Agosto 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I manifestanti in Libia hanno dato fuoco al palazzo del parlamento e hanno chiesto la fine della corruzione del governo e delle continue interruzioni di corrente

La rabbia per i leader in guerra della Libia ha portato i manifestanti a prendere d’assalto l’edificio del parlamento nella città orientale di Tobruk e ha organizzato la più grande manifestazione degli ultimi anni.

I manifestanti di Tobruk hanno accusato il parlamento di tradimento e furto di denaro pubblico, circa otto anni dopo la sua elezione, hanno preso d’assalto l’edificio e dato fuoco a parti di esso con il ritiro delle forze armate lì.

Nei video pubblicati online e confermati dai residenti della città, i manifestanti hanno gridato e cantato mentre le fiamme si aggiravano sul lato dell’edificio.

Con le fazioni politiche che lottano per il controllo del governo dopo che non ha tenuto le elezioni programmate l’anno scorso, la Libia è tornata alla divisione regionale e alla guerra civile con i servizi statali che stanno gradualmente crollando.

Le proteste per le interruzioni di corrente croniche hanno portato i manifestanti nelle strade di diverse città, sfidando l’ira delle fazioni armate per esprimere la loro rabbia per i fallimenti che hanno reso la vita insopportabile durante i torridi mesi estivi.

Vogliamo l’elettricità

Diverse centinaia di persone si sono radunate nella Piazza dei Martiri di Tripoli per cantare slogan che chiedono elettricità, criticando le fazioni armate ei politici e chiedendo le elezioni nella più grande protesta degli ultimi anni nella capitale contro l’élite al potere.

Più tardi, venerdì, dozzine di manifestanti si sono fermati accanto all’edificio del quartier generale del governo, cantando: “Vogliamo elettricità, vogliamo elettricità”.

Gruppi di decine di manifestanti si sono radunati anche a Bengasi, Bayda, Misurata e in alcune città minori, mostrando come la rabbia per la situazione si sia diffusa in prima linea tra le forze rivali del Paese.

“Siamo malati, siamo malati! La nazione vuole far cadere i governi! Vogliamo l’elettricità!” I manifestanti a Tripoli hanno cantato insieme a slogan che chiedevano elezioni.

Hanno anche scandito slogan contro le fazioni armate che controllavano vaste aree della Libia. “No alle milizie. Vogliamo la polizia e l’esercito”, cantavano.

Folla di persone in giacche ad alta visibilità che cantano e annuiscono.
Centinaia di proteste contro le interruzioni di corrente all’interno della Piazza dei Martiri a Tripoli.(Reuters: Hazem Ahmed TPX Foto del giorno)

Le forze armate affiliate alla polizia e all’esercito sono state viste intorno a Piazza dei Martiri. Durante le proteste di due anni fa, i manifestanti sono stati fucilati.

“Sono qui oggi per protestare contro tutti i funzionari che hanno portato questo paese all’inferno”, ha detto Omar Derbal, 23 anni, studente di scienze.

“Siamo un paese produttore di petrolio e l’elettricità si interrompe ogni giorno.

Nella città libica orientale di al-Qubba, città natale del presidente del parlamento Aguila Saleh, decine di residenti hanno chiesto il rovesciamento di tutti i governi e gli organi politici a causa del basso tenore di vita.

Il settore elettrico libico è stato minato da anni di guerra e caos politico, che hanno interrotto gli investimenti, impedito i lavori di manutenzione e talvolta danneggiato le infrastrutture.

Un governo di unità provvisoria formato l’anno scorso ha promesso di risolvere i problemi, ma sebbene abbia emesso contratti per lavorare su diverse centrali elettriche, nessuna è stata resa operativa e disaccordi politici hanno precluso ulteriori affari.

Nel frattempo, con il parlamento orientale che ha nominato Fathi Bashagha a capo di un nuovo governo nonostante il rifiuto del primo ministro ad interim Abdelhamid Dabaiba di cedere il potere, la situazione di stallo politico minaccia di esacerbare le cose.

Le fazioni orientali hanno chiuso gli impianti petroliferi, riducendo le forniture di carburante alle principali centrali elettriche, causando ulteriori blackout.

A Tripoli, i manifestanti hanno sventolato striscioni con i volti del signor Dabaiba, del signor Bashagha, del signor Salih, un altro leader legislativo e il rappresentante delle Nazioni Unite barrato con grandi segni rossi.

Reuters

READ  Il vice primo ministro ucraino avverte di un possibile disastro di Chernobyl a causa di interruzioni di corrente, ma l'AIEA afferma che la situazione non è critica