Gennaio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I leader talebani tornano in Afghanistan mentre i paesi occidentali considerano i tagli agli aiuti

I principali leader politici talebani sono tornati in Afghanistan dal Qatar.

Un portavoce dei talebani ha confermato martedì che il mullah Abdul Ghani Baradar – il fondatore del gruppo militante che ha partecipato ai negoziati di ritiro con gli Stati Uniti – è volato a Kandahar martedì pomeriggio dal Qatar.

Prima di tornare in Afghanistan, Baradar e una delegazione talebana hanno incontrato il ministro degli Esteri del Qatar Mohammed bin Abdulrahman Al Thani.

Al-Thani ha dichiarato su Twitter di aver “discusso la necessità di raggiungere un accordo politico globale che raggiunga un trasferimento pacifico del potere, preservi le conquiste fatte dal popolo afghano e rafforzi la stabilità desiderata in Afghanistan”.

Una delle principali difficoltà per ogni nuovo governo è quella di rilanciare l’economia – una delle più povere al mondo – in quanto i Paesi occidentali considerano il taglio di importanti aiuti allo sviluppo del Paese.

L’anno scorso, il prodotto interno lordo dell’Afghanistan è stato di 19,81 miliardi di dollari (16,9 miliardi di euro), di cui il 42,9% proveniva da aiuti internazionali, secondo i dati della Banca Mondiale.

Le entrate dei talebani negli ultimi due decenni sono state derivate dal commercio dell’oppio e da altre attività criminali tra cui l’estorsione e le tasse imposte sui territori sotto il loro controllo.

Uno dei portavoce del gruppo ha detto martedì che “l’Afghanistan non sarà più un paese produttore di oppio” con la produzione che tornerà “di nuovo a zero”, come lo era l’ultima volta che governavano il paese.

Ha aggiunto che accetterebbero gli aiuti esteri: “Abbiamo avuto scambi con molti paesi. Vogliamo che ci aiutino”.

READ  Dal tradizionale al divertimento: sei ricette di tiramisù per ogni voglia

Martedì sera Josep Borrell, capo della diplomazia dell’UE, ha dichiarato ai giornalisti che l’UE sospende gli aiuti allo sviluppo di 1,2 miliardi di euro previsti per l’Afghanistan nel periodo dal 2021 al 2024. Ciò è avvenuto sulla scia di una decisione simile della Germania.

Borrell ha affermato che l’UE “si impegnerà nel dialogo (con i talebani) il prima possibile per prevenire una catastrofe umanitaria e possibili migrazioni”. L’Unione europea ha affermato che i suoi aiuti umanitari continueranno e potrebbero aumentare.

il Anche il Regno Unito ha suggerito Potrebbe ridurre i suoi aiuti allo sviluppo in Afghanistan. La Gran Bretagna ha stanziato 93,8 milioni di sterline (110 milioni di euro) per aiutare l’Afghanistan per il periodo 2021/22.

Martedì il primo ministro Boris Johnson ha confermato durante una telefonata con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden che gli aiuti umanitari saranno aumentati. Il Paese prevede inoltre di accogliere 20mila rifugiati afgani nei prossimi anni.

Nella sua lettura privata dell’invito, la Casa Bianca ha affermato che i due leader “hanno concordato sulla necessità di uno stretto coordinamento con gli alleati sul futuro degli aiuti e del sostegno all’Afghanistan ora che i talebani sono in una posizione di responsabilità” e che “hanno concordato tenere una riunione virtuale dei leader del G7 la prossima settimana per discutere una strategia e un approccio comuni”.

Nel frattempo, Johnson ha avuto contatti con il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Angela Merkel.

Merkel e Macron sono già stati in contatto sugli sviluppi in Afghanistan, in particolare per coordinare gli sforzi per spingere per una politica comune sull’immigrazione nell’Unione europea. Il presidente tedesco ha discusso della questione anche con il suo omologo italiano Matteo Draghi.

READ  Il CEO di Port Canaveral è ottimista sull'industria delle crociere nonostante i consigli del CDC

L’Italia, insieme a Grecia, Spagna e Balcani Occidentali, è una delle principali rotte per i migranti verso l’Unione Europea.

Draghi ha affermato che il G20, di cui l’Italia è attualmente presidente, è il forum “naturale” per avviare un processo di cooperazione tra paesi tra cui Cina, Russia, Arabia Saudita e Turchia, oltre all’Europa.

“Il futuro dell’Italia consiste nel difendere i diritti fondamentali, difendere i diritti delle donne e tutelare tutti coloro che in questi anni si sono rivelati per difendere questi diritti in Afghanistan. Questo deve essere fatto in tutti i contesti possibili”, ha affermato.

A fine mese è prevista una riunione ministeriale del G20 dedicata alle donne.