Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Hubble cattura “l’anello di Einstein”

Una nuova immagine del telescopio spaziale Hubble mostra lo straordinario “anello di Einstein” a miliardi di anni luce dalla Terra, un fenomeno che prende il nome da Albert Einstein, che predisse che la gravità poteva piegare la luce.

L’oggetto rotondo è al centro Foto pubblicata dall’Agenzia Spaziale Europea In realtà sono tre galassie mostrate come sette, con quattro immagini separate delle galassie più lontane che formano un anello visibile attorno alle altre galassie.

La galassia più lontana – un tipo speciale di galassia estremamente luminosa con un buco nero supermassiccio al centro noto come quasar – si trova a circa 15 miliardi di anni luce dalla Terra.

A così grande distanza dovrebbe essere invisibile anche ai migliori telescopi spaziali, ma la sua luce è piegata dalle due galassie in primo piano, distanti circa 3 miliardi di anni luce, quindi la sua immagine ci appare in cinque punti distinti: quattro volte in l’anello e una volta al centro L’anello, sebbene questo possa essere rilevato solo nei dati digitali del telescopio.

Anello di Einstein.Agenzia spaziale europea / Hubble / NASA

Questo raro fenomeno prende il nome da Einstein, il fisico che nel 1911 predisse che la gravità avrebbe influenzato la luce proprio come colpisce la materia fisica. Einstein propose l’idea come test della sua teoria della relatività generale nel 1915, e nel 1919 l’astronomo britannico Arthur Eddington confermò l’effetto durante un’eclissi solare sull’isola di Principe al largo della costa occidentale dell’Africa, notando che apparvero stelle vicino al disco eclissato in parte fuori posto perché la loro luce era piegata dalla gravità del sole.

READ  Secondo l'ICMR, ha aspettato 6 settimane per sottoporsi a un intervento chirurgico dopo il Covid | Notizie sull'India

I telescopi ai tempi di Einstein non erano in grado di rilevare altri segni del fenomeno. Fu visto per la prima volta dagli astronomi al Kate Summit Observatory in Arizona nel 1979 come Doppia Quasar QSO 0957 +561, che è un singolo quasar che sembra due qui sulla Terra perché la sua immagine è “percepita gravitazionalmente” da una galassia più vicina ma invisibile.

Da allora, gli astronomi hanno scoperto centinaia di anelli di Einstein, anche se l’allineamento delle galassie lontane deve essere perfetto e nessuna di esse può essere vista senza un grande telescopio. La formazione comune è Croce di Einstein, dove la galassia lontana appare come quattro immagini separate intorno a una galassia più vicina alla Terra, ma la galassia più vicina è troppo debole per essere vista.

La croce di Einstein. NASA/Agenzia spaziale europea

Gli anelli di Einstein e le giunzioni di Einstein sono più di un semplice fenomeno: una lente gravitazionale consente agli astronomi di cercare nelle profondità dell’universo e rivela anche dettagli nascosti delle galassie lente.

“Gli anelli di Einstein e le croci di Einstein dovrebbero essere la prova che c’è più materiale nelle galassie più vicine di quanto sembri, e questo probabilmente significa materia oscura”, ha detto Ed Krupp, astronomo e direttore dell’Osservatorio Griffith di Los Angeles. La sua distribuzione può aiutare a far luce sull’identità e la distribuzione della materia oscura e la relativa geometria dell’intero universo.

La lente gravitazionale si verifica quando l’intensa gravità di una galassia o di un gruppo di galassie piega la luce da una galassia dietro di essa per produrre immagini distorte o multiple di essa.

L. Marciapiede / NASA / Agenzia spaziale europea

Queste lenti gravitazionali sono state utilizzate anche per spiare alcune delle galassie nane più lontane dell’universo, che, essendo tra le galassie più antiche, possono dire di più agli astronomi sulla formazione delle galassie; Mentre il “microlensing” gravitazionale – differenze di luce dalle singole stelle – è stato utilizzato per rivelare la presenza invisibile di lontane pianeti esterniKrupp ha detto in una e-mail.