Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli studi collegano la malattia da prioni intrattabili al vaccino COVID-19

Gli studi sui vaccini COVID-19 hanno suggerito collegamenti tra di loro malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD) – Una malattia da prioni incurabile e mortale – e prendi Vaccino contro il covid-19.

Edizione francese moderna Sul vaccino CJD e COVID-19 È stato suggerito che il vaccino COVID-19 potrebbe aver contribuito all’emergere di un nuovo tipo di CJD sporadica che è più aggressivo e rapido nella progressione della malattia rispetto alla CJD convenzionale.

La CJD è una malattia rara causata da una proteina anormale nel cervello chiamata prione.

I prioni si trovano naturalmente nel cervello e di solito sono innocui, ma quando si ammalano o si dispiegano, colpiscono anche i prioni vicini per deformarsi, portando al deterioramento del tessuto cerebrale e alla morte.

La malattia è incurabile perché una volta che un prione viene infettato, continuerà a diffondersi ad altri prioni senza alcun trattamento in grado di fermarne la progressione.

La maggior parte delle persone con malattia di Creutzfeldt-Jakob ha una malattia sporadica. Vengono infettati senza una ragione apparente. Tuttavia, piccoli sottogruppi di persone vengono diagnosticati a causa della genetica.

La malattia di Creutzfeldt-Jakob intermittente, sebbene si manifesti in modo casuale, è stato collegato al consumo di carne infetta da prioni malati, come l’infezione da parte di individui che mangiano carne di manzo da una mucca infetta.

Sebbene la variante COVID-19 Omicron non porti una regione prionica sulla proteina spike, la prima variante COVID-19 Wuhan contiene una regione prionica sulla proteina spike. studio americano Indica che la regione del prione è in grado di interagire con le cellule umane.

Pertanto, quando le informazioni sui geni ad alto contenuto proteico della variante di Wuhan sono state inserite in un vaccino come parte del vaccino mRNA e adenovirus, è stata incorporata anche la regione del prione.

READ  Lo studio rileva che le persone non vaccinate hanno in media maggiori probabilità di contrarre il COVID ogni 16 mesi

Come parte del normale processo cellulare, una volta che l’mRNA è incorporato nelle cellule, la cellula converte le istruzioni dell’mRNA in una proteina spikey COVID-19, inducendo le cellule a pensare di essere infette in modo da creare una memoria immunitaria contro un componente di il virus.

Tuttavia, il processo biologico di traduzione delle informazioni sull’mRNA in proteine ​​non è perfetto ed è immune da errori.

studio americano È stato ipotizzato che la proteina spike dispiegata potrebbe a sua volta creare una regione di prioni dispiegati che potrebbe essere in grado di interagire con prioni sani per causare danni, portando alla CJD.

Studio di revisione tra pari in Turchia (PDF) e la versione francese iniziale ha identificato casi di MCJ improvvisa emersi dopo aver ottenuto i vaccini Pfizer, Moderna e AstraZeneca, suggerendo legami tra vaccinazione e infezione.

Lo studio francese ha riscontrato l’insorgenza dei sintomi entro 11,38 giorni dalla vaccinazione, mentre il caso di studio in Turchia ha riscontrato l’insorgenza dei sintomi un giorno dopo la vaccinazione.

Studi precedenti della malattia di Creutzfeldt-Jakob nei gruppi cannibali hanno indicato che la malattia di Creutzfeldt-Jakob può rimanere latente dopo l’infezione per 10 anni o più. Tuttavia, gli autori francesi dello studio hanno scoperto che i casi di CJD osservati dopo la vaccinazione con COVID-19 sono molto più veloci a comparire.

Lo studio ha identificato 26 casi in Europa e negli Stati Uniti; 20 erano già morti al momento della stesura dello studio, con la morte avvenuta in media 4,76 mesi dopo la vaccinazione.

“Questo conferma la natura radicalmente diversa di questa nuova forma di malattia di Creutzfeldt-Jakob, mentre la forma classica richiederebbe diversi decenni”, hanno scritto i ricercatori, guidati dal dottor Jean-Claude Perez.

READ  L'alto funzionario sanitario di New Orleans ha emesso un avvertimento sulla variante delta