Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Ho preso il treno per Trieste – ecco la mia guida | Vacanze in Italia

JEdifici Rand, cultura del caffè, una piazza centrale abbastanza grande da far sfilare un piccolo esercito… c’è un motivo per chiamare questa città alla fine del Mar Adriatico “Piccola Vienna sul mare”. Fin dal XIV secolo, quando chiese protezione agli Asburgo dalla distesa avida di Venezia, Trieste ha vissuto il suo tempo come una città austriaca piuttosto che una città italiana. Le maestose facciate furono costruite nel suo periodo di massimo splendore come importante porto marittimo dell’Impero Austro-Ungarico, e ancora oggi gli europei che vengono qui per le vacanze non possono fare a meno di sentirsi come a casa.

Mappa di Trieste

Dell’attività marittima resta poco – sul lungomare dietro quell’enorme piazza, Piazza Unita d’Italia, le navi da crociera guardano dolcemente gli alberi ondeggianti di piccoli yacht divertenti – ma ciò che resta rivela un’altra eredità austriaca. Per 300 anni, Trieste è stata il luogo in cui arriva la maggior parte dei chicchi di caffè verdi (non tostati) d’Italia e si dice che Triestini beva il doppio della birra rispetto ai suoi connazionali. A loro piace sicuramente continuare a prenderlo, a differenza dell’abitudine dell’espresso in piedi del resto del paese. Per tutto il giorno vedrai persone che parlano attraverso un profilo capo in b (un piccolo cappuccino in un bicchiere) nel centrale rione Borgo Teresiano, dal nome dell’imperatrice, durante il cui regno furono costruite numerose strade e piazze pedonali.

Il litorale di Barcola. Fotografia: Andrea Sabadini/Almy

Ma non è solo torta e valzer viennesi. Questo è un luogo la cui storia lunga e variegata inizia ai piedi di un colle, dove le rovine dell’anfiteatro romano indicano a Giulio Cesare l’importanza di questa costa. Una ripida salita attraverso il centro storico porta al castello in pietra e alla cattedrale medievale, e la vista dai tetti ricorda le straordinarie libertà religiose di cui godeva Trieste prima della prima guerra mondiale: le molteplici cupole di una delle sinagoghe più grandi d’Europa, i misteriosi mosaici dorati della Chiesa ortodossa serba, le torrette bianche della Chiesa greca.

Questo multiculturalismo è finalmente riemerso: l’adesione della Slovenia all’Unione Europea aiuta a reintegrare la comunità di lingua slovena, che era una parte importante della demografia prefascista della città, e che ancora domina l’altopiano carsico che sovrasta la città. Queste colline verde lime sono diventate una vera e propria meta gastronomica, grazie al vino, prosciutto e formaggio qui prodotti, che compaiono nelle vivaci enoteche triestine all’ora dell’aperitivo.

Antico Caffè San Marco.
Antico Caffè San Marco. Foto: Image Professionals GmbH / Alamy

Le strade commerciali di questa città offrono molti negozi di qualità e la presenza dell’università ha dato impulso al mercato dei libri rari e usati. L’ex ghetto, appena dietro Piazza della Borsa, ospita una serie impressionante di negozi di antiquariato, mentre i vicoli dello storico quartiere a luci rosse di Cavana (frequentato da James Joyce un tempo) sono pieni di bar, ristoranti e negozi. Carri serali.

Dove mangi e bevi?

dai caffè, caffè degli spazi È il più famoso, scenograficamente distribuito su Piazza Unita, dove i clienti aspettano di passare attraverso la sua corda rossa. I proprietari, la famiglia Faggiotto, ne hanno altri due da vedere – bar Tomassio Vicino al lungomare, dove ospita regolarmente concerti, e Pasticceria La Bomboniera, dopo Canal Grande, che presenta una selezione di torte, pasticcini e cioccolatini da togliere il cuore. E se pensi ai ricchi interni Antico Caffè Torrenesi Assomiglia a una prima linea di contorno, perché questo era il compito quotidiano del designer. Durante il giorno vendita di dolci brinitz – Tristin di pasta a spirale ripiena di noci, ribes e rum – e tipo brioche Penza; Di notte, è una cornice elegante per i cocktail.

Caffè degli Specchi in Piazza Unità d'Italia.
Caffè degli Specchi in Piazza Unità d’Italia. Foto: Image Professionals GmbH / Alamy

Per pasti più semplici, buffet I ristoranti servono ancora i piatti che i pescatori e i portuali mangiavano a metà mattina quando avevano finito il lavoro. Oltre ai tradizionali salumi e bolliti di maiale, Buffet da Seura Rosa (che ha celebrato il suo centenario lo scorso anno) ha anche moltissimi classici senza carne, dai calamari in umido o gnocchi ripieni di pesche a jotaZuppa di fagioli locali. Hostaria Malcanton, a pochi passi da Piazza Unità, è specializzato in fritti di pesce e frutti di mare alla perfezione, oppure abbinati a verdure di stagione in sostanziosi primi piatti. C’è più spirito esperienziale in Ristorante I Fioriil cui menù degustazione prevede polpo con salsa barbecue, piselli cremosi e chips di taro.

Potresti non aspettarti che un “bar dello sport” sia il posto migliore in città per il vino, ma l’interno simile a una grotta Austria da MarinoDecorato con cimeli del rugby, è un luogo accogliente per degustare più di 700 varietà, comprese quelle ottenute dall’uva Gleira, nota anche come Prosecco, da un vicino villaggio con lo stesso nome. Le fattorie e i vigneti sulle colline carsiche a est della città possono vendere i loro prodotti direttamente dalle loro porte solo per poche settimane all’anno. Queste istituzioni sono chiamate osmosie sito web osmize.com Offerte aperte tutti i giorni.

cultura

Trieste è orgogliosa dei suoi legami letterari – Joyce, poeti e romanzieri da Rilke a Stendhal hanno anche trascorso del tempo qui – e la conversazione in stile salotto continua in bar San Marcoi cui alti soffitti alimentano idee nobili dal 1914. La sua splendida biblioteca attira tanto quanto il cibo nel suo ristorante, e continua ad essere un luogo di incontro per intellettuali locali, visiting professor e altro, guidato dal suo carismatico proprietario Alessandro Dilitanisi.

Gli autori triestini più rispettati sono Umberto Saba, Italo Svevo e Joyce, un caro amico di Svevo, che qui soggiornò, bevve e scrisse su entrambi i fronti della prima guerra mondiale. I dipinti in tutta la città documentano i vari alloggi di Joyce (fu spesso sfrattato per non aver pagato l’affitto) ed è sempre più impressionante Festival del giorno di fioritura Si svolge ogni giugno – nel 2022 dura sette giorni (12-18 giugno) e include letture, proiezioni di film e persino colazioni irlandesi. Intanto il nuovo Museo della Letteratura di Trieste Verrà aperto entro la fine dell’anno presso la biblioteca della città, recentemente rinnovata, che ospita le collezioni Joyce e Sevo della città.

Teatro Verdi.
Teatro Verdi. Fotografia: Danita Delemont/Almy

Per assaporare una vita meno disordinata, Museo Revoltilla è una fin de siecle d’arte e manufatti lasciati in eredità alla città dal socialite Pasquale Revoltella ed esposti nella sua antica dimora, oppure Teatro VerdiTeatro dell’opera della città e simbolo del suo fascino borghese.

spazio esterno

A nord del centro, oltre la stazione ferroviaria, si trova il borgo di Barcola, il cui lungomare funge anche da Trieste Beach. Non lasciarti ingannare, non c’è traccia di sabbia: tutto ciò che non è sassolino è tangibile. Ciò non impedisce a Triestini di venire qui in ogni occasione, per un bagno mattutino, per abbronzarsi all’ora di pranzo o per rilassarsi dopo il lavoro.

fare il bagno È parte integrante della cultura locale e ognuno ha il suo posto preferito per nuotare. C’è una pineta della sua rara ombra, una delle Tobolini (piattaforme semicircolari sul ballo di fine anno) e persino un popolare tratto per nudisti. Ad ottobre, il mare si riempie di vele mentre più di mille barche si radunano per l’annuale Regata a Trieste, Barcolana.

Castello di Miramar, costruito nel 1860.
Castello di Miramar, costruito nel 1860. Fotografia: Michael Brooks/Almy

Arroccato su un promontorio in fondo, le fiabesche guglie bianche del castello di Miramar furono costruite dall’arciduca Ferdinando Massimiliano, fratello dell’imperatore d’Austria nel 1860. Visse con la moglie belga Carlotta nella sua romantica casa da sogno per soli tre anni prima la sua esecuzione in Messico; Oggi, gli interni spaziosi e i giardini sono perfettamente conservati. Il parco di 54 acri è uno dei più bei spazi pubblici di Trieste, aperto tutti i giorni e facilmente raggiungibile in autobus. L’acqua intorno al castello Un santuario marino protetto dal World Wide Fund for Natureche offre snorkeling e tour di snorkeling guidati.

dove alloggiare

Hotel modernista.  Trieste
Hotel modernista.

L’architettura di Trieste conferisce ai suoi hotel un certo carattere. I suoi edifici sono costruiti per evocare il terrore piuttosto che il comfort: il doppio pergolato, inaugurato nel 2020 in un ex edificio delle assicurazioni, ne è un ottimo esempio, con scale massicce, soffitti svettanti, colonne di marmo e statue classiche. appena dietro l’angolo, Hotel modernista (doppie a partire da € 128 solo per camera) Offre un’atmosfera in stile boutique in un palazzo del XIX secolo costruito da uno dei più importanti filantropi della città, il dottor Gregorio Ananyan. Il bar della hall (aperto al pubblico) ha un’atmosfera pittoresca della metà del secolo e gli ospiti si svegliano ogni mattina con una citazione provocatoria di Proust, Eliot o qualche altro genio del 20° secolo dipinta sul soffitto.

Permesso di viaggio fornito da Interrail – I prezzi partono da 185 euro (per viaggi di quattro giorni entro un mese). Il volo è stato fornito da Turismo Friuli Venezia Giulia

READ  Gran Premio di Formula 1 del Bahrain: Charles Leclerc passa di pole in pole con la Ferrari nel match di apertura della stagione