Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I cinesi in Italia si sentono puniti dalle regole del COVID Green Pass

Immagine, Luogo di lavoro, Italia, 18 ottobre 2021. Staff Reuters_tickers

Questo contenuto è stato rilasciato il 19 ottobre 2021 – 18:24

Sylvia Ogniben

Prato, Italia (Reuters) – Una delle più grandi comunità cinesi d’Italia è stata ingiustamente punita dal lasciapassare sanitario COVID-19 obbligatorio del governo e ha chiesto alle autorità una spiegazione flessibile delle regole.

Il cosiddetto Green Pass, un vaccino che dimostra l’immunità del governo attraverso test precedenti o un test negativo, ha scatenato proteste in diverse città italiane dal 15 ottobre, quando il governo lo ha reso obbligatorio nei luoghi di lavoro.

Recenti lamentele sono arrivate da oltre 25.000 comunità cinesi a Prato, una città toscana che è cresciuta attorno alla rinomata industria tessile locale.

Vaccino cinese Molte persone sono state vaccinate in Cina da Sinovac, che non si qualifica per il Green Pass.

Luca So Long, leader della comunità cinese pratese, ha scritto una lettera al presidente toscano Eugenio Gianni chiedendogli di risolvere il “divieto burocratico” che impedisce a molti cinesi di andare al lavoro.

“È chiaro che questa condizione comporta notevoli difficoltà nella produzione, non a causa della mancanza di vaccino, ma a causa dell’impossibilità di ottenere la certificazione”, ha scritto Long in una lettera pubblica martedì.

Gli unici vaccini approvati dall’Italia ai fini del Green Pass sono Pfizer, Moderna, Johnson & Johnson & Astrogeneneka, e il primo ministro Mario Draghi ha espresso sospetti personali su Sinovak.

“Il vaccino cinese… ha dimostrato che non basta”, ha detto a giugno.

Né il governo né le autorità toscane hanno ancora risposto alla richiesta di Lang, ma la comunità cinese di Prato potrebbe essere rassicurata da un caso simile che coinvolge San Marino, una piccola repubblica senza sbocco sul mare circondata dal nord Italia.

San Marino, a differenza dell’Italia, ha autorizzato l’uso del vaccino russo Sputnik, e Roma questa settimana ha stabilito che i residenti della zona che lavorano in Russia e si sparano in Russia saranno esentati dal portare il green pass fino al 31 dicembre.

(Scritto da Gavin Jones, montaggio di Giles Elkut)

READ  Venezia fa scalpore con l'import statunitense in Lega Italiana