Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I fedora porcellino italiani sono tornati di moda

I fedora porcellino italiani sono tornati di moda

Humphrey Bogart, Michael Jackson e Al Capone avevano una cosa in comune. Tutti sono fan del cappello fedora porcelino, e sta tornando in auge in questo momento.

L’iconico marchio italiano, a lungo sinonimo di mascolinità aspra e aspra, si è ritrovato nella polvere da quando è stato costretto alla bancarotta da un capo senza scrupoli nel 2017.

Il finanziere franco-italiano Philippe Camberio ha rinnovato la vendita, rimettendola in piedi pur rimanendo fedele alle antiche tecniche tradizionali.

Il tempo si è fermato nello stabilimento Piemonte vicino ad Alessandria, a sud-ovest di Milano. Dal 1888 vengono utilizzati macchinari in legno obsoleti per produrre feltro da pile di pelo di coniglio, selezionando solo le fibre più morbide.

Vengono quindi inviati in una nuvola di vapore su un cono rotante, assumendo gradualmente la forma di un fedora, cosparso di acqua calda e bruciacchiato dalle fiamme.

Il processo è rimasto invariato da quando il marchio è stato fondato un secolo e mezzo fa.

Ci vogliono sette settimane per realizzare un cappello con circa 50 passaggi. E la maggior parte di questi passaggi viene eseguita a mano.

“Quando la nostra fabbrica è stata aperta nel 1888, i macchinari erano in anticipo sui tempi. Oggi siamo uno degli ultimi artigiani al mondo a produrre cappelli a mano”, ha dichiarato Alessandro Mortarino, Responsabile Acquisti di Porcellino.

Il pelo di coniglio viene utilizzato perché è “più morbido, più stabile e più flessibile della lana”, ha detto.

– Una nuova prospettiva di vita –

Daniel Facia, artigiano che lavora in Porcellino da 15 anni, è impegnato a disegnare il fedora del futuro. Usando gesti rapidi con precisione chirurgica, ne ha appiattito gli ampi bordi e modellato delicatamente la corona.

READ  L'Italia pensa al fondo di garanzia assicurativa dopo Eurovita, lo rivela la bozza di bilancio

“Le macchine ci aiutano, ma la parte principale è fatta a mano. Rispettiamo la tradizione”, ha detto.

Un classico fedora Borsalino costa in media 300 euro ($ 327). Ma il lussuoso Panama Montecristi, che richiede sei mesi per essere realizzato, ti riporterà fino a € 1.650.

Un poster del film “Porcelino” di Jacques Terrey del 1974, con protagonista l’attore francese Alain Delon – con indosso un fedora, ovviamente – è appeso nello showroom luminoso dell’azienda, fiancheggiato da alte scatole di cappelli di tutte le forme e colori.

Jacobo Poletti è stato nominato capo dello styling l’anno scorso, insieme alla modista parigina Maison Michel, precedentemente di proprietà di Chanel, dando nuova vita al cappellaio.

Oltre ai classici cappelli da campo o ai panama di paglia estivi, Porcellino offre ora cappellini da baseball più giocosi, cappelli a secchiello e soprattutto berretti, che secondo Politti, 44 anni, sono stati apprezzati dai giovani.

Porcellino ha beneficiato di un rinnovato interesse per i cappelli dall’inizio degli anni 2000, ha affermato il designer.

“Il cappello era considerato antiquato e rinchiuso in un armadio, ma ora è tornato di moda”, ha detto Politti.

– Clienti Donne –

Il marchio sta anche cercando di attirare più clienti donne, che ora rappresentano la metà delle sue entrate, un aumento del 30% dal cambio di proprietà.

“Il nostro obiettivo è aumentare la loro quota al 60 o 65 percento”, ha detto il proprietario Camperio ad AFP.

Dopo che le vendite si sono dimezzate nel 2020 a causa della pandemia di coronavirus, hanno iniziato a riprendersi nel 2021, aumentando del 25% a 20 milioni di euro ($ 21,8 milioni) l’anno scorso.

READ  Molte aziende in Italia sono prossime al fallimento a causa della crisi energetica

“Nel 2023, miriamo nuovamente a una crescita dei ricavi dal 20 al 25 percento”, ha dichiarato Camberio, presidente esecutivo della società di private equity Hares Equita.

L’ex capo di Borsalino, Marco Marenco, è stato condannato a cinque anni di carcere nel 2016 per bancarotta fraudolenta che ha lasciato l’azienda con 34 milioni di euro di debiti.

Ma ora quel lato è cambiato. Il 4 aprile aprirà ad Alessandria un nuovo Museo del Porcellino, dove saranno esposti più di 2.000 cappelli che rappresentano la storia dello storico marchio.

bh/em/fg