Ottobre 17, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I fan del karaoke sono tornati sotto i riflettori, ma è tempo di una rivalutazione mentre Delta si diffonde? | hobby

Wuando New Orleans ha revocato le restrizioni di Covid-19 su bar, ristoranti e locali di musica Lo scorso maggio, Ruston Henry Jr., 30 anni, è andato al Kajun’s Pub. Aveva una missione: cantare alla serata karaoke per la prima volta dall’inizio della pandemia. La sua canzone di ritorno è stata la canzone degli anni ’90 Kiss di Rose di Seal.

“Di solito sono molto conservatore, ma quando faccio karaoke, sento di poter mostrare un lato diverso di me”, dice. “Mi manca così tanto.”

Posso capire. Per 17 mesi, ho desiderato ardentemente guardare uno sconosciuto riprendersi dal crepacuore ruggendo “You Oughta Know”; per rendere omaggio all’incessante tentativo di qualcuno di cantare Halo; Portare un duetto a Michelle Branch con la mia ragazza Isabel mentre un gruppo di sponsor incondizionatamente solidali ci incoraggia.

Durante i periodi peggiori della pandemia, il karaoke sembrava un lontano faro di luce, qualcosa da aspettare con ansia quando il Covid sarà stato spazzato via e potremo festeggiare in massa. Invece siamo inciampati verso il traguardo: le sbarre si sono aperte e richiuse, le autorizzazioni alle mascherine sono state revocate e ripristinate. Locali di karaoke negli Stati Uniti e in Canada e Inghilterra Al momento sono in gran parte aperti, a vari livelli in base alla posizione. Ma con Variable Delta High, il ritorno del karaoke non ha rappresentato la festa spensierata che bramavamo.

“Non vado al karaoke ora”, dice il dottor Kimberly Brother, chimico atmosferico ed esperto di aerosol presso l’Università della California-San Diego. “Un lato di me è felice di vedere le persone che si godono la vita. L’altro lato di me è ansioso”.

Dal punto di vista della salute pubblica, la cautela di Brother ha senso. Una bocca non mascherata può inviare particelle volatili del virus Covid-19 a uno spruzzo fino a 6 piedi. C’è un sacco di potenziale contagio in una stanza, specialmente quella in cui l’obiettivo dell’unità è cantare dozzine di altre, passandosi intorno a un microfono di gruppo coperto dalla rugiada del respiro dell’ex cantante.

La dott.ssa Jelena Sribrik, decana ad interim della ricerca presso la James Clark School of Engineering dell’Università del Maryland, studia la qualità dell’aria interna ed esterna. Senza gli alti tassi di vaccinazione, dice, il karaoke indoor ha il potenziale per diventare virale, in particolare quando vengono rivelati gli artisti. Ciò è particolarmente vero nell’era delta, Ora si dice che sia contagioso come la varicella.

“Non berrai acqua da un pozzo avvelenato”, dice Sribrik. “Perché dovresti andare in un bar senza mascherina, senza farti vaccinare?”

non mi sento al sicuro

Prima che gli ordini di blocco fossero imposti nel New Jersey, Cat Cheese, che gestisce la sua attività di Karaoke Cat da oltre 20 anni, ha affermato di sentirsi a disagio nel lavorare in mezzo alla pandemia.

READ  Il PSVR 2 di Sony verrà lanciato nel 2022, ecco cosa sappiamo finora

“Mi sono sentita così sollevata”, dice dell’arresto finale. “Non si può cancellare il Covid dall’esterno del microfono”.

Sebbene Chez sia tornato al lavoro, rimane preoccupata per la salute e la sicurezza di tutti. Si è sbarazzata dei libri di canzoni fisici e ora usa il sistema mobile per accettare le richieste dei cantanti. Copre i microfoni con protezione, uno strato per i vaccinatori e uno strato per i non vaccinati: uno strato di rete e uno strato di plastica. Dice che una grande percentuale dei suoi ospiti non è immune, anche con il numero in rapido aumento di casi di varianti delta.

“Non mi sento al sicuro”, dice Chez. “Ho avuto molte persone che sono venute da me senza maschere anche prima che il mandato delle maschere fosse revocato. È molto probabile che sia così che ho contratto il Covid e l’ho diffuso ai miei figli”. Sua figlia soffre ancora di difficoltà respiratorie e problemi cardiaci a causa del virus.

Jeff Ng, proprietario di Pandora Karaoke & Bar a San Francisco, afferma che le folle notturne non sono ancora tornate ai loro numeri pre-Covid, un fenomeno che attribuisce più alla migrazione dei dipendenti tecnologici che come precauzione contro la pandemia. Ma il club è rimasto stabile da quando ha riaperto a giugno.

“Non appena le persone hanno sentito che le maschere erano facoltative, le hanno buttate via tutte”, dice Ng dei frequentatori di bar di San Francisco in generale. Nota che i fan del karaoke sono tornati con lo stesso entusiasmo.

“Non hanno rallentato affatto”, dice Ng.

Ma Delta complica la situazione. Martedì scorso, il CDC consigliato Che anche i soggetti vaccinati riprendano a indossare le mascherine negli spazi pubblici chiusi, nei luoghi dove i casi sono in aumento. Alla fine di luglio, la San Francisco Bar Owners Alliance, un gruppo industriale locale, Ha iniziato a raccomandare queste istituzioni Ai clienti che desiderano entrare è richiesta la prova della vaccinazione o un test Covid negativo di 72 ore.

Per gli estranei inesperti, queste misure di sicurezza possono sembrare estreme. Per molti scienziati, non è abbastanza estremo.

“Stiamo giocando nel virus continuando le attività che gli consentono di diffondersi”, afferma Brother. “Più a lungo lo facciamo, più a lungo aspettiamo le nostre vite. Possiamo ancora vivere la vita in altri modi. Basta non scegliere le attività più rischiose, solo un po’ più a lungo”.

difficile dilemma

In tutto il mondo, i casi di Covid continuano a essere trasmessi nei luoghi in cui è tornato il karaoke. in Aprile, La Corea del Sud ha ordinato la chiusura di locali notturni e karaoke Ancora una volta, citando i timori di una possibile quarta ondata. Di recente, a metà luglio, Singapore ha registrato il più grande aumento di casi di Covid trasmessi localmente in 10 mesi successivi 42 nuovi casi sono stati collegati a una sala karaoke. (Il karaoke è ancora contro le regole a Singapore. La lounge doveva funzionare come bar e ristorante.)

READ  Google vuole semplificare l'acquisto di foto e Chrome

Ma alcune star del karaoke trovano che la soddisfazione emotiva, e forse solo il divertimento, valga il rischio.

Dopo un divieto in tutto lo stato nell’agosto dello scorso anno, i militanti di New York hanno provato, ma senza successo, Per portare l’hobby sottoterra. E lo scorso autunno, Dopo 80 casi di Covid riportati a una serata karaoke in un bar In Quebec, alcuni si sono opposti alla mossa del boicottaggio di vietare temporaneamente l’attività. Un artista del Quebec noto come Billy Karaoke Per la stampa canadese Quel karaoke ha un “effetto terapeutico”, che durante una pandemia “è più importante che mai”.

In effetti, il canto è stato a lungo riconosciuto come benefico dal punto di vista emotivo e psicologico. Uno studio del 2016 condotto dal Centre for Performance Science presso il Royal College of Music di Londra ha mostrato che cantare in un gruppo riduce significativamente i livelli di cortisolo, un ormone dello stress, nei partecipanti. Uno studio del 2015 condotto dall’Università di Oxford Ha scoperto che i partecipanti che hanno cantato insieme si sono collegati più velocemente dei partecipanti che hanno completato attività non musicali in compagnia l’uno dell’altro.

Ma il canto di gruppo è stato anche collegato a uno dei focolai più importanti della pandemia. Marzo 2020, prova corale Nello stato di Washington ci sono stati 52 casi di COVID-19. Sono morte due persone.

In uno studio successivo sul rilascio di particelle di aerosol durante il canto, Ricercatori presso l’Università di Lund, Svezia Concludere che il canto è forte e il canto consonantico tende a Le particelle di aerosol sono altamente disperse. Secondo lo studio, più forte è la canzone, “maggiore è la concentrazione di aerosol e goccioline”.

“Il canto non ha bisogno di essere messo a tacere, ma per ora dovrebbe essere fatto attraverso misure appropriate per ridurre il rischio di diffusione dell’infezione”, ha detto in una dichiarazione ai media Jacob Lundal, professore associato di tecnologia aerosol all’Università di Lund. Alla fine, Löndahl e il suo team hanno consigliato di cantare mantenendo le distanze sociali e indossando una maschera, in un ambiente ben ventilato.

Il dottor Paul Kwak, otorinolaringoiatra e audiologo presso il Langone Sound Center della New York University, aggiunge un avvertimento ai risultati dello studio svedese.

“Puoi diventare davvero rumoroso senza rilasciare molta nebbia”, dice Kwak. “Dipende davvero da Come faccio La gente alza la voce”.

READ  Soluzioni Excel spiegate per diverse versioni

Kwak sta attualmente esaminando la relazione tra la dispersione dell’aerosol e l’efficienza sonora. I cantanti altamente qualificati di solito hanno una maggiore efficienza sonora rispetto ai cantanti dilettanti e, secondo Kwak, hanno maggiori probabilità di emettere meno particelle di aerosol. Ma dal momento che il karaoke tende ad attrarre i cantanti dilettanti, potrebbe essere vero il contrario.

Ma Kwak dice che c’è spazio per l’ottimismo. Il problema non è il canto in sé, ma l’ambiente in cui si svolge il canto. Qualsiasi spazio interno con scarsa ventilazione e un gran numero di persone rappresenterà un rischio maggiore rispetto a qualsiasi spazio esterno con un gruppo basso e socialmente distanziato.

Quindi come sarebbe un karaoke sicuro a questo punto della pandemia?

“Se le persone devono davvero fare il karaoke, possono farlo fuori?” dice Brother. “Il pericolo diminuirà. Non andrà mai a zero, ma sarà meglio. All’interno sei completamente dipendente dalla ventilazione. Senza maschere, un brutto posto al chiuso”.

Il karaoke all’aperto sarà più sicuro, fa eco Srebrich, ma il solo fatto di stare all’aperto non è una garanzia contro la propagazione di aerosol. “Se stiamo parlando di quartieri urbani circondati da edifici, ciò riduce drasticamente la quantità di aria che si ottiene”.

Ad eccezione dei single all’aria aperta, Prather suggerisce che gli stabilimenti di karaoke al coperto portino monitor portatili di CO2 in modo che gli operatori possano misurare la quantità di “aria respirata” nella loro circolazione. Dice che la diffusione del contatto ravvicinato non sarà risolta dalla ventilazione, quindi anche la filtrazione dell’aria dovrebbe essere una priorità; Prather ha recentemente collaborato con il consiglio scolastico per installare contatori di particolato, ma i filtri HEPA sono una protezione facilmente acquisibile che dovrebbe essere posizionata vicino a dove si esibiscono i cantanti.

“La cosa migliore che puoi fare per controllare questo virus è fermarlo alla fonte”, afferma, osservando che i microfoni da bavero sotto le maschere, che sono spesso utilizzati nei campi professionali, possono essere utilizzati anche nelle impostazioni del karaoke per ridurre gli aerosol. .

È una situazione difficile. Come scrisse una volta Bertolt Brecht: “Nei tempi bui ci sarà anche il canto? Sì, ci sarà anche il canto dei tempi bui”. Nell’epico karaoke durante il Covid, il conforto spirituale del cantare durante i tempi bui rischia di perpetuare ulteriormente i tempi bui. Possiamo cantare nei nostri bagni, giusto?

Ma il divertimento del karaoke sta nella fratellanza. Perché un’azienda possa esistere, dobbiamo sopravvivere.

“Le persone devono capire che non puoi cantare a un microfono che qualcun altro ha appena cantato se non sei stato vaccinato”, dice Chase. “Il karaoke è un’ottima terapia, ma non vogliamo che nessuno finisca in un reparto Covid”.