Dicembre 7, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I legislatori australiani stanno combattendo l’offerta del funzionario cinese di unirsi al comitato di governo dell’Interpol

Un gruppo di politici australiani si sta unendo a una lotta globale per impedire a un alto funzionario cinese di unirsi all’organo di governo dell’organizzazione per la lotta alla criminalità Interpol, temendo che possa mettere in pericolo i critici di Pechino.

Hu Binchen, il procuratore generale del Ministero della Pubblica Sicurezza cinese, sta cercando di essere eletto nel Comitato Esecutivo dell’Organizzazione Internazionale di Polizia Criminale (Interpol) quando terrà la sua conferenza annuale in Turchia questa settimana.

Attivisti per i diritti umani e politici di tutto il mondo si oppongono alla sua candidatura, preoccupati che il Partito comunista cinese possa abusare dei poteri e delle risorse dell’autorità di polizia.

L’Interpol gestisce diversi database contenenti informazioni sensibili, inclusi record biometrici, e gestisce un sistema internazionale di “avvisi rossi” in cui i paesi elencano le persone che sono fuggite prima del loro arresto.

Sei legislatori e senatori australiani hanno firmato una lettera dell’Alleanza interparlamentare sulla Cina (IPAC) esortando i membri dell’Interpol a bloccare l’elezione di Hu Pinchun per la preoccupazione che Pechino possa utilizzare il sistema Red Notice per colpire gli attivisti in esilio.

“I funzionari cinesi in passato hanno dimostrato la volontà di utilizzare gli avvisi rossi dell’Interpol per scopi politici”, avverte la senatrice laburista Kimberly Kitching, copresidente dell’IPAC.

Tra i firmatari anche la senatrice liberale Consita Ferravante Wells, che avverte che l’Australia “non deve assolutamente sostenere” l’elezione del funzionario cinese.

“La Repubblica Popolare Cinese ha ripetutamente abusato dell’avviso rosso dell’INTERPOL per perseguitare i dissidenti in esilio – [it has a] Una storia di sfruttamento delle posizioni dei comitati dell’Interpol per esercitare un’influenza indebita sull’organizzazione”.

“La mia più grande preoccupazione è la possibilità di consentire all’Interpol di essere utilizzato come veicolo per le politiche repressive della Repubblica popolare cinese e del regime comunista in Cina, che credo danneggeranno notevolmente la posizione internazionale dell’Interpol”.

La polizia federale australiana e il governo federale non commentano i candidati che questo paese voterà all’Assemblea generale dell’INTERPOL.

Concetta Fierravanti-Wells, circondata da telecamera e giornalista.
Concetta Fierravanti-Wells è uno dei tanti politici che sollecitano la Cina a negare l’ingresso al Comitato Esecutivo dell’Interpol.(ABC News: Matt Roberts)

Il senatore liberale vuole che Taiwan si unisca all’INTERPOL

Anche il senatore Ferravanti Wells, ex ministro per lo Sviluppo internazionale e il Pacifico, sostiene le richieste di Taiwan di aderire all’INTERPOL contro la volontà del governo cinese.

Il mese scorso, l’ufficiale di polizia taiwanese ha esortato la comunità internazionale a sostenere l’offerta del suo paese di partecipare all’Assemblea generale dell’INTERPOL questa settimana.

Huang Chia Luo, commissario del Criminal Investigation Bureau di Taiwan, afferma che il piccolo paese democratico può svolgere un ruolo importante nella lotta contro il crimine informatico globale.

“Mentre il mondo intero coopera per combattere l’epidemia quest’anno, esortiamo la comunità internazionale, con lo stesso spirito, a sostenere l’offerta di Taiwan di partecipare all’Assemblea generale dell’INTERPOL come osservatore quest’anno e di partecipare agli incontri, ai meccanismi e alle attività di formazione dell’INTERPOL. .”

“La partecipazione pratica e mirata di Taiwan contribuirà a rendere il mondo un posto più sicuro per tutti”, ha aggiunto.

READ  Donald Trump intende nominare sua figlia Ivanka a capo della Banca mondiale