Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I diplomatici statunitensi, europei e britannici si riuniscono per incoraggiare l’Australia a intensificare l’azione per il clima | politica australiana

I diplomatici europei, britannici e statunitensi si sono incontrati fino a tre volte a Canberra negli ultimi mesi per discutere su come incoraggiare l’Australia a considerare tagli più forti alle emissioni di gas serra.

Guardian Australia potrebbe rivelare che i diplomatici di paesi che la pensano allo stesso modo stanno parlando di come avviare un dialogo con l’Australia, con l’obiettivo di alzare l’asticella delle sue ambizioni climatiche in vista di una cruciale conferenza internazionale a novembre.

Oltre a perseguire l’impegno con il governo australiano, le possibili opzioni includono il contatto con associazioni imprenditoriali e gruppi agricoli.

L’ultimo incontro, svoltosi giovedì scorso, comprendeva ambasciatori e Alti Commissari o Vice Capi Missione di Regno Unito, Stati Uniti, Unione Europea, Danimarca, Francia, Italia, Germania, Canada, Svezia e Svizzera.

I colloqui arrivano mentre il governo Morrison affronta crescenti richieste, sia in Australia che a livello internazionale, di impegnarsi formalmente a zero netto entro il 2050 e aumentare il suo obiettivo 2030, che rimane sulla linea dell’era Abbott per ridurre le emissioni del 26-28% rispetto al 2005.

Fonti diplomatiche a Canberra hanno descritto gli incontri come “eventi di comunicazione” tra paesi che la pensano allo stesso modo.

Una fonte ha affermato che i partecipanti stavano cercando modi per “spingere” l’Australia verso l’aumento delle sue promesse, compreso un obiettivo a medio termine, dato che il prossimo decennio è fondamentale per mantenere l’obiettivo di Parigi di limitare il riscaldamento a 1,5°C rispetto alla pre-stagione. . livelli.

Ma un’altra fonte che ha familiarità con i colloqui ha affermato che miravano a rafforzare il dialogo con l’Australia.

Gli incontri sono stati organizzati dal Regno Unito, che sta cercando di ospitare Cop26 a Glasgow a novembre Mobilitare tutti i paesi per rafforzare i propri impegni.

L’Alto Commissario britannico, Vicki Triddle, ha twittato vagamente venerdì sera sull’ultimo incontro, affermando che è stato “un piacere riunire colleghi che la pensano allo stesso modo per confrontare le note” sull’azione per il clima – ma finora il focus dei colloqui non è stato riportato . .

Quando è stato contattato per commentare gli incontri di Canberra, un portavoce del governo del Regno Unito ha dichiarato: “Come presidente di Cop26… il Regno Unito continua a lavorare con tutte le parti sulla nostra ambizione condivisa per Cop in meno di 100 giorni.

“Accelerare la cooperazione è un obiettivo chiave di Cop26 e garantire un risultato positivo è una nostra responsabilità condivisa”.

Gli Stati Uniti – che sotto l’amministrazione Biden hanno promesso di tessere la crisi climatica Nel tessuto di tutti i suoi impegni diplomatici Resta anche inteso che partecipa attivamente alle conversazioni.

“Ci incontriamo regolarmente con i nostri contatti australiani e diplomatici sulla nostra ambizione condivisa di affrontare il cambiamento climatico”, ha detto un portavoce dell’ambasciata statunitense.

Il portavoce degli Stati Uniti ha aggiunto: “Nessuno di noi può farlo da solo. Lavorare insieme per sviluppare e investire in tecnologie verdi giocherà un ruolo enorme nell’affrontare la crisi climatica, oltre a stabilire nuovi obiettivi climatici più ambiziosi”.

Un portavoce dell’UE ha affermato che è “impegnata in discussioni regolari con molte parti interessate sulla necessità che tutti i paesi intraprendano un’azione per il clima più ambiziosa”.

Il primo ministro, Scott Morrison, ha affermato più volte che il suo governo vuole raggiungere le emissioni nette zero il prima possibile, preferibilmente entro il 2050, ma finora non ha rispettato rigorosamente. Di fronte all’opposizione del suo membro più giovane dell’alleanza, Cittadini.

“Ok, stiamo lavorando a un piano per come [net zero] È realizzabile, perché in Australia, alla gente piace conoscere il costo e come ci si arriva”, ha detto Morrison a Triple J’s Hack la scorsa settimana.

Il governo australiano ha ripetutamente promosso un approccio “tecnologico e non fiscale” alla politica climatica. A margine del vertice del G7 in Cornovaglia il mese scorso, Morrison Fai accordi con Giappone e Germania Sviluppare la tecnologia per aiutare a raggiungere “emissioni nette zero in futuro”.

Ma l’amministrazione Biden ha Preoccupazioni pubbliche espresse in precedenza Ha trasformato la traiettoria degli impegni di riduzione delle emissioni dell’Australia e implica che lo sviluppo tecnologico, sebbene importante, non è stato sufficiente da solo.

Mike Goldman, Incaricato d’Affari presso l’Ambasciata degli Stati Uniti, ha Riferito sia all’Australia che agli Stati Uniti È necessario fissare “obiettivi climatici più ambiziosi”.

A febbraio, l’inviato per il clima di Joe Biden, John Kerry, riconoscere pubblicamente Precedenti “differenze” tra Stati Uniti e Australia nell’affrontare la crisi climatica mentre chiedono un’uscita più rapida dall’energia a carbone.

All’inizio di questa settimana, il presidente del Regno Unito nominato per il vertice Cop26, Alok Sharma, Esprimere la sua delusione L’incontro di due giorni a Londra non è riuscito a ottenere un accordo da parte di tutti i paesi per eliminare gradualmente l’energia a carbone.

I ministri di oltre 50 paesi hanno concordato di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, ma Sharma ha affermato: “Se non firmiamo con tutti i paesi l’eliminazione graduale del carbone, mantenere 1,5°C a portata di mano sarà molto difficile”.

READ  Continua la guerra tra Russia e Ucraina, Mariupol viene aggredita violentemente, Peter Malinauskas, vincitore delle elezioni sudafricane del 2022, presta giuramento e il funerale privato di Kimberly Kitching a Melbourne