Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I modelli della Nuova Zelanda mostrano che i casi di Covid potrebbero raggiungere il picco di 5.300 a settimana ad Auckland il prossimo anno | Nuova Zelanda

La Nuova Zelanda si prepara ad affrontare fino a 5.300 casi di Covid-19 a settimana solo ad Auckland e nelle vicinanze del Northland il prossimo anno, anche con un tasso di vaccinazione del 90%, secondo i modelli del Dipartimento della Salute.

Il ministro della Sanità Andrew Little ha rivelato un piano su come il sistema sanitario gestirà l’aumento dei casi dopo l’attuale campagna di vaccinazione, poiché giovedì il paese ha registrato 71 nuovi casi.

Ciò include l’aumento dei letti di terapia intensiva, la preparazione a spostare gli operatori sanitari in aree più piccole in caso di epidemia, la formazione proattiva degli infermieri nell’unità di terapia intensiva e la preparazione a supportare le persone che si stanno riprendendo a casa.

Il numero di persone nell’unità di terapia intensiva e nelle unità ad alta dipendenza (HDU) è attualmente di circa i due terzi della capacità e viene utilizzato il 16% dei ventilatori disponibili. La capacità dei posti letto in terapia intensiva e HDU a livello nazionale potrebbe essere aumentata a 550 posti letto dalla sua attuale capacità di 320-340 posti letto.

Il sistema è ben preparato, ha affermato Andrew Connolly, direttore medico del dipartimento sanitario, ma qualsiasi sistema sarebbe ingombrante se i numeri diventassero troppo grandi.

Connolly ha affermato che tra lo 0,2 e lo 0,4% dei pazienti Delta avrà bisogno di cure in unità di terapia intensiva, mentre altri potrebbero aver bisogno di un “breve, forte incremento” delle cure ospedaliere.

Fornendo alti livelli di vaccinazione, ha detto Little, l’enorme numero di casi sarà in grado di riprendersi a casa in futuro, con circa il 5% che richiede cure ospedaliere.

Il GP Jeff Lowe ha affermato che i funzionari sanitari sono attualmente in una “fase di preparazione” mentre il paese passa alla gestione del virus all’interno della comunità. Il piano classificherà i casi nella comunità in base al rischio in base alle loro esigenze sanitarie e abitative. Alcune persone chiederanno il monitoraggio ai servizi sanitari.

Farlo in modo efficace dipende dalla popolazione vaccinata, ha detto Lowe.

“Abbiamo buoni rifornimenti e abbiamo buone capacità e capacità per consegnare quei vaccini ora, e il Super Saturday è uno di quegli eventi per vaccinare le persone”.

Ha affermato che il passaporto del vaccino consentirà al pubblico di partecipare ancora una volta alla “classica estate neozelandese”.

A partire da giovedì, oltre l’80% della popolazione ammissibile, di età pari o superiore a 12 anni, aveva ricevuto la prima dose del vaccino e oltre il 58% era stato completamente vaccinato.

Governo strategia di eliminazione graduale Per il metodo a imbuto, conviene vaccinare almeno il 90% della popolazione ammissibile.

“E il primo ministro ha anche detto che stiamo lavorando a questo tipo di nuovo sistema per il modo in cui rispondiamo a epidemie e infezioni”, ha detto Little.

Le misure precauzionali come indossare maschere e registrare i luoghi rimarranno una parte importante della strategia.

Ma una volta raggiunto un livello di vaccinazione soddisfacente per tutti i gruppi di popolazione. Quindi possiamo iniziare ad allentare le restrizioni, aprire le frontiere e le persone possono muoversi più liberamente… Possiamo farlo in modo sicuro e responsabile come governo solo quando sappiamo che c’è un alto livello di vaccinazione”.

È stato riferito che i tassi di vaccinazione menzionati stanno andando bene. “Devo dire che sono più fiducioso oggi rispetto a due settimane fa di arrivare al 90%”.

READ  Un pilota americano aiuta a salvare la vita di una madre afgana, mentre inizia il travaglio durante un volo di evacuazione