Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli studi enfatizzano l’educazione al botulismo in Romania e in Italia

Due studi in vari paesi europei enfatizzano l’educazione per migliorare la consapevolezza dei consumatori e prevenire il botulismo.

Il primo studio ha esaminato i dati epidemiologici sul botulismo di origine alimentare nella Romania occidentale nell’ultimo decennio. L’avvelenamento da botulismo è una malattia rara causata da tossine prodotte dal batterio Clostridium botulinum.

Sono state analizzate le cartelle cliniche di tutti gli ospedali per tutti i casi di botulismo alimentare dal 2010 al 2020 ed è stato eseguito un test per stabilire un tipo di tossicità con siero anti-botulino di tipo A, B ed E.

Rischi domestici
In tutto, 18 pazienti con botulismo alimentare sono stati ricoverati durante questo periodo e confermati da analisi di laboratorio. MDPI Journal of Healthcare.

I pazienti avevano un’età compresa tra 19 e 72 anni. La maggior parte erano uomini e vivevano in campagna. La maggior parte delle persone ha avuto sintomi gastrointestinali entro 12-24 ore dopo aver mangiato cibo contaminato.

I piatti non sono stati testati ma le fonti principali sono considerate carne di maiale, prosciutto e carne fatta in casa. Il cibo conservato in casa viene conservato in bottiglie o lattine, causando botulismo a causa di una preparazione inadeguata e di una conservazione impropria. In Romania, i maiali domestici vengono macellati durante l’inverno e la carne viene conservata e conservata a temperatura ambiente per alcuni mesi prima di essere consumata.

La Romania ha sperimentato una serie di focolai di botulismo alimentare. Nel 2003 ci sono stati 27 casi, inclusi due decessi; Nel 2004, 18 casi in quattro mesi; Nel 2005 21 casi in tre eruzioni; Nel 2006 23 casi e un decesso in due esplosioni; Nel 2007, ci sono stati 110 morti in cinque eruzioni in tutto il paese, tre morti; E nel 2008, 11 casi contemporaneamente.

READ  "Rumeni al potere!" Mihila e Mann, in prima pagina sui giornali italiani, dopo aver segnato un ex gol su passaggio di qualcun altro

Questo studio ha mostrato che sta diminuendo ogni anno.

“Il botulismo può essere evitato nei distretti ad alta probabilità riconoscendo gli standard culinari e sociali e incoraggiando le tradizioni locali a prevenire il botulismo. Dovrebbero essere compiuti grandi sforzi per educare il pubblico sulla consapevolezza del botulismo e dei suoi effetti associati, e le autorità di regolamentazione della sicurezza alimentare incentrate sulla prevenzione possono aiutare prevenire le epidemie”, ha detto.

dati italiani
L’Italia ha la più alta incidenza di botulismo alimentare in Europa, secondo uno studio separato pubblicato in Diario di dieta.

I ricercatori hanno sviluppato fenomeni di Clostridia negli alimenti del nord Italia tra il 2013 e il 2020. In totale, 2.187 campioni sono stati consegnati dalle aziende alimentari fuori dal proprio controllo.

Sedici campioni di alimenti sono risultati positivi per la presenza di Clostridia produttori di BNT, inclusi prodotti lattiero-caseari, frutta, verdura, salse, prodotti da forno, prodotti a base di carne, spezie e salse.

L’analisi dei campioni biologici è stata effettuata in casi sospetti di intossicazione alimentare con gli ospedali locali. Dei 52 pazienti sospettati di avere il botulismo, 18 sono stati confermati positivi.

Sono stati analizzati anche i residui alimentari legati a casi sospetti e in cinque casi positivi, la maggior parte dei quali erano prodotti fatti in casa.

“Il nostro studio evidenzia l’importanza dell’educazione dei consumatori nella prevenzione dell’epidemia di botulismo pericoloso e il nostro studio dimostra che il botulismo alimentare continua a essere un problema di salute pubblica sia nella lavorazione industriale che nei prodotti fatti in casa”, hanno affermato i ricercatori.

(Per registrare un abbonamento gratuito a Food Safety News, Clicca qui.)