Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I fisici creano il più piccolo wormhole immaginabile

“Facciamo dell’incertezza un alleato e la abbracciamo”, ha affermato il dott. Spiropolou.

Per raggiungere il suo pieno potenziale, i computer quantistici avrebbero bisogno di migliaia di qubit funzionanti e di un altro milione di qubit per la “correzione degli errori”. Google spera di raggiungere questo obiettivo entro la fine del decennio, secondo Hartmut Neven, capo del Quantum Artificial Intelligence Lab dell’azienda a Venice, in California, che fa anche parte del team del Dr. Spiropolou.

Il fisico del Caltech e premio Nobel Richard Feynman una volta predisse che l’uso finale di questa forza quantistica potrebbe essere quello di indagare sulla fisica quantistica stessa, come nell’esperimento del wormhole.

“Sono entusiasta di vedere che i ricercatori possono realizzare il sogno di Feynman”, ha affermato il dott. Nevin.

L’esperimento del wormhole è stato eseguito su una copia del computer Sycamore 2 di Google, che ha 72 qubit. Di questi, il team ne ha utilizzati solo nove per ridurre la quantità di interferenze e rumore nel sistema. Due di loro erano qubit di riferimento, che svolgevano il ruolo di input e output nell’esperimento.

Gli altri sette qubit contenevano due versioni del codice che descrivevano una versione “sparsa” di un modello già semplice di un universo 3D chiamato SYK, dal nome dei suoi tre creatori: Super Sachdev dell’Università di Harvard, Gino Yee della Mississippi State University e Alexey Kitaev del Caltech. Entrambi i modelli SYK sono racchiusi negli stessi sette qubit. Nell’esperimento, questi sistemi SYK hanno agito come due buchi neri, uno convertendo un messaggio in un’assurdità – l’equivalente quantistico di ingoiarlo – e poi l’altro espellendolo di nuovo.

READ  NASA Perseverance Rover: un fascio di fili trovato su Marte

“In questo lanciamo un qubit”, ha detto il dott. Laiken, riferendosi al messaggio di input, l’analogo quantistico di una stringa di uno e zero. Questo qubit ha interagito con la prima copia del qubit SYK; Il suo significato si trasformò in un rumore casuale e scomparve.

Quindi, nel ticchettio dell’orologio quantico, i due sistemi SYK si sono collegati e uno shock di energia negativa è passato dal primo sistema al secondo, sbloccando brevemente quest’ultimo.

Quindi il segnale è riapparso nella sua forma originale e non ordinata, nel nono e ultimo qubit, che è associato al secondo sistema SYK, che rappresenta l’altra estremità del wormhole.