Settembre 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I booster israeliani del vaccino COVID-19 mostrano segni di domare un delta

A meno di un mese dall’inizio della campagna di promozione del vaccino COVID-19, Israele sta vedendo segni di impatto sugli alti tassi di infezione del paese e sui tassi di malattie gravi alimentati dalla variante delta in rapida diffusione, affermano funzionari e scienziati.

Il Delta ha colpito Israele a giugno, proprio mentre il Paese iniziava a raccogliere i frutti di uno dei vaccini più veloci al mondo.

Con l’economia aperta e la maggior parte delle restrizioni revocate, Israele è passato da infezioni giornaliere a una cifra e zero decessi a circa 7.500 casi giornalieri la scorsa settimana, 600 persone sono state ricoverate in gravi condizioni e più di 150 persone sono morte solo in questa settimana.

Il 30 luglio ha iniziato a somministrare una terza dose del vaccino Pfizer/BioNtech alle persone con più di 60 anni, primo Paese a farlo. Giovedì ha ampliato l’idoneità per includere 40 anni e più a cui è stata somministrata la seconda dose almeno 5 mesi fa, dicendo che la durata della vita potrebbe diminuire ulteriormente.

Negli ultimi 10 giorni, l’epidemia è diminuita tra la prima fascia di età e più di un milione di loro ha ricevuto una terza dose del vaccino, secondo i dati del Ministero della Salute israeliano e gli scienziati intervistati da Reuters.

La prevalenza della malattia tra le persone vaccinate di età pari o superiore a 60 anni – nota come tasso di riproduzione – ha iniziato a diminuire costantemente intorno al 13 agosto ed è scesa a meno di 1, indicando che ogni persona infetta trasmette il virus a meno di un’altra persona. Un tasso di riproduzione inferiore a 1 significa che l’epidemia si sta attenuando.

READ  La NASA rinvia il primo storico volo innovativo in elicottero su Marte

Le dosi di richiamo hanno un effetto sull’infezione, hanno detto gli scienziati, ma è probabile che anche altri fattori contribuiscano al declino.

“I numeri sono ancora molto alti, ma ciò che è cambiato è che l’enorme aumento del tasso di infezioni e casi gravi è diminuito e il ritmo dell’epidemia è diminuito”, ha affermato Eran Segal, uno scienziato dei dati presso il Weizmann Institute. . Consulente scientifico e governativo.

“Ciò è probabilmente dovuto alle terze dosi di richiamo, all’assorbimento di persone che assumono la prima dose e al gran numero di persone infette a settimana, forse fino a 100.000, che ora sono naturalmente immuni”, ha detto Segal.

BOOSTER VS LOCKDOWN

Dopo aver raggiunto uno dei tassi di infezione pro capite più alti al mondo questo mese, la domanda ora è se Israele può uscire da un quarto focolaio senza imporre un altro blocco che danneggerebbe la sua economia.

Sono emerse prove che dimostrano che mentre il vaccino è ancora molto efficace nella prevenzione di malattie gravi, la sua protezione sta diminuendo nel tempo. Ma non c’è consenso tra scienziati e agenzie sulla necessità di una terza dose e l’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che più persone nel mondo devono essere vaccinate con la prima dose prima che le persone ricevano. terza dose.
Le persone aspettano in fila alla stazione MDA per ricevere i vaccini contro il coronavirus a Tel Aviv, 14 agosto 2021 (Fonte: AVSHALOM SASSONI / MAARIV)

Gli Stati Uniti hanno annunciato l’intenzione di offrire dosi di richiamo a tutti gli americani, otto mesi dopo la seconda dose di vaccino, citando dati che mostrano una protezione ridotta. Anche Canada, Francia e Germania hanno pianificato campagne di rafforzamento.

READ  La Stazione Spaziale Internazionale segnala preoccupazioni dopo i problemi al motore con il nuovo modulo russo

Finora circa 1 milione dei 9,3 milioni di residenti in Israele ha scelto di non essere vaccinato affatto e i bambini sotto i 12 anni non hanno ancora i requisiti per l’iniezione. Giovedì, i funzionari sanitari hanno affermato di aver identificato un’immunità debole tra le persone di età inferiore ai 40 anni, sebbene relativamente pochi abbiano sviluppato una malattia grave.

Secondo Doron Gazet, un membro del team di esperti COVID-19 dell’Università Ebraica che consiglia il governo, l’aumento dei casi di persone gravemente mal vaccinate nel gruppo 60 e oltre è costantemente rallentato fino a fermarsi negli ultimi 10 giorni.

“Lo attribuiamo ai colpi potenziati e al comportamento più cauto di recente”, ha detto Gazit.

Secondo il ministero della Salute, più della metà degli ultrasessantenni ha ricevuto una terza iniezione.

Secondo Gazet, il tasso di nuovi casi gravi tra i pazienti non vaccinati di età pari o superiore a 70 anni è ora sette volte superiore a quello dei pazienti vaccinati e il divario continuerà a crescere finché l’infezione aumenterà. Tra gli over 50 il divario è quattro volte maggiore.

“Siamo ottimisti, ma molto cauti”, ha detto domenica a Kan il ministro della Sanità israeliano Nitzan Horowitz. “Ci dà più tempo, lo spread rallenta e ci allontaniamo dalla chiusura”.

Ma anche se i booster stessero rallentando il ritmo dell’epidemia, era improbabile che impedissero completamente Delta.

Dvir Aran, scienziato dei dati biomedici presso Technion – Mentre i casi stanno diminuendo, ha affermato l’Israel Institute of Technology, sono necessarie altre misure oltre ai rinforzi per fermare l’epidemia. “Ci vorrà molto tempo perché un numero sufficiente di persone riceva una terza dose e per allora migliaia di persone si ammaleranno gravemente”.

Dall’ondata di Delta, Israele ha reimpostato l’uso di maschere in spazi chiusi, riunioni ristrette e ha intensificato i test rapidi.

READ  Dove aspettarsi aumenti di Covid negli USA e consigli sulla sicurezza

La politica “convivi con il COVID” sarà messa alla prova a settembre, quando le scuole riaprono dopo le vacanze estive e quando inizierà la stagione delle vacanze ebraiche, quando le famiglie tradizionalmente si riuniscono per festeggiare.