Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gucci lancia Vault Vintage durante la Milano Fashion Week | intrattenimento

Gucci lancia Vault Vintage durante la Milano Fashion Week |  intrattenimento

Milano (AFP) – Le case di moda che cercano di capire come raggiungere nuovi occhi dopo il lungo calvario della pandemia si sono concentrate su un’idea unica: la collaborazione.

Molti lo fanno, in modi grandi e piccoli. Gucci, noto soprattutto per aver “hackerato” Balenciaga la scorsa stagione, ha lanciato un sito di e-commerce con prodotti Gucci vintage rinnovati e capsule collection di giovani designer. Il produttore di cappelli Borsalino collabora con il marchio francese Ami Paris e il marchio di ispirazione equestre Acheval.

Se l’industria della moda cambierà, ora è il momento, dicono gli addetti ai lavori, anche se la tentazione di tornare alle vecchie abitudini è grande.

Gli highlights della quarta giornata delle sfilate milanesi sabato per la prossima primavera estate:

GUCCI VOLTA

Sabato, Gucci ha lanciato un sito di e-commerce che mette in mostra pezzi Gucci vintage rinnovati insieme a capsule collection di giovani designer selezionati con cura dal Direttore Creativo di Gucci Alessandro Michele.

Michele ha affermato che il progetto è nato dalla sua costante ossessione per il collezionismo di moda, compresi gli articoli Gucci, prima di entrare a far parte del marchio.

“Sì, faccio questo lavoro di raccontare storie, ma lo faccio anche perché mi piacciono molto le cose.

Tra i giovani designer in mostra c’è Priya Ahluwalia, con sede a Londra. Di origine nigeriana e indiana, i set riciclati di Ahluwalia hanno già trovato un vasto pubblico che spazia da personaggi dello sport come Lewis Hamilton a hipster di mezza età.

“All’improvviso, ho ricevuto un messaggio da Gucci. ‘Pensavo fosse pubblicità o spam'”, ha detto Ahluwalia. “Quando ho capito che era reale, ero così felice”.

Michelle ha affermato che il marchio ha una vasta rete di fonti per l’etichetta vintage Gucci, a cui ha attinto per ricostruire il suo archivio. Il lancio include una borsa Jackie bianca che è stata meticolosamente curata dal suo precedente proprietario e che ha voluto tenere per sé.

Poi ha detto con una risata: “Chissà, forse farò il check-in stasera e me lo comprerò da solo!”

READ  Liste di film per la settimana del 15 ottobre

Gucci si è allontanato dal calendario della Milano Fashion Week, ritrovando i propri ritmi. La sua prossima sfilata è il 3 novembre a Los Angeles, in coincidenza con il decimo LACMA Art – Film Gala, sponsorizzato da Gucci.

—————

Dolce & Gabbana Fashion Week

Dolce & Gabbana volevano riportare il glamour con la loro ultima collezione – e lo hanno fatto. I loro sguardi abbaglianti mettevano in risalto la luce che poteva essere facilmente vista dall’orbita.

La silhouette era poco sexy ed era costruita attorno a corsetti, mini abiti e biancheria intima aderente, che sono elementi chiave del linguaggio creativo del marchio.

In questa stagione, i designer Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno creato motivi resistenti alla luce, rivestendo gli abiti con strass, aggiungendo decorazioni e concedendosi accenti metallici e frange. Gli espositori hanno camminato su una passerella di specchi sotto i riflettori mobili.

Giacche fittamente gioiello contrastano con leggings camouflage o jeans skinny. C’era una serie di giacche con maniche scolpite direttamente dalla passerella couture. I pantaloni erano a vita bassa, lasciando spazio alla biancheria intima borchiata.

I designer hanno affermato che la collezione è una “reinterpretazione dell’estetica degli anni 2000”. Hanno reso omaggio a Jennifer Lopez con un paio di magliette J-Lo.

I momenti più tranquilli sono riservati a splendidi abitini neri con accenti di pizzo e frontali aperti che rivelano corsetti quasi trasparenti e persino piccoli body neri.

Le scarpe erano sandali con lacci a spillo, stivali al ginocchio e calze a metà polpaccio, che sostenevano leggermente il finale frenetico mentre i modelli rallentavano le scale. Le scarpe erano in raso, denim, camouflage e alligatore.

Ogni borsa Dolce ha un design unico.

Nonostante fossero a Milano per lo spettacolo, i designer sono quasi apparsi sullo schermo per il loro tradizionale arco narrativo dopo lo spettacolo.

—————

Arthur Arberser è stato trovato

Con il mondo quasi fermo, il team di Arthur Arbesser ha dato il via alla sua creatività riciclando scatole di spedizione in fiori di cartone e lavorando a maglia cappelli fantasiosi.

READ  Budd Dairy Food Hall nell'Italian Village sottolinea la diversità del mangiare e del bere

Il titolo della collezione “Lost and Found” si riferisce concretamente all’ispirazione trovata nella soffitta di famiglia che evoca ricordi felici, ma può anche significare cose perse e ritrovate in un’epidemia, come la gioia di fare le cose nei momenti di quiete.

“Mi sono reso conto che è molto importante fare qualcosa con le tue mani perché ottieni una sorta di soddisfazione e abbiamo bisogno di soddisfazione”, ha detto Arbisser.

Sulla scia della pandemia, lo stilista austriaco con sede a Milano ha felicemente abbandonato la passerella per sfilate più personali, ha trasformato una vetrina nel quartiere dello shopping di lusso di Milano in uno studio creativo decorato con un murale personalizzato e ha presentato una nuova collezione di tovaglie insieme al suo ultimo collezione.

Il dettaglio del murale è diventato una decorazione sulla tasca del vestito. Le romantiche silhouette alte contrastano con i crop top. Un mini abito bianco e nero era abbinato a una camicia stampata a quadri, mentre una minigonna in tessuto aveva un appeal giovanile. Le stampe stagionali includono grafiche stupide e colorate stampe a scacchiera con effetto pixel, insieme a percalle, plaid e strisce.

“La cosa più importante per andare avanti è”, ha detto Arbisser. “Siamo felici di credere che il nostro benessere e il benessere della tua squadra e delle persone intorno a te siano molto importanti”.

————

Il diario di viaggio di Borsalino

Non esiste una chiusura pandemica per ripensare il business.

Borsalino, azienda italiana di cappelli di 164 anni, si è presa il tempo per concentrarsi su nuove sinergie, espandere il marchio in articoli di pelletteria e sciarpe attraverso accordi di licenza, rilanciare la sua presenza digitale, migliorare la produzione e risolvere i nodi in macchine una tantum.

“E’ stata una grande pausa. Abbiamo preso decisioni che non erano facili da prendere prima”, ha detto Felipe Camberio, direttore di Haeres Equita dietro il rilancio di Borsalino.

Per raggiungere un nuovo pubblico e ampliare la distribuzione, Borsalino ha collaborato con il brand parigino Ami in una semplice tela dal bordo ondulato e con Acheval in una capsule collection di rafia caratterizzata da righe con silhouette di cavalli. Il sito ora include tutorial su come indossare e misurare i cappelli. Borsalino collabora con i giovani designer del Marangoni Fashion Institute per rendere i cappelli parte del loro linguaggio progettuale.

READ  I cani e la foresta oscura: come i cacciatori di tartufi hanno conquistato un mondo bello e pericoloso | documentari

La collezione Primavera/Estate 2022 lanciata questa settimana è un viaggio attraverso Giappone, Italia e Sud America. I berretti da baseball e i cappelli da pescatore in denim scuro sono personalizzati con ciondoli o stampe di geisha per un look alla moda di Tokyo. Il cappello in rafia lavorato a mano all’uncinetto rappresenta l’artigianato siciliano. Le influenze ecuadoriane sui cappelli Panama sono accompagnate da nastri distintivi.

Ogni marchio ha una risposta diversa a come la pandemia sta cambiando o sta sfidando.

“Per noi, dobbiamo abbracciare i valori di oggi, essere socialmente responsabili, compresa la sostenibilità e l’economia circolare, ed essere diversi in termini di attrazione per tutti”, ha affermato il Direttore Creativo Giacomo Santucci.

———

Un racconto d’estate di Ferragamo

La donna Ferragamo della prossima estate è sobria in una silhouette facile da indossare con momenti sexy.

Gli abiti grembiule presentano una profonda schiena a V e una schiena scoperta, mentre gli abiti a portafoglio presentano spacchi più suggestivi. I pantaloni erano pantaloni harem larghi con dettagli drappeggiati, abbinati, ad esempio, a un top incrociato.

“Volevo che la collezione fosse femminile e sensuale”, ha affermato il direttore del design Guillaume Meilland.

L’abbigliamento maschile comprendeva completi in maglia, pantaloni a vita bassa con cinture intrecciate e pantaloncini a gamba corta sotto una giacca del cappotto.

Per le donne, le scarpe hanno fatto rivivere le ballerine Vara e Varina con nuovi materiali tra cui il rattan e il suo sandalo open toe.

Brooke Shields, accompagnato da sua figlia Greer Hennessy, aveva i posti in prima fila, insieme agli attori americani Ashley Benson, Madeleine Klein, Ashton Sanders e Ross Butler.