Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I paesi europei affrontano turbolenze economiche se la Russia taglia le forniture di gas

  • L’Unione Europea sta lavorando per sbarazzarsi dell’energia russa tra le critiche che sta finanziando la guerra in Ucraina.
  • Il PIL dell’UE potrebbe scendere dal 2,5% al ​​4,2% se le importazioni di energia dalla Russia venissero fermate.
  • Ma non tutti i paesi europei dipendono dalla Germania, che ha attivato un piano di emergenza.

L’Unione Europea sta correndo contro il tempo per fermare la sua dipendenza dal gas naturale russo mentre gli acquisti del massiccio blocco di carburante sollevano accuse di finanziamento della guerra in Ucraina.

Questo in aggiunta al presidente russo Vladimir Putin che ha armato l’energia del paese, il che mette l’Unione europea in una posizione vulnerabile poiché chiede a Mosca di porre fine alla guerra.

Ma non sarà facile per l’UE sbarazzarsi del gas russo.

Il PIL dell’UE potrebbe diminuire di 2,5-4,2 punti percentuali se le importazioni di energia dalla Russia venissero fermate, secondo un’analisi Banca centrale spagnola È stato rilasciato il 31 maggio. Sebbene la dipendenza dal gas naturale russo non sia distribuita uniformemente in tutta l’Unione Europea, alcune delle principali economie come la Germania e l’Italia dipendono dal carburante, quindi qualsiasi ricaduta di un taglio immediato potrebbe avere un effetto di ricaduta nella regione e oltre.

I paesi europei si stanno ora affrettando a trovare alternative all’energia russa, ma potrebbero volerci anni. Di tutti i combustibili fossili che la Russia spedisce in Europa, il gas naturale è il più difficile da sostituire, poiché è più difficile e costoso da spedire rispetto al petrolio o al carbone.

La Germania ha già attivato un piano di emergenza energetica

La Germania, la più grande economia d’Europa, sente la pressione. Il 30 marzo ha lanciato un piano che potrebbe razionare il gas del paese se il gas russo fosse interrotto.

Ad aprile, Christian Swing, CEO di Deutsche Bank, parlando del suo ruolo di capo della lobby per la banca tedesca BDB, ha affermato che una “grande recessione” sarebbe “inevitabile” se il petrolio e il gas naturale russi si fermassero.

READ  Un cittadino di Franklin al servizio della Fondazione Nazionale Italo-Americana | notizie dalla comunità

Ma è difficile per la Germania liberarsi di questa abitudine. La Russia è stata un fornitore di gas naturale alla Germania per quasi 50 anni ed è sempre stata affidabile, anche durante la Guerra Fredda e durante il crollo dell’Unione Sovietica, ha detto a Insider David Oniglia, capo economista della società di consulenza londinese TS Lombard in Aprile. La Russia rappresenta circa il 35% della fornitura di gas naturale della Germania.

La Germania ha detto che punta a Sbarazzarsi del gas naturale russo entro il 2025, Ma nel frattempo dovrà ottemperare alle richieste russe di pagare il carburante in rubli utilizzando un piano di pagamento speciale o rischiare di tagliare il gas.

L’Austria costretta ad affrontare “fatti scomodi”

Un altro grande cliente per il gas naturale russo è l’Austria, che acquista circa quattro quinti del suo gas naturale dal paese dell’Europa orientale, Secondo il governo. Come la Germania, anche l’Austria ha lanciato un piano di emergenza energetica che porterà al razionamento del gas come ultima disperazione.

Il ministro dell’Energia austriaco Leonor Goesler Il 6 maggio ha affermato che il paese deve affrontare “fatti scomodi” sulla sua sicurezza energetica e che sta lavorando per rimuovere il gas russo dal mix energetico del paese, Bloomberg.

Franz Angerer, amministratore delegato dell’Agenzia austriaca per l’energia, ha detto in a Dichiarazione del 26 aprile Il paese si sta svezzando dal gas russo importando da altri paesi europei e utilizzando biogas e idrogeno verde, ma può farlo solo entro il 2027.

Entrerà l’Austria


Recessione

Se OMV dovesse interrompere immediatamente il flusso di gas naturale russo, ha affermato Alfred Stern, CEO della compagnia energetica statale Bloomberg a marzo.

“Sebbene condanniamo le azioni della Russia, d’altra parte non abbiamo alternative immediate per alimentare le nostre imprese e le nostre case”, ha affermato Stern, secondo i notiziari.

L’Italia guarda all’Africa

L’Italia, terza economia dell’Unione Europea, è fortemente esposta al gas russo. Il paese genera il 40% della sua elettricità dal gas naturale e ottiene circa la metà del suo carburante dalla Russia, secondo Reuters e servizio dati Statista.

READ  Il Gruppo dei Sette continuerà la pressione economica sulla Russia e affronterà la "guerra del grano"

Roma si sta affrettando a trovare alternative al gas russo e ha recentemente firmato accordi con diversi paesi africani, tra cui Egitto e Algeria, per le forniture. Fino a quando il gas russo non sarà completamente sostituito, l’Italia non è in una buona posizione per trattare con la Russia.

Il 26 maggio il primo ministro italiano Mario Draghi ha avuto una telefonata con Putin “per trovare una soluzione comune sia all’attuale crisi alimentare”. Roma Egli ha detto.

Putin ha detto a Draghi che avrebbe aperto l’esportazione di grano e fertilizzanti se le sanzioni contro la Russia fossero state revocate, secondo una dichiarazione ufficiale di Il Cremlino.

Il prodotto interno lordo del Paese potrebbe diminuire anche di due punti percentuali se l’Italia interrompesse le importazioni di gas naturale russo a giugno, secondo l’associazione di categoria Confindustria ha scritto in una relazione il 28 maggio.

Ma non tutti i paesi europei sono nel panico per i potenziali tagli energetici russi.

Il nucleare continua ad alimentare la Francia

La Francia, la seconda economia dell’Unione europea, è stata il terzo importatore di gas russo nel 2020, rappresentando circa l’8% delle esportazioni del paese, secondo Amministrazione dell’informazione energetica degli Stati Uniti. Tuttavia, la Francia non sembra essere allarmata dalla prospettiva di tagli alle forniture russe.

Questo perché il gas naturale russo rappresenta solo 17% delle importazioni del paese, La parte del leone nel consumo di energia in Francia è generata dall’energia nucleare. Secondo Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica.

“Se guardi alla Francia, scoprirai che è molto ben protetta e tra i migliori posti in Europa per affrontare questo problema”, ha detto O’Nelia a Insider.

Al contrario, la Germania ha dichiarato che chiuderà le sue ultime centrali nucleari entro la fine del 2022, poiché il paese ha deciso di eliminare gradualmente la fonte di energia dopo Il disastro nucleare di Fukushima in Giappone nel 2011. L’Italia chiude le sue centrali elettriche Decenni dopo il disastro nucleare di Chernobyl nel 1986.

L’Unione Europea guarda alle rinnovabili e alle energie alternative

Come il resto d’Europa, anche la Francia si sta muovendo verso le rinnovabili, nonostante l’annuncio del Paese Sei nuovi reattori nucleari nei prossimi decenni per il suo fabbisogno energetico.

READ  Molti paesi del G20 vogliono obiettivi climatici più urgenti

La Russia ha già interrotto le forniture di gas a Polonia, Bulgaria e Paesi Bassi a causa del suo rifiuto di pagare in rubli le importazioni di gas naturale. Ma questi paesi non sembrano andare nel panico.

In Bulgaria, due reattori nucleari generano un terzo della capacità del paese, secondo Associazione mondiale del nucleare. Sofia sta anche lavorando alla diversificazione delle fonti energetiche, inclusa la costruzione di un gasdotto con la Grecia che dovrebbe iniziare le operazioni commerciali a settembre, Reuters Riferito, citando il primo ministro bulgaro Kirill Petkov.

Il Gasdotto Grecia e Bulgaria Sarà collegato a un gasdotto situato in Europa, consentendo il trasporto di gas dall’Azerbaigian, attraverso la Grecia, all’Italia e oltre. Le operazioni dovrebbero iniziare il 1 luglio, secondo il urattivo.

“Abbiamo fornito quantità alternative per un periodo sufficientemente prevedibile”, ha dichiarato il 26 aprile il ministro dell’Energia della Bulgaria, Alexander Nikolov, secondo un notiziario locale. Novinetto.

Il vice ministro degli Esteri polacco, Marcin Przydać, ha affermato che anche la Polonia ha iniziato a prepararsi per la riduzione del gas naturale russo “molti anni fa”. BBC Dopo che il Cremlino ha interrotto le sue forniture il 26 aprile. Przydach ha detto alla BBC che c’erano “opzioni per ottenere gas da altri partner”, compresi gli Stati Uniti e il Medio Oriente.

Nei Paesi Bassi, il governo prevede di importare più GNL da paesi diversi dalla Russia governo olandese Ha scritto sul suo sito web. Si è diversificato in energia rinnovabile poiché ha chiuso il suo più grande giacimento di gas a causa dei timori dei terremoti.

Nel 2020, l’energia rinnovabile rappresentava l’11% del consumo totale di energia nei Paesi Bassi, rispetto all’8,8% nel 2019, secondo il dipartimento di statistica del paese. L’aumento è in gran parte dovuto all’aumento della capacità solare ed eolica, nonché alla biomassa.