Aprile 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I critici cinesi diventano creativi dopo che Pechino ha rimosso dai social media i video virali dei residenti arrabbiati di Shanghai

Netizen cinesi arrabbiati hanno sfidato la censura a Pechino cercando di “rimanere in vita” in un video virale che documenta le esperienze di privazione e dure tattiche dei residenti di Shanghai sotto il rigido blocco della città.

Il blocco completo di Shanghai è iniziato all’inizio di aprile, anche se molte persone sono rimaste in casa più a lungo e la tensione ha messo a dura prova i residenti.

Sui social media, i netizen hanno combattuto contro la censura venerdì sera per aver condiviso un video di 6 minuti intitolato The Voice of April, un montaggio di voci registrate nel corso dell’epidemia a Shanghai.

Passeggiando per i silenziosi grattacieli di Shanghai, il video è composto da residenti che si lamentano della mancanza di cibo e medicine, nonché delle dure tattiche delle autorità cittadine.

Scarica

Tutti i riferimenti diretti al film sono stati rimossi dal servizio di microblogging Weibo entro sabato mattina, anche se rimangono alcuni commenti critici sulla censura.

Uno di loro ha detto: “Posso solo dire che se non vuoi sentire nemmeno una piccola quantità di voci reali, è davvero senza speranza”.

A molti è stata ricordata la rabbia esplosa sui social media due anni fa dopo la morte di Li Wenliang per COVID-19.

La polizia ha rimproverato il dottor Li per aver condiviso informazioni “false” su una nuova malattia infettiva simile alla SARS a Wuhan alla fine del 2019.

READ  Ruapehu si riprende mentre gli sciatori si riversano sulle piste

“Dott. Lee, dopo due anni non è cambiato nulla”, ha detto un altro utente su Weibo.

Tuttavia, alcuni utenti di Internet hanno sperimentato possibili modi per aggirare la censura, incorporando collegamenti con codice QR a un video o persino il video stesso in altri contenuti.

Scarica

‘stringi i denti’

Nonostante la rabbia e la frustrazione tra i residenti nei complessi di appartamenti chiusi a Shanghai, i funzionari locali sottolineano che non ci sarà tregua fino a quando tutti i nuovi casi non saranno rimossi al di fuori delle aree di quarantena.

“Più il periodo diventa critico, più dobbiamo stringere i denti e concentrare le nostre forze”, ha affermato venerdì scorso il sindaco di Shanghai Gong Zheng sul canale ufficiale del governo di Shanghai WeChat.