Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I bengalesi impiegati in Italia quest’anno hanno mandato a casa 800 milioni di dollari

I bengalesi impiegati in Italia quest’anno hanno mandato a casa 800 milioni di dollari

Gli espatriati del Bangladesh in Italia hanno rimesso 800 milioni di dollari nei primi otto mesi del 2023

L’Italia, uno dei paesi più redditizi per i lavoratori dell’Asia meridionale, quest’anno sta assumendo un gran numero di lavoratori dal Bangladesh, in particolare nei settori agricolo, agricolo, alberghiero e manifatturiero.

Secondo il Bureau of Manpower, Employment and Training (BMET), circa 14.434 lavoratori provenienti dal Bangladesh sono stati impiegati in vari settori in Italia fino al 20 settembre 2023, il numero più alto in un anno.

Nel 2023 il Paese mediterraneo impiega un totale di 82.705 lavoratori stagionali e non stagionali provenienti da 33 Paesi extra-UE, compreso il Bangladesh.

I lavoratori stagionali sono solitamente impiegati nel settore agricolo o alberghiero, mentre i lavoratori non stagionali sono governanti, maestri d’ascia, venditori, infermieri, fabbri, elettricisti, tecnici di laboratorio, autisti, addetti alle pulizie, saldatori, operai edili, idraulici e bidelli.

Gli esperti del settore sperano che l’aumento della migrazione regolare aiuterà a combattere gli irregolari, poiché molte persone perdono la vita ogni anno cercando di raggiungere l’Italia attraverso processi illegali nel Mediterraneo.

Asif Anam Siddiqui, Primo Segretario (Lavoro) presso l’Ambasciata del Bangladesh a Roma, ha dichiarato a The Business Standard che i lavoratori del Bangladesh sono noti per la loro diligenza e rapidità nell’ottenere opportunità di lavoro all’estero.

“La loro presenza in Italia, insieme alla loro forte rete, ha svolto un ruolo significativo nel reclutare nuovi lavoratori”, ha aggiunto.

Gli espatriati del Bangladesh in Italia hanno rimesso 800 milioni di dollari nei primi otto mesi del 2023.

Reclamo per prezzo elevato

Tuttavia, i lavoratori si sono lamentati di spendere fino a Tk15 lakh per le spese di migrazione che non dovrebbero superare Tk2-Tk2,5 lakh.

READ  Vino 101: Italia: Marche

“Le autorità italiane non hanno menzionato alcun costo di migrazione. Costa 16 euro come marca da bollo governativa. I richiedenti devono sostenere la richiesta del visto e il biglietto aereo”, ha detto Asif Anam Siddiqui.

Tuttavia, ammettendo le accuse, il diplomatico ha spiegato che “un gruppo sta sfruttando la procedura dei visti, che richiede in particolare una terza parte”.

Questo requisito di riferimento fa sì che terzi ricevano somme ingenti, ha aggiunto.

Shamim Ahmed Chowdhury Noman, ex segretario generale della Bangladesh Association of International Recruiting Agencies (BAIRA), sebbene molte agenzie di reclutamento siano coinvolte nell’invio di lavoratori in Italia.

Tuttavia, non era consapevole degli alti costi della migrazione.

Tipi di visto

Nell’ambito del Programma per i lavoratori stagionali, un lavoratore può lavorare nel settore agricolo o alberghiero in Italia per 6-9 mesi a stagione.

Tuttavia, i lavoratori agricoli del Bangladesh hanno violato i termini del programma non tornando a casa dopo ogni stagione, spingendo l’Italia a privare il Bangladesh di questo privilegio nel 2012.

I lavoratori che hanno superato la scadenza del visto hanno affermato di non essere riusciti a guadagnare abbastanza in un periodo di tempo così breve rispetto all’importo pagato alle agenzie di reclutamento.

Il 12 ottobre 2020, l’Italia ha guidato i lavoratori stagionali del Bangladesh, insieme a molti altri, inserendoli nel “Decreto Flussi”, una quota specifica concessa ogni anno dall’Italia per i cittadini non appartenenti all’Unione Europea (UE). Lavorare in campagna.

Quest’anno sono 44.000 i visti stagionali per i cittadini dei Paesi extra-UE, e 38.705 i visti riservati ai lavoratori non stagionali.

La durata del visto non stagionale è di due anni, con possibilità di proroga.

READ  Il Sangiovis è l'uva più apprezzata

Come possono viaggiare i lavoratori in Italia?

Le autorità italiane classificheranno le domande ricevute entro il 31 dicembre 2023 e selezioneranno i candidati ammissibili.

Nel processo di reclutamento in Italia, il reclutatore inizia richiedendo un certificato senza impegno (NOC noto come Nulla Osta) all’ufficio DC locale utilizzando l’indirizzo e-mail designato.

Il NOC include il nome e il numero di passaporto del candidato. Una volta rilasciato, il datore di lavoro lo inoltra al potenziale lavoratore in Bangladesh, il quale poi richiede il visto italiano presso l’ambasciata e allega il NOC.

All’arrivo in Italia con il visto, il lavoratore, insieme al datore di lavoro, firma un contratto di lavoro presso l’ufficio DC locale, accompagnato da un’imposta di bollo prescritta dal governo di 16 euro.

A chi utilizza lo sportello per presentare domanda può essere addebitato un massimo di 300 euro, ma non ci sono altri costi legati al processo di richiesta.