Giugno 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Guarda le prime immagini drammatiche della navicella spaziale Juno della NASA catturate mentre navigava dal globo ghiacciato, Ganimede

Questa immagine di Ganimede è stata acquisita da un fotografo JunoCam durante il volo di Giunone il 7 giugno 2021, vicino alla luna ghiacciata. Credito: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS

L’astronave volò più vicino a GioveLa luna è più grande di qualsiasi altra da più di due decenni e offre scorci emozionanti del globo ghiacciato.

Le prime due foto di NASA Giunone è stata ricevuta il 7 giugno 2021, un sorvolo della luna gigante di Giove Ganimede sulla Terra. Le immagini – una dall’imager JunoCam dell’orbita di Giove e l’altra dalla fotocamera stellare dell’Unità di Riferimento Stellare – mostrano la superficie con dettagli notevoli, inclusi crateri, terreno luminoso e scuro chiaramente e caratteristiche strutturali alte probabilmente legate a faglie tettoniche.

“Questa è la navicella spaziale più vicina a questa luna gigante in un’intera generazione”, ha affermato il ricercatore principale di Juno Scott Bolton del Southwest Research Institute di San Antonio. “Ci prenderemo del tempo prima di trarre conclusioni scientifiche, ma fino ad allora possiamo semplicemente meravigliarci di questa meraviglia celeste”.

Usando il suo filtro verde, l’imager a luce visibile della navicella spaziale JunoCam ha catturato quasi un intero lato della luna coperto di ghiaccio d’acqua. Successivamente, quando appariranno versioni della stessa immagine che includono filtri della fotocamera rosso e blu, gli esperti di fotografia saranno in grado di fornire un’immagine a colori di Ganimede. La risoluzione dell’immagine è di circa 0,6 miglia (1 chilometro) per pixel.

Inoltre, la Stellar Reference Unit di Juno, una telecamera di navigazione che mantiene la navicella in rotta, ha fornito un’immagine in bianco e nero del lato oscuro di Ganimede (il lato opposto al Sole) immerso nella debole luce diffusa da Giove. La risoluzione dell’immagine varia da 0,37 a 0,56 miglia (da 600 a 900 metri) per pixel.

Il lato oscuro di Ganimede

Questa immagine del lato oscuro di Ganimede è stata acquisita dalla fotocamera di navigazione del modulo di riferimento stellare di Jonoz durante un sorvolo della Luna il 7 giugno 2021. Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/SwRI

“Le condizioni in cui abbiamo raccolto l’immagine del lato oscuro di Ganimede erano ideali per una fotocamera per condizioni di scarsa illuminazione come l’unità di riferimento stellare”, ha affermato Heidi Becker, leader del monitoraggio delle radiazioni di Juno presso Laboratorio di propulsione a reazione. “Questa è una parte diversa della superficie rispetto a quella che JunoCam vede alla luce diretta del sole. Sarà interessante vedere cosa possono mettere insieme i due”.

READ  Gli scienziati di Harvard hanno creato uno strumento di modifica genetica in grado di competere con CRISPR

La navicella invierà più immagini dal volo di Ganimede nei prossimi giorni, con le immagini iniziali di JunoCam disponibili Qui.

Si prevede che l’incontro della navicella spaziale a energia solare con la luna gioviana fornirà informazioni sulla sua composizione, ionosfera, magnetosfera e guscio di ghiaccio, fornendo misurazioni dell’ambiente radioattivo che andranno a beneficio delle future missioni del sistema gioviano.

Maggiori informazioni sulla missione

Il Jet Propulsion Laboratory, una divisione del California Institute of Technology di Pasadena, in California, dirige la missione Juno per il ricercatore principale Scott J. Bolton, del Southwest Research Institute di San Antonio. Juno fa parte del New Frontier Program della NASA, gestito presso il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, in Alabama, per la direzione della missione scientifica dell’agenzia a Washington. Lockheed Martin Space a Denver ha costruito e gestito la navicella spaziale.