Giugno 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Hamas afferma che il suo sistema di tunnel è progettato per resistere alle inondazioni e che il piano dell’esercito israeliano di pomparvi completamente l’acqua di mare non avrà successo.

Hamas afferma che il suo sistema di tunnel è progettato per resistere alle inondazioni e che il piano dell’esercito israeliano di pomparvi completamente l’acqua di mare non avrà successo.
  • Un portavoce del gruppo ha affermato che la rete metropolitana è resistente alle inondazioni
  • Funzionari israeliani hanno confermato che le forze hanno trovato altri tre corpi in ostaggio

Un portavoce del movimento ha affermato che i tentativi israeliani di pompare acqua di mare nei tunnel di Hamas per spingere i combattenti in superficie dove l’esercito israeliano potrebbe inseguirli non avrebbero successo perché la rete sotterranea è resistente alle inondazioni.

Il portavoce di Hamas Osama Hamdan ha confermato che “i tunnel sono stati costruiti da ingegneri ben addestrati e istruiti, che hanno studiato tutti i possibili attacchi da parte dell’occupazione, compreso il pompaggio dell’acqua”.

Ha poi annunciato che i negoziati per il rilascio di altri ostaggi israeliani potranno iniziare solo dopo la completa cessazione delle ostilità a Gaza da parte dell’esercito israeliano.

Questa dichiarazione è arrivata nel momento in cui i funzionari israeliani hanno confermato che le loro forze avevano trovato altri tre corpi di ostaggi presi da Hamas nei suoi brutali attacchi del 7 ottobre.

Le vittime sono state identificate come Elia Toledano, 28 anni, caporale. Nick Beiser, 19 anni, e il sergente. Ron Shermann, 19 anni.

I media israeliani affermano che l’IDF “progetta di allagare i tunnel di Hamas” mentre si vedono soldati che guardano le pompe
Questa foto pubblicata dall’esercito israeliano mostra l’ingresso di un tunnel di Hamas
Soldati israeliani aprono un tunnel nel complesso dell’ospedale Shifa a Gaza City, nel mezzo dell’operazione di terra in corso dell’esercito israeliano contro il movimento islamico palestinese Hamas.
L’esercito israeliano ha annunciato che è stato ritrovato a Gaza il corpo di Elia Toledano, il cittadino franco-israeliano rapito al festival musicale Nova.
Ron Shermann
Nir Bezer
Soldati israeliani emergono da un veicolo blindato in una località sconosciuta vicino al confine di Gaza, Israele, 14 dicembre 2023.
Un soldato israeliano si copre le orecchie mentre un’unità di artiglieria bombarda obiettivi nella Striscia di Gaza da una località sconosciuta vicino al confine di Gaza, Israele, il 14 dicembre.

Toledano, cittadino franco-israeliano, è stato rapito dai terroristi di Hamas il 7 ottobre.

Era tra le circa 240 persone prese in ostaggio durante gli attacchi di Hamas contro Israele, i più sanguinosi nella storia del paese.

Sventato il piano di Hamas di sferrare un attacco terroristico contro le istituzioni ebraiche in Europa, con arresti effettuati in Germania e nei Paesi Bassi – dopo raid simili in Danimarca

Toledano stava partecipando al Nova Music Festival con la sua amica e collega franco-israeliana Mia Schem, che è stata rilasciata con un accordo di tregua alla fine di novembre.

READ  Il rapporto delle Nazioni Unite conclude che, nonostante le promesse più forti, il mondo è pronto ad andare oltre gli obiettivi climatici

Il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna ha espresso il suo profondo dolore per la morte di Toledano, confermata dall’IDF e confermata da funzionari medici, rabbini militari e dall’Istituto di medicina legale.

“Condividiamo il dolore della sua famiglia e dei suoi cari. Il rilascio di tutti gli ostaggi è la nostra priorità”, ha scritto sul sito web di X.

Secondo l’esercito israeliano, 132 degli ostaggi presi a Gaza sono ancora detenuti.

Le famiglie degli ostaggi hanno dichiarato questa settimana di essere “scioccate” dall’annuncio del direttore dell’agenzia di intelligence israeliana Mossad di essersi rifiutato di condurre nuove trattative per il rilascio dei loro parenti, e hanno chiesto spiegazioni alle autorità.

Nel frattempo, Bezer, originario di Beersheba, e Sherman, di Lehavim, erano due soldati dell’IDF presi in ostaggio mentre prestavano servizio a Gaza.

Secondo un rapporto, l’esercito israeliano ha iniziato per la prima volta questa settimana a pompare acqua di mare nella rete di tunnel di Hamas attraverso la Striscia di Gaza, nel tentativo di stanare i militanti dai loro nascondigli sotterranei.

Si dice che Israele abbia installato almeno cinque pompe a un miglio dal campo profughi di Beach, nell’enclave costiera settentrionale, che possono spostare migliaia di metri cubi d’acqua all’ora, allagando 300 miglia di tunnel.

Interrogato sul rapporto, il capo di stato maggiore dell’IDF, tenente generale Herzi Halevy, sembrava confermare la notizia, affermando in una conferenza stampa che l’uso di pompe dell’acqua per rendere i tunnel inutilizzabili sarebbe una “buona idea”.

Ma ciò è avvenuto nel contesto del timore che Hamas stia nascondendo ostaggi israeliani nel labirinto di corridoi e che la tattica possa essere fatale per coloro che sono intrappolati all’interno, con le famiglie che continuano a fare pressione sul governo affinché li riporti alle loro case prima che sia troppo tardi.

READ  Come la mega nave cargo Felicity Ice è affondata nel mezzo dell'Atlantico con auto di lusso
.
.
Toledano stava partecipando al Nova Music Festival con la sua amica e collega franco-israeliana Mia Shim. Qui viene mostrato Sakim mentre viene rilasciato alla Croce Rossa mentre una folla di palestinesi guarda
Un veicolo blindato dell’esercito israeliano è stato visto in una località sconosciuta vicino al confine di Gaza, Israele, il 14 dicembre 2023.
L’artiglieria israeliana spara proiettili contro obiettivi nella Striscia di Gaza da una posizione sconosciuta vicino al confine di Gaza, Israele, 14/12/2023

I funzionari israeliani hanno successivamente informato Washington che l’introduzione di acqua di mare nei tunnel di Gaza da parte dell’IDF faceva parte di una procedura di test eseguita con cura.

Hanno detto: Il diluvio Viene effettuato su base limitata e solo nei tunnel che sono stati confermati vuoti, garantendo che non ci siano ostaggi.

Ma gli Stati Uniti – il più forte alleato di Israele – hanno espresso preoccupazione per le ostilità in corso a Gaza.

Il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha parlato ieri con i leader israeliani di un calendario per porre fine all’intensa fase di combattimento della guerra, in un momento in cui cresce la condanna internazionale per le crescenti vittime civili a Gaza.

“Voglio che si concentrino su come salvare vite civili”, ha detto giovedì il presidente americano Joe Biden quando gli è stato chiesto se voleva che Israele riducesse le sue operazioni entro la fine del mese. “Non smettete di perseguire Hamas, ma siate più attenti”.

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha detto che Sullivan ha parlato con il presidente israeliano Benjamin Netanyahu della possibilità di passare a “operazioni meno intense” ad un certo punto “nel prossimo futuro”.

Non era chiaro fino a che punto gli Stati Uniti e Israele differissero sul calendario. Il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha detto a Sullivan che per distruggere Hamas ci vorranno mesi, ma non ha menzionato nella sua dichiarazione se le sue stime indicassero l’attuale fase di intensi combattimenti.

Gallant ha affermato che questa fase sarà seguita da una campagna meno intensa per eliminare ogni sacca di resistenza di Hamas.

READ  Netanyahu sottolinea il suo rifiuto delle richieste di cessate il fuoco e afferma che Israele “rimarrà fermo contro il mondo, se necessario” per sconfiggere Hamas.

Ma l’imboscata mortale di Hamas contro le forze israeliane a Gaza City questa settimana ha dimostrato la resilienza del gruppo e ha sollevato dubbi sulla possibilità che Israele possa sconfiggerlo senza spazzare via l’intero territorio.