Agosto 9, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I francesi incolpano la Brexit mentre i viaggiatori britannici aspettano in auto per più di 7 ore per attraversare il confine

Roger Goff, il leader conservatore del Kent County Council, ha affermato che circa 3.000 autocarri pesanti sull’M20 vengono gradualmente alimentati da Dover.

Pierre-Henri Dumont, un deputato del Partito Repubblicano conservatore francese, ha respinto la responsabilità del collo di bottiglia, indicando invece la decisione della Gran Bretagna di lasciare l’Unione Europea.

Georges-Francois Leclerc, rappresentante nazionale per la regione Hauts-de-France, ha affermato di essersi assunto la piena responsabilità perché la Brexit faceva parte del suo mandato. “Tuttavia, il porto di Dover, che è un porto privato, ha trovato più facile incolpare la polizia francese che guardare i casi reali”, ha detto al canale di notizie francese BFM, aggiungendo che 200 funzionari di polizia erano in carica dalle cinque del mattino. Sabato.

funzionari di frontiera

Bannister ha affermato che il numero del personale di frontiera francese a Dover è aumentato dopo i disordini di venerdì.

Caricamento in corso

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss, che sta gareggiando per succedere a Boris Johnson come primo ministro, ha insistito sul fatto che la colpa fosse dei francesi.

Questa è una situazione causata dalla mancanza di risorse alle frontiere. “Questo è ciò che le autorità francesi devono affrontare e questo è ciò su cui sono molto chiaro con loro”, ha detto ai giornalisti nel Kent, nel sud-est dell’Inghilterra, dopo aver incontrato i membri del partito.

Anche i passeggeri diretti al servizio Eurotunnel a Folkstone hanno subito ritardi. Le code si estendevano per oltre 3 km dall’ingresso. Una famiglia ha detto alla BBC di aver trascorso più di 21 ore nel traffico in attesa di salire a bordo del treno per la Francia.

READ  Le forti piogge in Cina hanno ucciso 15 persone mentre le acque alluvionali hanno spazzato via i bambini dalle loro famiglie

I disordini arrivano durante uno dei periodi di punta dei viaggi estivi, quando molte famiglie hanno iniziato le vacanze dopo la chiusura delle scuole britanniche. Il picco del traffico stradale intorno al porto arriva mentre il caos dei viaggi continua ad affliggere il Regno Unito, con carenza di personale che interrompe i viaggi aerei e scioperi e temperature estreme che ostacolano i treni.

La colpa è anche della Brexit, secondo Lucy Morton, ufficiale di carriera presso l’ISU, un’unione di frontiera e immigrazione.

Ha detto alla BBC: “Prima della Brexit c’era il diritto di entrare – non eravamo a Schengen ma c’erano ancora controlli minimi”. “Spesso non c’erano assegni francesi”.

Reuters, Bloomberg