Giugno 15, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I detriti che cadono da un missile cinese tornano sulla Terra: gli scienziati non sono sicuri di dove sia atterrato

Un enorme pezzo di spazzatura spaziale sta per tornare nell’atmosfera terrestre in modo incontrollabile, minacciando di gettare detriti in un certo numero di città in tutto il mondo nei prossimi giorni. È un residuo del primo modulo in Cina Nuova stazione spaziale Tianhe – E nessuno sa dove atterrerà.

Il razzo cinese Long March-5B da 46.000 libbre ha recentemente lanciato in orbita il primo modulo della stazione spaziale recentemente installato nel paese. Dopo aver separato il nucleo dal resto del razzo, deve aver seguito un percorso di volo predeterminato verso la periferia.

Ma ora, gli scienziati hanno poca idea di dove andrà a finire Orbite intorno al pianeta Inaspettatamente ogni 90 minuti, con una media di 17.324 mph. Mentre vola nell’atmosfera e sembra vacillare, sta lentamente perdendo la sua altezza.

La sua rapida velocità rende quasi impossibile prevedere dove atterrerà, ma si prevede che approderà nei prossimi giorni.

La Cina lancia l'unità base della stazione spaziale Tianhe
Il razzo Long March-5B Y2 che trasporta l’unità base della stazione spaziale cinese, Tianhe, decolla dal sito di lancio della navicella spaziale Wenchang il 29 aprile 2021, a Wenchang, nella provincia cinese di Hainan.

VCG / VCG tramite Getty Images


“L’US Space Command è a conoscenza e traccia il sito cinese Long March 5B nello spazio, ma il suo esatto punto di ingresso nell’atmosfera terrestre può essere determinato solo entro poche ore dal suo ritorno, che dovrebbe avvenire intorno all’8 maggio”, il presentatore disse. Angela Webb, per gli affari pubblici del comando spaziale degli Stati Uniti, ha detto a CBS News.

A partire da martedì, il 18 ° Space Control Squadron, che sta monitorando più di 27.000 oggetti creati dall’uomo nello spazio, farà uno spettacolo. Aggiornamenti quotidiani Sulla posizione del corpo del missile. Lo sono anche molte altre agenzie Traccia Il suo movimento.

Nonostante molte speculazioni, nessuno sa dove siano caduti i rottami. Ha la capacità di atterrare negli Stati Uniti, Messico, America Centrale, Sud America, Africa, India, Cina o Australia.

Molto probabilmente, atterrerà nell’oceano, che costituisce oltre il 70% del pianeta, o in un’area disabitata. Tuttavia, essendo uno dei più grandi veicoli spaziali a rientrare in modo incontrollato, c’è ancora il rischio che i detriti atterrino in un’area urbana.

Ma, ancora una volta, le probabilità sono basse.

2021-035b-123l.png
I potenziali siti di ritorno sono ovunque lungo il percorso di terra blu e giallo.

Aerospace Corporation


Secondo William Harwood di CBS News, “Una gran parte del missile brucerà nell’atmosfera e le possibilità di colpire qualsiasi persona o comunità particolare da detriti sopravvissuti sono remote”.

Ma non doveva succedere.

“Perché il missile cinese cadrà senza controllo non è affatto chiaro”, ha detto Harwood. “I missili statunitensi (e la maggior parte degli altri missili) sparano regolarmente con i loro motori per mirare alle operazioni di rientro nel Pacifico meridionale per garantire che i detriti non cadano nelle aree popolate”.

La China National Space Administration ha avuto problemi a rientrare in passato. Nel 2018, Tiangong 1, La defunta stazione spaziale cinese, ha fatto un rientro incontrollato ed è atterrata da qualche parte nell’Oceano Pacifico. Nel maggio dello scorso anno, un altro missile Long March-5B è caduto nell’atmosfera, atterrando infine vicino alla costa occidentale dell’Africa.

Il rientro più disgregante in un’area popolata è stato lo shuttle Columbia, entrato nel febbraio 2003. Quando 200.000 libbre di astronave si sono schiantate sul Texas, una grande quantità di detriti è caduta a terra, ma non ci sono state vittime.

Allo stesso modo, quando rientrò nello Skylab nel 1978, il relitto cadde sull’Australia occidentale, ma non furono riportati feriti.

William Harwood ha contribuito a questo rapporto.

READ  La Russia prevede di lanciare la propria stazione spaziale dopo il ritiro dalla Stazione spaziale internazionale