Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I conservatori britannici perdono il seggio del North Shropshire che detengono da quasi 200 anni

Il partito conservatore del primo ministro britannico Boris Johnson ha subito una splendida sconfitta in un’elezione parlamentare suppletiva che è stata di fatto un referendum sul suo governo, in mezzo a settimane di scandali e crescenti infezioni da COVID-19.

Il liberaldemocratico Helen Morgan ha ribaltato la maggioranza conservatrice di quasi 23.000 voti rispetto alle precedenti elezioni per vincere il concorso di giovedì nel North Shropshire, un’area rurale nel nord-ovest dell’Inghilterra che il conservatore ha rappresentato quasi ininterrottamente dal 1832.

L’elezione è stata indetta dopo le dimissioni dell’ex deputato conservatore, Owen Patterson, nel mezzo di uno scandalo di corruzione.

Il suo risultato aumenterà la pressione su Johnson appena due anni dopo essere stato rieletto con una maggioranza apparentemente di 80 seggi in Parlamento.

Tuttavia, la sua autorità è stata erosa nelle ultime settimane da:

  • Presumibilmente lui e il suo staff hanno partecipato alle feste di Natale l’anno scorso mentre il paese era in isolamento
  • Sforzi per proteggere un alleato dalle accuse di pressioni illegali
  • Suggerimenti che ha erroneamente accettato donazioni per finanziare la sontuosa ristrutturazione della sua residenza ufficiale.

Paura della malattia da Covid-19

In questo contesto, sostenitori e oppositori mettono in discussione la gestione della pandemia da parte di Johnson dopo che le infezioni da COVID-19 sono aumentate a livelli record questa settimana quando la variante trasmissibile di Omicron si è diffusa in tutto il Regno Unito.

“Il popolo del North Shropshire stasera ha parlato a nome del popolo britannico”, ha detto Morgan nel suo discorso di vittoria.

“Boris Johnson, la festa è finita”, hanno detto forte e chiaro. “Il tuo governo, che opera su menzogne ​​e conflitti, sarà ritenuto responsabile, sarà sfidato, può essere sconfitto e sarà sconfitto”.

Donna in piedi sul podio che parla
La liberale democratica Helen Morgan viene dichiarata vincitrice delle elezioni suppletive del North Shropshire.(Afp: Jacob King)

Il risultato di giovedì è stata la seconda sconfitta dei conservatori nelle elezioni suppletive di quest’anno.

A giugno, la liberale democratica Sarah Green ha vinto le elezioni suppletive a Chesham e Amersham, un distretto elettorale a nord-ovest di Londra che è stata una roccaforte tradizionale dei conservatori.

Johnson è diventato primo ministro quasi due anni e mezzo fa, attingendo al suo sostegno alla Brexit e alla sua immagine accuratamente orchestrata di politico umile ma simpatico.

Ha rafforzato la sua posizione convocando elezioni anticipate appena cinque mesi dopo, dopo che il Parlamento ha respinto l’accordo di recesso da lui negoziato con l’Unione europea.

I conservatori hanno vinto 365 seggi alle elezioni, 80 in più di tutti gli altri partiti messi insieme.

Ma la Brexit non è più la questione centrale della politica britannica.

L’impatto dell’epidemia

Molti elettori sono frustrati due anni dopo che la pandemia che ha ucciso più di 147.000 persone, ha portato a una serie di chiusure e ha danneggiato l’economia.

I legislatori conservatori si sono ribellati all’inizio di questa settimana, con 99 membri del partito di Johnson che hanno votato contro la sua proposta di richiedere la prova della vaccinazione o un test COVID-19 negativo per entrare nei locali notturni e nei grandi eventi. Questa misura è stata approvata solo perché il partito laburista dell’opposizione l’ha approvata.

Poi ci sono gli scandali e i passi falsi che hanno fatto sembrare il signor Johnson più qualcuno che ha perso il controllo che il suo personaggio preferito di un leader un po’ spettinato e troppo impegnato anche solo per pettinarsi.

Il primo ministro britannico Boris Johnson lascia il numero 10 di Downing Street
Il primo ministro britannico Boris Johnson ha ricevuto critiche per la sua gestione della risposta del Paese al COVID-19. (AFP: Frank Augustine)

È stato costretto a scusarsi il mese scorso dopo aver cercato di modificare le regole parlamentari per evitare di incolpare Patterson, che ha esercitato pressioni sulle agenzie governative per conto delle società per cui lavorava. Patterson alla fine si è dimesso, il che ha portato a un’elezione suppletiva nel North Shropshire.

Da allora, Johnson ha dovuto affrontare una serie di notizie secondo cui lui e il suo staff hanno partecipato alle feste di Natale lo scorso novembre e dicembre in un momento in cui le restrizioni del COVID-19 impedivano a chiunque altro di visitare gli amici o persino di confortare i parenti morenti in ospedale.

Johnson inizialmente ha messo in pausa la sua posizione, dicendo che non c’erano partiti e nessuna regola era stata infranta.

Dopo che è emerso un video in cui i dipendenti sembravano evidenziare gli abusi, Johnson è stato costretto a chiedere un’indagine.

I membri parlano

Anche alcuni membri del partito di Johnson ne hanno avuto abbastanza adesso.

Roger Gill, un deputato conservatore dal 1983, ha affermato che il risultato nel North Shropshire è stato un chiaro segnale che il pubblico non era soddisfatto del modo in cui Johnson gestiva il governo.

Ma Charles Walker, un altro deputato conservatore, ha affermato che il risultato ha più a che fare con la rabbia e la stanchezza che le persone provano a due anni dall’inizio della pandemia.

Pur ammettendo gli errori, Walker ha sottolineato che non era insolito per un partito al governo subire sconfitte nelle elezioni suppletive.

“Ogni volta che c’è un risultato come questo, la gente dice che è sismico, la gente dice che è un’onda d’urto, è uno tsunami di cambiamenti, a volte lo è, a volte no”, ha detto alla BBC.

AP

READ  Imran Khan, primo ministro del Pakistan, rimosso con un voto di sfiducia