Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gucci e Louis Vuitton prosperano nonostante la pressione dell’inflazione

  • I ricchi sono più isolati dall’inflazione, il che significa che fanno ancora acquisti di beni di lusso.
  • Aziende del lusso come LVMH, Kering, Ferrari e Hermès ne stanno raccogliendo i frutti.
  • Tuttavia, alcuni temono che la guerra in Ucraina, i blocchi in Cina o la recessione possano danneggiare i loro profitti.

Con l’inflazione che continua a esercitare pressioni sui consumatori in tutti i gruppi di reddito, i ricchi non provano la stessa angoscia, il che significa che i marchi per cui stanno acquistando non lo sono.

I due più grandi conglomerati del lusso del mondo, Kering e LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton, hanno registrato utili solidi la scorsa settimana, con entrambe le società che hanno registrato un aumento dei ricavi di oltre il 20% nella prima metà dell’anno rispetto al 2021. Il segmento del lusso sta andando bene ora : Sembra che tutti, dalle case automobilistiche di fascia alta agli ambiti designer di borse, stiano vedendo una forte domanda.

Ciò significa che i consumatori più ricchi del mondo non hanno rallentato la spesa, anche se molti americani scelgono opzioni più economiche da McDonald’s o sottolineano come pagano le bollette. Ora, con l’inflazione che sale a nuovi massimi, i grandi vincitori sono le aziende che realizzano prodotti per i ricchi.

“Sana e alta domanda” di automobili, vestiti e champagne

Lo champagne Moet et Chandon viene versato nei bicchieri


Francois Nassembene/AFP tramite Getty Images


Alla LVMH – l’enorme azienda francese gestita dalla terza persona più ricca del mondo, Bernard Arnault – i lussi grandi e piccoli stavano volando via dagli scaffali.

Le vendite di champagne e cognac, in particolare, hanno registrato uno “slancio eccezionale” nella prima metà del 2022; Profumi e prodotti per la cura della pelle sono cresciuti rapidamente e l’alta moda sta ancora andando bene. I ricavi della categoria moda e pelletteria di LVMH sono aumentati del 24% in quel periodo, poiché marchi come Louis Vuitton, Christian Dior, Fendi e Celine hanno raggiunto “nuovi record di redditività” nella prima metà dell’anno, ha affermato la società.

Le case di moda di fascia alta di Kering – tra cui Gucci, Yves Saint Laurent e Bottega Veneta – hanno tutte registrato una crescita significativa nella prima metà dell’anno, ha affermato la società nel suo ultimo rapporto sugli utili. prezzi aumentati due volte quest’anno. Hermès, che realizza prodotti in pelle come l’ambita borsa Birkin, Segnala un’offerta forte Nel secondo trimestre, le vendite sono aumentate di due cifre a giugno. E nella casa di moda italiana Prada, ricavi semestrali è balzato del 22% anno dopo anno.

I consumatori facoltosi non chiedono solo moda: il produttore italiano di auto sportive La Ferrari ha visto ordini record Nel secondo trimestre, Mercedes-Benz Ha detto che stava vedendo “una domanda sana e alta” per i suoi veicoli di fascia alta.

Questi profitti sono in linea con Previsioni recenti della società di consulenza Bainche stima che le vendite di beni di lusso aumenteranno di almeno il 5% nel 2022, poiché gli acquirenti – principalmente negli Stati Uniti e in Europa – hanno sborsato almeno 305 miliardi di euro, o circa 312 miliardi di dollari, solo quest’anno.

Claudia Darbizio, partner di Bain, ha dichiarato a Reuters in una recente intervista che, nonostante l’inflazione, “i consumi non sembrano ancora risentirne”.

È in netto contrasto con le aziende che servono altri tipi di consumatori.

McDonald’s ha affermato durante la sua chiamata agli investitori del secondo trimestre che i clienti stanno riducendo i loro ordini di fronte all’inflazione. “Stiamo vedendo i clienti, in particolare quelli a basso reddito, regredire a proposte di valore e a un minor numero di pasti combinati”, ha affermato Kevin Ozan, Chief Financial Officer.

In Walmart, i clienti hanno cambiato le loro abitudini di spesa di fronte all’aumento dei prezzi di cibo e gas, ad esempio, riducendo l’acquisto di vestiti e passando a marchi del distributore più economici. E molte altre aziende, da Bath & Body Works a Chipotle, si stanno preparando a vendite più lente, in particolare dai consumatori a basso reddito, nei prossimi mesi.

La recessione può essere una “profezia che si autoavvera”

I clienti attraversano un negozio Gucci con manichini in vetrina


Budrul Chukrut / SOPA Images / LightRocket tramite Getty Images


Tuttavia, ci sono ancora segnali che anche il settore del lusso potrebbe iniziare a provare qualche dolore a causa della guerra in corso in Ucraina, del blocco del coronavirus e dell’incertezza economica.

Il direttore finanziario di Kering, Jean-Marc Duplex, ha affermato che la società è in uno stato d’animo “attendibile” riguardo all’economia a causa della guerra in Ucraina, che ha fatto aumentare i costi.

Anche Kering e altre società di beni di lusso sono alle prese con i blocchi in corso in Cina. Consumatori cinesi Domina il mercato globale del lussoLe chiusure hanno chiuso molti negozi di fascia alta e ridotto il numero di turisti cinesi che fanno acquisti all’estero.

Kering ha affermato che il 30% dei suoi negozi in Cina sono stati chiusi ad aprile e maggio. Il direttore finanziario di LVMH, Jean-Jacques Guyoni, ha affermato che le vendite in Cina sono diminuite di una “grande doppia cifra” nell’ultimo trimestre. Ma le due società si sono dette ottimiste sul fatto che gli affari nella regione sarebbero rimbalzati.

Kering e LVMH hanno anche espresso un cauto ottimismo sul fatto che i turisti europei e americani continueranno a spendere in beni di lusso.

Guiony ha affermato che LVMH non ha una prospettiva “particolarmente cupa e pessimistica” per l’economia statunitense, ma ha un piano in atto in caso di rallentamento economico più pronunciato.

“Quello che temo è che tutti questi commenti sulla stagnazione economica e sulla bassa domanda diventino una profezia che si autoavvera”, ha detto.

READ  Il Napoli riaccende le speranze di battere il Verona