Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I droni attaccano il Mar Nero, la Crimea e parti della Russia dove migliaia di persone hanno subito interruzioni di corrente

I droni attaccano il Mar Nero, la Crimea e parti della Russia dove migliaia di persone hanno subito interruzioni di corrente

Diverse parti della Russia, del Mar Nero e della Crimea sono state colpite da attacchi di droni provenienti dall’Ucraina nelle prime ore di lunedì, poiché gli attacchi hanno ostacolato le operazioni di traffico aereo sui due principali aeroporti di Mosca, hanno detto i funzionari.

Lunedì il ministero della Difesa russo ha dichiarato che i sistemi di difesa aerea russi hanno distrutto quattro droni lanciati dall’Ucraina sulla parte nordoccidentale del Mar Nero e sulla penisola di Crimea.

Il ministero ha affermato in un post separato che altri quattro droni sono stati distrutti sulle città di confine russe di Kursk e Belgorod.

I funzionari non hanno segnalato immediatamente alcun danno o ferito a seguito degli attacchi segnalati.

Anche la regione russa di Tula è stata attaccata dai droni nelle prime ore di lunedì, con il paese che ha utilizzato sistemi di difesa aerea per respingere gli attacchi, hanno detto i funzionari.

L’Agenzia d’informazione russa ha riferito che la difesa aerea è stata attivata sull’area confinante con Mosca da nord.

Il Ministero russo per la Sicurezza regionale ha affermato che, secondo le informazioni preliminari, non sono stati segnalati danni o feriti a seguito dell’attacco.

Gli ultimi attentati della mattinata hanno causato una limitazione del traffico aereo e due dei principali aeroporti di Mosca, Vnukovo e Domedovo, hanno ridotto le loro operazioni lunedì. L’agenzia di stampa TASS ha riferito che i voli diretti a questi aeroporti sono stati reindirizzati verso altri aeroporti.

READ  40 milioni di utenti Twitter in Nigeria sono stati banditi dal sito con l'entrata in vigore della sospensione imposta dal governo government

Una città russa situata subito dopo le città di Bryansk e Kursk, al confine con l’Ucraina, è stata recentemente testimone di crescenti attacchi e interruzioni di corrente.

Alla fine di agosto, il ministero della Difesa russo ha affermato che le sue difese aeree avevano distrutto due droni sopra la città, ma non ha fornito ulteriori dettagli sui danni e sulle vittime derivanti dall’intercettazione, se presenti.

Inoltre, non ha condiviso l’ora e il luogo specifici dell’attacco.

La settimana scorsa, una potente esplosione ha scosso la città russa, seguita da una grave interruzione di corrente, che ha colpito migliaia di persone nella zona.

I residenti locali hanno riferito di aver sentito il rumore di un’esplosione nelle immediate vicinanze prima che le luci si spegnessero nel distretto di Zarechensky.

L’Agenzia d’informazione russa ha riferito che circa 5.000 residenti della zona hanno subito un’interruzione di corrente.

Ma un funzionario russo ha detto che l’esplosione e l’interruzione di corrente non erano collegate.

Il Ministero russo per le Emergenze ha affermato giovedì che l’interruzione di corrente è stata causata da un malfunzionamento tecnico e non era correlata ad alcun rumore di esplosione.

Ha inoltre respinto i rumori sentiti dai residenti come causati da esplosioni e ha ipotizzato che fossero causati dall’aereo che virava a “velocità ipersonica”.

Il ministero ha affermato che i lavori per ripristinare la fornitura di energia a Zarechensky “saranno completati nel prossimo futuro”.