Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I mammut e altri giganti dell’era glaciale sono sopravvissuti più a lungo di quanto pensassero gli scienziati

Gli scienziati coinvolti nel progetto hanno raccolto 535 campioni di permafrost e sedimenti da laghi ghiacciati, spesso in luoghi gelidi in Siberia, Alaska, Canada e Scandinavia, in 73 siti dove sono stati trovati resti di mammut.

L’analisi del DNA nel terreno ha mostrato che i mammut vivevano sulla terraferma della Siberia 3.900 anni fa, dopo la costruzione della Grande Piramide di Giza in Egitto e l’erezione dei megaliti di Stonehenge.

In precedenza si pensava che la maggior parte dei mammut lanosi fosse estinta circa 10.000 anni fa, ad eccezione di una popolazione molto piccola che sopravvisse sulle remote isole al largo della Siberia.

Invece, l’estinzione è avvenuta quando si sono verificate le ultime aree della Mammoth Steppe – un ecosistema artico unico nel suo genere Non trovato oggi – ha lasciato il posto alle torbiere quando il clima è diventato più caldo e umido.

“Gli autori forniscono diverse storie di bisonti mammut, rinoceronti lanosi, cavalli e steppe che sono anche molto più piccole di quanto indicato dai reperti fossili, costruendo un caso più forte per la sopravvivenza tardiva attraverso l’Artico rispetto a quanto fatto in precedenza”, ha detto Tori Heridge. Biologo evoluzionista e specialista di mammut al Natural History Museum di Londra.

“Sono molto entusiasta di vedere come si sviluppa questo lavoro e quali nuovi dati potrebbero sorgere per supportare o confutare questo. Sono sicura che verrà sottoposto a un attento esame”, ha detto via e-mail. Herridge non è stato coinvolto nella ricerca.

Il DNA più antico viene solitamente prelevato da ossa o denti (DNA più antico La sequenza proveniva assolutamente da denti giganti ed aveva più di un milione di anni), ma le nuove tecnologie significano che il materiale genetico conservato nel suolo può ora essere analizzato, datato e sequenziato.

Tutti gli animali, compresi gli esseri umani, perdono costantemente materiale genetico quando urinano, svengono, sanguinano, perdono i capelli e perdono le cellule morte della pelle. Questo materiale genetico penetra nel suolo, dove può sopravvivere per decine, se non centinaia, di migliaia di anni quando le condizioni sono favorevoli, come nel permafrost.

READ  L'ultimo vaccino Covid-19 e le notizie dal mondo

“Un singolo animale rilascia continuamente DNA per tutta la sua vita in sterco, urina, pelle e cellule ciliate, che contengono milioni di frammenti di DNA mentre vagano attraverso il loro intero areale geografico, ma lasciano solo uno scheletro dopo la loro morte, che è una possibilità molto più bassa “, ha detto uno degli autori dello studio, Yucheng Wang. “È stato conservato, restaurato e datato”, Associate Research Associate nel Dipartimento di Zoologia dell’Università di Cambridge.

“Sequenziando solo poche molecole di DNA conservate nell’ambiente, possiamo determinarne la presenza e l’intervallo. Non sorprende quindi che il DNA sedimentario produca una stima successiva e più accurata dell’estinzione”.

Gli archeologi hanno usato questa tecnica, nota come eDNA, per far luce sugli antichi esseri umani, e lo stesso metodo è stato utilizzato anche durante un’epidemia per testare le acque reflue dei residenti. Per rilevare e tracciare il Covid-19.
Ambiente artico oggi.

Puzzle Megafauna

Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature, ha anche descritto l’ecosistema artico negli ultimi 50.000 anni. L’ambiente in cui viveva il mammut, noto come steppa dei mammut, era freddo, secco e territorialmente complesso, con una distinta comunità di piante composta da graminacee, phytophthora (piante erbacee), piante da fiore e arbusti. Nell’ambito della ricerca, il team ha sequenziato per la prima volta il DNA di 1.500 piante nell’Artico.

Wang ha affermato che la causa dell’estinzione di grandi animali da pascolo come i mammut è stata dibattuta per più di 100 anni. Ci sono due teorie principali: i mammut sono stati cacciati a morte nei secoli successivi al loro primo contatto con gli umani, o che non erano in grado di adattarsi abbastanza rapidamente a un clima in rapido cambiamento alla fine dell’era glaciale.

Gli scienziati vogliono far rivivere il mammut lanoso.  Hanno appena ricevuto 15 milioni di dollari per realizzarlo

Wang ha affermato che la loro ricerca supporta la teoria secondo cui il ruolo principale è stato svolto dai cambiamenti climatici alla fine dell’ultima era glaciale 12.000 anni fa.

READ  I ricercatori annunciano una svolta fotone-fonone

Wang ha spiegato che l’interazione più lunga tra umani e mammut nell’Artico, combinata con una comprensione dettagliata dell’ecosistema delle steppe dei mammut e della velocità con cui stava cambiando, ha rafforzato la tesi contro l’idea che gli umani fossero il principale motore dell’estinzione dei mammut.

“Quando il clima è diventato più umido e il ghiaccio ha iniziato a sciogliersi, ciò ha portato alla formazione di laghi, fiumi e paludi. L’ecosistema è cambiato e la biomassa delle piante è diminuita e non sono stati in grado di sostenere le mandrie di mammut”, ha detto Wang in un comunicato stampa. .

“Abbiamo dimostrato che il cambiamento climatico, in particolare le precipitazioni, porta direttamente al cambiamento della vegetazione: gli esseri umani non hanno avuto alcun effetto su di loro sulla base dei nostri modelli”.

dinamica reale?

Heridge ha detto al Museo di Storia Naturale che c’è molto lavoro da fare sulla presenza umana nelle pianure dei mammut se viene escluso qualsiasi ruolo umano nella scomparsa del mammut.

I mammut erano i primi autisti di autocarri su strada ghiacciata,'  Viaggia per grandi distanze attraverso il Polo Nord

Nei modelli utilizzati in questo documento, ha detto, i ricercatori hanno utilizzato la scarsità di resti umani nella documentazione archeologica e l’esistenza di un clima adatto per l’umanità come surrogato, non del DNA. Sono necessari molti dati accurati per capire se e quando umani e topi si sovrappongono effettivamente in queste aree.

“Gli studi sul DNA ambientale come questo hanno un grande potenziale per testare direttamente la presenza di esseri umani nell’Artico attraverso il tempo, proprio come hanno fatto qui con i mammut: questo è il tipo di dati ad alta risoluzione di cui abbiamo bisogno per scoprire la vera dinamica del mammut lanoso. estinzione.”

READ  Gli scienziati collegano l'esercizio fisico intenso e il rischio di MND in alcune persone | ricerca medica

“I dati sull’interferenza da soli non lo taglieranno, perché non è l’ultimo colosso importante, è ciò che ha spinto i numeri di mammut così in basso da essere stati ridotti a poche popolazioni isolate e vulnerabili”.