Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Ho detto di essere ebreo”: nuovo membro del Congresso degli Stati Uniti sotto inchiesta per bugie sul suo passato

Il nuovo membro del Congresso degli Stati Uniti George Santos di New York è sotto inchiesta da parte dei pubblici ministeri di Long Island, le autorità hanno confermato mercoledì, dopo che si è diffusa la notizia che l’ormai combattuto repubblicano aveva mentito sul fatto di avere origini ebraiche, un’istruzione universitaria e una carriera a Wall Street durante la campagna elettorale. campagna elettorale. Le ultime elezioni di metà mandato.

Nonostante i crescenti dubbi sulla sua idoneità a subentrare, Santos non ha mostrato segni di dimissioni, anche se ha ammesso pubblicamente una lunga lista di bugie.

Le invenzioni e le incoerenze nel background di Santos sono “a dir poco sbalorditive”, ha detto Ann T. Donnelly, il procuratore distrettuale della contea di Nassau, un repubblicano.

“La gente della contea di Nassau e di altre parti del Terzo Distretto deve avere un rappresentante onesto e responsabile al Congresso”, ha affermato.

“Se viene commesso un crimine in questa contea, perseguiremo gli autori”.

La campagna di Santos non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Dovrebbe prestare giuramento martedì prossimo, quando la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti si riunirà di nuovo.

Se entra in carica, potrebbe affrontare le indagini del Comitato Etico della Camera e del Dipartimento di Giustizia.

Non ha intenzione di dimettersi, ha indicato Santos in un tweet mercoledì su una visita alla US Merchant Marine Academy all’inizio della giornata.

“Al Congresso, non vedo l’ora di lavorare al loro fianco per sfruttare appieno questa straordinaria risorsa che abbiamo nel nostro cortile al # NY03”, ha affermato il tweet.

I colleghi chiedono risposte

Il repubblicano ha ammesso di aver mentito sull’essere ebreo, il pedigree di Wall Street e la laurea, oltre ad aver affermato di possedere 13 proprietà e di aver perso quattro dipendenti nella sparatoria del nightclub Pulse nel 2016.

Ma non ha ancora toccato altre questioni persistenti, inclusa la fonte di quella che sembra essere una fortuna che ha rapidamente accumulato nonostante i recenti problemi finanziari, inclusi gli sfratti e l’indebitamento di migliaia di arretrati per l’affitto.

Un repubblicano di Long Island, il rappresentante eletto Nick Lalotta, ha detto di essere turbato dalle informazioni.

“Credo che sia necessaria un’indagine completa da parte del Comitato etico della Camera e, se necessario, delle forze dell’ordine”, ha detto martedì Lalota.

L’ufficio del procuratore generale di New York ha già detto che sta esaminando i casi che sono venuti alla luce.

Un portavoce dell’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Nassau, Brendan Brosh, ha detto che l’ufficio sta esaminando la questione. Non è stato subito chiaro l’ambito dell’indagine.

Nel frattempo, altri repubblicani hanno criticato Santos ma non gli hanno chiesto di dimettersi.

“Il membro del Congresso eletto George Santos ha violato la fiducia del pubblico commettendo gravi errori riguardo al suo background, esperienza e istruzione, tra le altre cose”, ha dichiarato Joseph J. Cairo, presidente del Comitato repubblicano della contea di Nassau, situato all’interno del 3 ° distretto congressuale.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, frecce sinistra e destra per cercare, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 2 minuti e 49 secondi

Il deputato repubblicano eletto deve affrontare intense critiche sulle rivendicazioni di eredità “ebraica”.

Le domande sul passato del membro del Congresso appena eletto si sono intensificate dopo che il New York Times ha esaminato la narrazione che Santos, 34 anni, ha fornito agli elettori durante la sua campagna di successo per un distretto che si estende dalla periferia della costa settentrionale di Long Island e una piccola parte del Queens.

Il Times ha rivelato documenti in Brasile che mostrano che Santos è stato oggetto di un’indagine penale nel 2008 per accuse di aver utilizzato assegni rubati per acquistare articoli in un negozio di abbigliamento nella città di Niteroi.

A quel tempo, il signor Santos aveva 19 anni.

Il giornale ha citato i pubblici ministeri locali che affermano che il caso era inattivo perché Santos non è mai comparso in tribunale.

Tuttavia, Santos ha continuato a negare che le autorità del Sud America lo stessero cercando.

I Democratici si sono avventati, definendo il repubblicano un superstizioso seriale e chiedendogli volontariamente di non entrare in carica.

Il candidato ha detto una lunga lista di bugie

In un’intervista con il New York Post all’inizio di questa settimana, Santos si è scusato per i suoi insulti, ma li ha minimizzati come “peccati” abbellendo il suo curriculum, aggiungendo: “Facciamo cose stupide nella vita”.

Ha ammesso di aver mentito sul suo lavoro in Citigroup e Goldman Sachs, oltre ad avere una laurea in finanza ed economia al Baruch College di New York.

Oltre alla sua autobiografia, Santos ha inventato una storia di vita che è stata anche messa in discussione, comprese le affermazioni secondo cui i suoi nonni “sono fuggiti dalla persecuzione ebraica in Ucraina, si sono stabiliti in Belgio e sono fuggiti di nuovo dalle persecuzioni durante la seconda guerra mondiale”.

Durante la sua campagna, si è definito un “orgoglioso ebreo americano”.

Ha ritirato l’affermazione, dicendo che non aveva mai avuto intenzione di rivendicare l’eredità ebraica, il che si sarebbe aggiunto al suo appello tra l’elettorato ebraico nel suo distretto.

“Sono cattolico”, ha detto al giornale. “Poiché sapevo che la mia famiglia materna aveva origini ebraiche, ho detto che ero ebreo”.

In una dichiarazione rilasciata martedì, l’Alleanza Ebraica Repubblicana ha rinnegato Santos.

“Ci ha ingannato e ha distorto la sua eredità. Nei commenti pubblici e per noi personalmente, ha precedentemente affermato di essere ebreo”, ha detto la coalizione.

“Non sarà il benvenuto in nessun futuro evento RJC”.

Martedì sera su Fox News, Santos è stato sottoposto a un aspro controinterrogatorio da parte dell’ex rappresentante delle Hawaii Tulsi Gabbard, che era seduto con Tucker Carlson.

“Sembra che tu non stia prendendo la cosa sul serio,” gli disse.

Ha detto: “Ti sei scusato, hai detto di aver commesso degli errori, ma hai mentito apertamente. Una bugia non è un curriculum cosmetico”.

Santos ha risposto: “Guarda, sono d’accordo con quello che stai dicendo”. “Possiamo discutere del mio curriculum e di come ho lavorato con aziende come…”

“È discutibile?” La signora Gabbard è intervenuta. “O è solo un errore?”

Ha detto “No, non è affatto sbagliato”. “È discutibile.”

READ  Vladimir Putin ha vietato le esportazioni di petrolio russo verso paesi che hanno imposto limiti di prezzo a causa della guerra in Ucraina