Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I miliardari italiani cercano alleati in battaglia per il CEO di Generali

Scritto da Gianluca Cimraro e Claudia Christoferi

Un documento di venerdì ha mostrato che due magnati italiani alla guida di due importanti investitori in Generali sono alla ricerca di alleati dopo aver unito le forze per provare a dire la loro nella scelta del prossimo amministratore delegato della compagnia assicurativa.

Il magnate delle costruzioni Francesco Gaetano Caltagirone e il miliardario miliardario degli occhiali Leonardo Del Vecchio sabato hanno rivelato un accordo per la consultazione degli azionisti sulle decisioni relative a Generali in vista di un’assemblea generale all’inizio del 2022 per nominare un nuovo consiglio di amministrazione.

A seguito della richiesta del regolatore di mercato Consop di divulgare ulteriori informazioni sull’accordo, Generali ha affermato venerdì che l’accordo raggiunto da Del Vecchio, 86 anni, e Caltagirón, 78, è aperto ad altri investitori.

Il documento affermava che gli azionisti non avevano intenzione di controllare efficacemente la compagnia di assicurazioni con la loro quota dell’11,1% combinata, al fine di evitare di lanciare un’offerta di riacquisto obbligatoria.

L’amministratore delegato di Generali Philip Donnett è stato messo sotto pressione da Caltagirone e Del Vecchio, che considerano la sua strategia di fusione e acquisizione non sufficientemente ambiziosa, hanno affermato fonti in precedenza.

Donnet ha il sostegno di Mediobanca, la più grande banca d’affari italiana e principale investitore Generali con una quota del 13%.

In una mossa che potrebbe dare loro maggiore influenza sulle Generali, Del Vecchio e Caltagirone hanno entrambi costruito quote in Mediobanca.

Evidenziando una rottura all’interno del consiglio di amministrazione, Generali ha detto lunedì che la maggioranza dei suoi manager sostiene la riconferma di Donnet.

READ  Horner dice che la Red Bull vuole riportare Albon in F1

Senza compromessi, dicono le fonti, Del Vecchio e Caltagirone sono disposti a sostenere un candidato alternativo ad amministratore delegato.

Ma servono alleati per contrastare l’influenza di Mediobanca, che lunedì potrebbe contare sull’appoggio di otto dei 12 membri non esecutivi del Consiglio Generali in riunione.

Tra gli otto c’era Lorenzo Pellicioli, che rappresenta il gruppo italiano De Agostini, investitore dell’1,5% in Generali, secondo persone vicine alla questione.

La gente ha detto che la famiglia italiana di Benetton e la società bancaria torinese CRT, che insieme possiede il 5,4% di Generali ma non ha rappresentanti nel suo consiglio, non si sono ancora schierati e potrebbero prendere una decisione nelle prossime settimane.

Benetton e CRT non hanno commentato.

Del Vecchio e Caltagirone dovranno fare i conti anche con investitori istituzionali, che detengono circa il 40% di Generali, terzo assicuratore d’Europa.

(Segnalazione di Claudia Cristoferi e Gianluca Cimraro; scrittura di Valentina Zsa; montaggio di Steve Orlovsky)