Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Hindley: un modesto ragazzo dell’Australia occidentale che sfida gli onori al Tour de France

Hindley: un modesto ragazzo dell’Australia occidentale che sfida gli onori al Tour de France
Vedi tutto il meglio con Tour de France, Tour de France Femmes e molto altro.
A meno di un mese dal Tour de France di quest’anno, Hindley è la principale speranza di successo dell’Australia.
L’anno scorso, il 27enne è diventato il secondo australiano in assoluto a vincere uno dei Grandi Giri del ciclismo dopo aver vinto il Giro d’Italia ed essere entrato nei libri dei record insieme alla vittoria di Cadel Evans nel Tour de France 2011.
Il Giro è noto come la seconda corsa più grande del mondo, ma il Tour de France lo fa impallidire in termini di interesse da parte degli appassionati di sport occasionali e occasionali.
Prima dell’attuale Dauphine Standard, Hindley ha parlato con SBS Sport sulle sue ambizioni nel tour.

“Sarebbe un sogno salire sul podio un giorno”, ha detto Hindley. “Non significa che sia facile da fare o che accadrà dall’oggi al domani, è un sogno a lungo termine per me”.

Quel sogno potrebbe diventare realtà per Hindley prima piuttosto che dopo, con il corso di quest’anno che ben si adatta alle capacità del pilota dell’Australia occidentale per il team tedesco BORA-Hansgrohe.
“La pista di quest’anno è la migliore per un pilota come me”, ha detto Hindley. “Ci sono molte salite, la prima settimana è stata dura, quindi la classifica GC (classifica generale) è davvero ben consolidata dopo la prima settimana di gare. C’è solo una cronometro ed è anche non molto lunga e un po’ angusto.
“Per me, ero davvero eccitato quando ho visto la strada e sono davvero eccitato.”
La crescita di Hindley è stata determinata a raggiungere i vertici di questo sport, dall’andare in Europa da solo come debuttante senza prove, alla sua inequivocabile certezza che si sta preparando come se fosse un capitano del Grand Tour nella sua prima stagione da professionista. .
“Penso che sia una folle fiducia in se stessi. Questo è quello che sono nato per fare, che sia realistico o meno”, ha spiegato Hindley. “Non volevo guidare Roubaix o fare il Giro delle Fiandre, volevo essere un corridore del Grand Tour , volevo guidare il GC a Grand Tours.

“È sempre stato qualcosa che ho voluto fare e ho sostanzialmente lavorato per ottenere l’accesso a questa opportunità ed essere in grado di farlo”.

Hindley ha una personalità calma e una visione rilassata della vita. È molto fedele alla sua carriera e al suo amore per il ciclismo, ma non è lì per mettersi in mostra e capitalizzare la sua immagine di uno dei migliori atleti australiani del momento.
“Non sono davvero il tipo che cerca l’attenzione dei media e i riflettori, quindi è una buona idea mantenerlo basso”, ha detto Hindley.
“Sono stato riconosciuto mentre giravo per Perth. Fortunatamente a Oz il ciclismo non è lo sport più diffuso, quindi è bello tornare a Oz e rilassarsi e fondamentalmente vivere in modo discreto.

“È pazzesco guardare indietro alla pista nel corso degli anni e pensare a come tutto si è evoluto. Ricordo quando ero in Italia a guardare la corsa del Giro in TV, mentre correvo per quella squadra italiana, ed è pazzesco pensare che io” Lo vincerò un giorno. Tutto il supporto e l’aiuto che ho avuto lungo la strada, è davvero incredibile e in un certo senso umiliante”.

Con Hindley ora al fianco di Evans come unico australiano a vincere un Grand Tour, il corridore nato a Perth ha parlato del suo rapporto con il campione del Tour de France 2011 e dei consigli che gli sono stati dati.
“È un uomo molto buono e si tiene in contatto”, ha detto Hindley di Evans.
“Cosa puoi dire? Secondo me è il miglior ciclista di sempre in Australia ed è fantastico che offra il suo supporto e i suoi consigli, è davvero bello.
“L’ho visto alla sua gara (la Great Ocean Road Race di Cadel Evans) e gli ho inviato alcuni messaggi più tardi quando sono tornato in Europa, ma era più una cosa generale”.
Questa battuta con Evans potrebbe essere importante durante il tour, quando la pressione si fa sentire mentre il mondo volge gli occhi sulla Francia, con Hindley uno di quelli studiati con attenzione microscopica su ogni suo lavoro.
“Ho sentito molte storie da persone su quanta pressione ci sia nei tour”, ha detto. “È semplicemente la gara più importante del ciclismo. Da qui derivano più pressione, più interesse… È un grande evento.

“Mi stavo preparando, ma alla fine è un evento di tre settimane, il Grand Tour è un Grand Tour ed è tutto duro. Non importa in quale paese si trovi, lo accetterò come viene.”

Pochi hanno un così umile apprezzamento per lo sport come l’australiano. Uno dei suoi primi passi dopo aver vinto il Giro d’Italia è stato quello di prendersi una pausa per fare un pellegrinaggio alla chiesa della Madonna del Gesalo e donare la sua maglia al santuario degli eroi del ciclismo che si trova in cima alla montagna.
Hindley ha parlato della sua eccitazione in quel momento, prima di promettere eventuali maglie gialle che gli sarebbero arrivate in futuro.
“Certo, se avessi una maglia gialla (la maglia gialla francese) ne darei sicuramente una al museo”, ha detto.
E se il posto di Hindley nella storia si estende davvero a quella leggendaria maglia gialla sugli Champs-Elysées, sarà occupato da un vero australiano che non porta con sé grandi biglietti, lavora sodo e apprezza il suo posto nella storia del ciclismo.
“Sarebbe davvero epico. Salire sul podio a Parigi, non è qualcosa che fanno molti giocatori”.
“È l’apice di questo sport, la gara più dura del ciclismo e la più importante. Essere in grado di salire sul podio, indossare la maglia gialla o vincere la gara è davvero un sogno”.

SBS trasmetterà il Tour de France in diretta ed esclusivamente gratuitamente, con trasmissioni in diretta e recupero completo poco dopo il completamento di ogni tappa tramite SBS On Demand.

READ  Ancora frustrazione per Mourinho mentre la Roma batte la Juventus | Gli sport