Maggio 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Guarda il mondo in un fagiolo del Bengala

Apu and Durga in a field with

Durante i 12 anni occorsi al fotografo Chirodeep Chaudhuri per completare il suo libro Un villaggio nel BengalaRiguardo al suo villaggio ancestrale di Amadpur, è stato Satyajit Rai ad aiutarlo a trovare la sua strada quando si è reso conto che le foto che aveva scattato erano solo belle immagini. I suoi amici dicevano che il suo lavoro glielo ricordava Bagnante Banchali Ma lo stesso Choudhury era infelice. Non c’era narrazione. Poi, un pomeriggio a Calcutta, trovò un film in CD e lo guardò più e più volte nei mesi successivi, con un lento raccolto di comprensione.

Leggi anche | 100 motivi per amare Ray: l’elenco completo

Fatto del commento di Ray in merito Bagnante Banchali, Quella “vita in un povero villaggio indiano errante” era qualcosa che anch’io ho notato “, ha scritto Chowdhury in Un villaggio nel Bengala. “… la mia lettura di Ray, e la frequente visione dei suoi film, mi ha portato a capire lo stile di vita bengalese, certamente tutti, in modo semplice.” Bengalese a Mumbai, Chaudhuri è stato rimosso due volte dal Bengala – per geografia fisica e distanza culturale per non essere in grado di leggere il bengalese. Ma non lo saprai quando vedrai l’azione. Un villaggio nel Bengala Presentando un ritratto incredibilmente intimo di una comunità di villaggio, le immagini sono piene della stessa qualità brillante che ha osservato il critico Chidananda Dasgupta Aiuto Trilogia, foto accese di una bellezza che sembra slegata dalla vita reale. Non c’è immagine nel libro di Choudhury con una didascalia. È una scommessa che funziona magnificamente perché lo sappiamo, per intuizione o cordone ombelicale Bagnante BanchaliCosa succede in ogni foto.

READ  Il proprietario dell'Hollywood Roosevelt Hotel chiede 21,5 milioni di dollari per acquistare una proprietà

Conosco questo supporto ombelicale. Mezzo decennio fa, quando ero più giovane e meno sicuro di me, sono andato in un villaggio di Purulia, nel Bengala occidentale, per visitare la casa di un riluttante interlocutore. Il soggetto mi ha tirato fuori su cauzione alla vigilia del viaggio, ma mi ha permesso di visitare la casa della sua famiglia. Chi viaggia diverse ore da Calcutta per visitare la casa di qualcuno che non vuole incontrarla? Perché la famiglia mi parla? L’imbarazzo arriva facilmente quando siamo giovani.

L’autostrada è come qualsiasi altra strada del paese, chilometri di strade grigie con camion ondeggianti e cartelloni di cemento “nazionale” e marchi immobiliari ai lati. Mentre ci avvicinavamo al villaggio e lasciavamo l’autostrada, ho sentito l’attrazione di qualcosa di familiare. Là, su entrambi i lati dello stretto sentiero, sottili fiori bianchi stavano ritti sul terreno. Il Contanti Fiori molto caratteristici per lo scenario del Bengala: ho sempre vissuto in città, ma quanto spesso dovrei vederli sullo schermo? Quanti registi l’hanno usata per indicare che la loro storia è ambientata nel Bengala? Tra questi esili fiori bianchi, Durga e Abu, la sorella adolescente e il fratello minore, aspettano quando il treno inizia a fumare e sputa nuvole di fumo nero nella campagna; Una sequenza che è considerata tra i film più apprezzati nel cinema mondiale.

Pensavo di conoscere questo posto. Anche se dallo schermo conosco questo posto. Conosco la sua lingua, i suoi abbondanti stagni, il suo sole cocente e le sue serate che calano rapidamente. Il nodo allo stomaco si è sciolto. Posso farlo. E ci sono riuscito.

Bagnante BanchaliPubblicato nel 1955, è in lavorazione da cinque anni. Tre anni dopo l’indipendenza da 200 anni di dominio britannico, un nuovo regista arrivato in età adulta nell’India coloniale iniziò a girare un film in lingua bengalese su un villaggio del Bengala. Si ritiene che il regista Francois Truffaut abbia detto uscendo dalla proiezione: “Non voglio vedere un film sui contadini che mangiano con le mani”. Ma Ray chiaramente non era preoccupato per risposte come questa. Più di ogni altra cosa, questo è ciò che più mi ha colpito: quanto giovane Rai fosse un giovane artista, e quanto fosse sicuro della propria identità. Durante i suoi 40 anni e 36 di carriera cinematografica, ha diretto 30 film interamente in bengalese e due documentari parziali in bengalese. Nonostante abbia realizzato i film indiani di maggior incasso, ha realizzato solo due film in hindi.

READ  Chloe Chow è diventata la prima donna di colore a vincere l'onore della Directors Guild

Leggi anche | 100 motivi per amare Ray: Sharmila Tagore ricorda Manic Da

Questo è ciò che ha ereditato la Rai, e mentre lo scrivo da bengalese – una mappa del nostro posto nel mondo, un atlante dei costumi, dei ritmi, delle paure e delle aspirazioni del Bengala. Il critico Shidananda Dasgupta ha scritto: “Un indiano moderno istruito ha bisogno di trovare il cordone ombelicale che lo lega alle proprie tradizioni e all’uomo comune e così si salva dall’essere un rifugiato”. Satyajit Ray Cinema.

Rai Cinema è noto per la sua umanità. Non era un marxista, come i suoi contemporanei Ritwick Gatak e Merinal Sen. Credeva che il potenziale di un individuo fosse supremo e nessuno stato o sistema poteva accoglierlo. Tuttavia, la privacy della sua posizione non ha diminuito il suo umanesimo. “Ha costruito questo ponte tra il mio amato Bengala e il resto del mondo”, ha detto in un documentario l’attrice Sharmila Tagore, apparsa in cinque film Rai. Abur Sansar.

Si dice che il posizionamento dello scienziato in un granello di sabbia sia il segno distintivo della grande arte. Ma soprattutto i cereali inglesi e americani, e talvolta i cereali francesi e italiani, sono ciò che il mondo pende da noi. Ray ha identificato lo scienziato in un fagiolo del Bengala. Ci ha dato consapevolezza dell’importanza delle nostre vite, dei nostri sentimenti e delle nostre avventure. Non abbiamo bisogno di misurarci in esperienze incentrate sulla lingua inglese ed europea. Che abbiamo le nostre storie, la nostra geografia e la nostra storia. E sono importanti. Siamo importanti.

Suhini Chattopadhyay è una giornalista e scrittrice di Calcutta. Ha twittato su sohinichat.

READ  Il ghiaccio italiano di Rita allo Staten Island Mall offre un servizio di ritiro durante la pandemia | Sì, è aperto