Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gran Premio d’Italia – La storia di Julian Fybro

Tante emozioni sono passate in poche ore a Monza. Tra la pole position conquistata da Charles Leclerc nel tardo pomeriggio di sabato e il podio di questa domenica al Gran Premio d’Italia, ancora una volta, sollevato dalla marea rossa della Tifosi, Monza mi ha dato la sua parte di pelle d’oca nel bene e (quasi) nel peggio!

Tutto inizia sabato sera, quandoUn tour del “Parco nazionale di Monza” I fan della Ferrari celebrano la colonna del pilota.
L’atmosfera è festosa in città e nell’albergo dove alloggiano i piloti della Scuderia è una vera e propria rivolta. I carabinieri cercano di garantire una parvenza di ordine e circolazione, ma il numero crescente di tifosi inizia a scavalcare i cancelli dell’hotel per cercare di vederli.

Charles e Carlos non sono ancora tornati dalla pista mentre fanno un debriefing e si mettono al comando il giorno successivo della gara.
Tuttavia, pochi minuti dopo, seduto nel ristorante dell’hotel, ho assistito alla frenesia della strada, mentre le sirene suonavano per i motociclisti della polizia che scortavano l’auto di Charles Leclerc. Lontano.

È l’atmosfera di un campo di calcio che corre dopo. Tutti osservano l’eroe del giorno e quando appare nel cortile dell’hotel alcuni non esitano a precipitarsi tra la vegetazione che circonda la struttura per porgergli una foto o un cappello da fargli firmare!

Charles lascia il posto ad un allenamento con un grande sorriso e una grande attenzione per tutti. Tutto questo in una corsa allegra e un debito assordante che ancora fa rizzare la mia poesia mentre scrivo queste righe. Tifusi, nonostante la delusione che potrebbe derivare dalle occasioni perse o perse della Ferrari in questa stagione, è pronto al momento a perdonare tutto. Stasera vogliono gridare a Charles che ci saranno sempre per lui, finché lui sarà lì per la Ferrari!

READ  Porsche sostituisce la Volkswagen come la casa automobilistica più preziosa d'Europa

Questo scambio di energia è incredibile, e mentre guardavo la scena su un balcone strapiombante, ho incontrato Sabine Kim, il manager di Michael e Mick Schumacher. Anche lei nota con occhi commossi questo incredibile momento di eccitazione e mi dice: “ Mi ricorda Michael di qualche anno fa «.

In quel momento, ho pensato, forse sarei stato dall’altra parte del cancello e avrei gridato il mio amore per il mio idolo che è durato tutta la mia vita allo stesso modo!
Dopo qualche ora di sonno sono sceso in pista domenica mattina alle 7:45 per non perdermi il risultato del Campionato di F3 in cui sono ancora in lizza i due francesi Victor Martins e Isaac Hajjar.

È anche l’occasione per assistere all’apertura dei cancelli dell’arena. Come i fan giapponesi di Suzuka che hanno dormito tutta la notte ai cancelli della pista, ho poi visto i più entusiasti correre verso le zone più frequentate dell’ippodromo.
A queste prime ore la pista è ancora occupata da pochi operai in ombra e alla Ferrari, in attesa dell’arrivo dei critici di casa, stanno lucidando i frontali dei camper dipinti di giallo appositamente per celebrare i 75 anni della Scuderia.
Tempo per il caffè ed eccomi a Pit Lane dove la pressione è palpabile con il posto in singolare degli ultimi contendenti al titolo.

Conosco Victor Martins più personalmente, poiché le nostre strade si sono incrociate molto prima che diventasse il campione del mondo di kart. Siamo rimasti molto legati e inevitabilmente provo in questo momento tutte le emozioni che sta cercando di contenere, proprio come suo fratello maggiore Nicholas, la persona più importante della squadra di Victor dai suoi primi giorni.

READ  ESCLUSIVO - L'Italia rischia di non superare la scadenza per il suo piano di ripresa a causa delle preoccupazioni dell'Unione europea, dicono le fonti

Al termine di una gara incredibile, il titolo 2022 è andato a lui e sono rimasto molto commosso dalla sua incoronazione, per la quale ha dato tanto, e dall’enorme delusione di Isaac Hajjar che è stato pagato a pochi metri di distanza. .

Issac mi ricorda Sebastian Vettel che, nel 2009, quando le sue possibilità di titolo erano scarse a fine stagione, è stato colpito duramente quando il titolo gli è sfuggito aritmeticamente. Anche Isaacs ci ha creduto fino all’ultimo minuto, anche se le sue possibilità erano scarse di domenica mattina. Questa è la posizione del vero campione e per me è la grande rivelazione di questa stagione. Il suo atteggiamento come il suo talento lo porteranno lontano. Il nostro francese mi ha fatto rabbrividire di nuovo!

Si è parlato anche di pelle d’oca, quando dopo poche ore la griglia di F1 ha cominciato a sistemarsi. Ci sono due posti su questo pianeta in cui vorrei isolarmi per qualche momento sul tetto delle nostre cabine di commento prima di volare. È qui a Monza, così come a Suzuka in Giappone. Ad ogni modo, la vista mi ha sempre stupito. Così domenica non ho fatto eccezione e sono andato ad annusare l’aria di Monza, sul tetto di questo vecchio edificio affacciato sul cancello di partenza. Il tempo era bello, la folla stava gradualmente guadagnando pressione e la festa si preannunciava particolarmente bella.

Era corsa, fino al ritiro di Ricciardo negli ultimi giri di gara. Anche in questo caso non mi è piaciuto vedere questa leva in pista, anche se il monoposto non passava molto velocemente alla sua sinistra. Così tante immagini dolorose sono ancora nella mia mente. Inoltre non ci è piaciuto che questa gara sia finita così, dietro l’unica Aston Martin in testa questo fine settimana. Forse questa safety car merita di essere sostituita con una bandiera rossa. Abbiamo fatto un mini Gran Premio di quattro o cinque giri. Il tifo avrebbe potuto divampare di nuovo con l’idea che Charles potesse avere un’ultima possibilità contro Max. E anche se non riuscirà a superarlo, saremo tutti scossi. Questa è la F1. A Monza è ancora più forte.

READ  I legislatori italiani indagano sui motivi della missione per combattere le epidemie russe | Madison.com Salute, sport, salute e fitness

Questo è anche il motivo per prolungare il mio soggiorno lì per alcuni giorni. Questo mercoledì tocca a me provare il Temple of Speed ​​al volante di un’auto di Formula 1. Non sarà rossa, ma state certi che il mio cuore batterà forte come quello di un tifoso. Cavallino Rambante. Vi racconterò tutto molto presto.

Nel frattempo, prenditi cura di te con i tuoi amici e ci vediamo alla prima curva su Canal+ tra tre settimane a Singapore!

Leggi anche> Gran Premio di Francia – Storia di Julien Vibro