei a bordo della nave.

Due giorni prima della partenza, la presidente dell’UNESCO Audrey Azoulay cinguettareE il Sta per partire una missione subacquea coordinata dall’UNESCO, alla ricerca di tesori archeologici al largo della costa italo-tunisina.Il suo ufficio ha detto ad Al-Monitor che Azoulay e gli ambasciatori dei paesi del bacino del Mediterraneo interessati erano tutti molto entusiasti di questo progetto pionieristico.

Parlando al telefono dalla barca, Phaeno lo ha spiegato Il compito a portata di mano unico. È la prima volta che otto nazioni si uniscono per preservare quello che considerano un patrimonio culturale comune sotto il mare. Alfred Merlin dovrebbe rimanere sulla piattaforma continentale italiana per un altro giorno. Quindi continuerai verso la piattaforma continentale tunisina non troppo distante per un’altra settimana di esplorazione.

READ  Intesa Sanpaolo rimane la nostra banca italiana preferita

Questa missione costituisce un passo importante in un progetto di cooperazione iniziato già nel 2018 quando otto paesi hanno deciso di proteggere quello che ritengono essere un patrimonio culturale sottomarino comune nel Mediterraneo. Tutti gli otto paesi hanno ratificato la Convenzione dell’UNESCO del 2001 per la protezione del patrimonio culturale subacqueo. La nostra missione ora in mare è la realizzazione pratica di questo progetto. Dal 2018 abbiamo avuto incontri e discussioni tra esperti di archeologia subacquea, soprattutto negli ultimi due anni, anche per prendere decisioni importanti. Ora, con la barca, siamo arrivati ​​alla fase cruciale dell’esplorazione subacquea”.

La Convenzione del 2001 sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo unisce i paesi che sono obbligati a proteggere, comprendere e far conoscere meglio al pubblico questo patrimonio. Il sito web dell’UNESCO rileva che “oceani, mari, laghi e fiumi si nascondono e proteggono sotto la superficie a Eredità inestimabile, è in gran parte sconosciuto e sottovalutato. Nessuno può proteggere l’ignoto”.

L’organo consultivo scientifico e tecnico (STAB) dell’UNESCO alla Convenzione dell’UNESCO del 2001 lavora per attuare questi principi. Fornisce consulenza e assistenza alle riunioni degli Stati Parte su questioni tecniche e scientifiche relative al patrimonio sottomarino. STAB è attiva ad Haiti, Guatemala, Madagascar, Bulgaria e Panama. L’attuale missione è la prima volta che un intero gruppo di paesi si unisce per un progetto subacqueo congiunto.

Immagine di Angel Vetor che documenta il tecnico robotico Vincent Cruz e il robot Arthur sulla barca di Alfred Merlin, agosto 2022

Di solito, hai un paese che esplora un sito sottomarino di una nave naufragata, o forse due paesi, quando una nave si è persa nelle acque dell’altro. Poi hai la cooperazione bilaterale e le missioni esplorative congiunte. Qui, otto paesi mediterranei, tutti firmatari dell’accordo, hanno deciso di lavorare insieme. Questa spedizione riunisce archeologi subacquei provenienti da Algeria, Croazia, Egitto, Francia, Italia, Marocco, Spagna e Tunisia”.

READ  Più di 20 delegazioni straniere parteciperanno alla fiera Innoprom a Ekaterinburg, Russia - Business and Economy

La regione del Mare di Skirke è un’area marina abbastanza poco profonda situata nel mezzo del Mediterraneo, nello Stretto di Sicilia, tra la Sicilia italiana e la Tunisia.

Questa regione ha svolto per secoli un ruolo fondamentale nel dialogo militare, commerciale, culturale e religioso del bacino del Mediterraneo. Sappiamo infatti che questa zona del Mediterraneo è stata una trafficata rotta commerciale marittima in uso fin dall’antichità fino ad oggi, per più di tremila anni. In realtà era una delle zone più affollate del mondo. Anticamente era una rotta marittima diretta tra Cartagine e Roma. Situata tra i bacini occidentale e orientale del Mediterraneo e tra il sud e il nord di questo mare, ha sempre servito da punto di contatto tra molte culture, il che significa anche che sono scoppiate anche diverse guerre, anche durante la prima e la seconda. guerre mondiali».

L’intenso commercio, i pirati e le guerre spiegano in parte perché gli archeologi sono così interessati a questa zona sottomarina. “A causa delle speciali caratteristiche geologiche della Skerki Bank, come le alture rocciose e altri rischi naturali sotto la superficie, gli archeologi ritengono che centinaia di navi siano state naufragate lì nel corso dei secoli e fino alla seconda guerra mondiale”, ha osservato Vaino.

Descrivendo il progetto, l’Ufficio del portavoce dell’UNESCO ha affermato che, grazie al meccanismo di cooperazione previsto nell’accordo del 2001, l’UNESCO, insieme a otto paesi partner, ha lanciato un’importante campagna per studiare e preservare questo sito eccezionale della Scherke Bank, osservando che “questo è essenziale” per capire la storia dal Mediterraneo”.

Faynot spiega che la squadra di Alfred Merlin ha già il compito di due missioni.

READ  6 marchi di moda italiani che sono i migliori nel settore — Hometown Station | KHTS FM 98.1 e AM 1220 - Radio Santa Clarita

Primo gol della squadra italiana. “Molti relitti di navi sono stati scoperti lì negli anni ’80 e ’90, principalmente da spedizioni americane guidate (separatamente) da Robert Ballard e Anna Margaret McCann. L’idea è di tornare su questi relitti e vedere come stanno bene ora, per verificare se i relitti sono completamente conservato o forse danneggiato dalla caccia o dal saccheggio.

La seconda parte della missione consiste più in un sondaggio. “Sulla piattaforma continentale tunisina, non sappiamo molto su cosa aspettarci. Possiamo trovare molti relitti, o forse non troveremo nulla. Molti relitti potrebbero essere stati saccheggiati nel corso degli anni. Dobbiamo sapere cosa è proprio lì per proteggere il territorio.” Questo è l’obiettivo principale del progetto: la conoscenza per il bene della protezione e anche per facilitare l’accesso del pubblico a quelle risorse… quelle risorse del patrimonio culturale.”