Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli Stati Uniti respingono il tentativo dell’Italia di ammorbidire l’annuncio del G7 sull’aborto – Firstpost

Gli Stati Uniti respingono il tentativo dell’Italia di ammorbidire l’annuncio del G7 sull’aborto – Firstpost

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni accoglie il presidente degli Stati Uniti Joe Biden al vertice dei leader mondiali del G7 a Borgo Egnazia, nel sud Italia. AP

Giovedì gli Stati Uniti si sono opposti duramente al tentativo dell’Italia di annacquare la dichiarazione dei leader del G7 sull’aborto rimuovendo un riferimento a decisioni “sicure e legali”.

Fonti diplomatiche hanno affermato che il Primo Ministro ospitante Georgia Meloni stava cercando di fare marcia indietro rispetto al linguaggio del rapporto del G7 del Giappone dello scorso anno, cosa che ha infastidito i paesi del Gruppo dei Sette.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden “ha ritenuto fermamente che dovremmo almeno avere un linguaggio che affronti ciò che abbiamo fatto a Hiroshima sulla salute delle donne e sui diritti riproduttivi”, ha detto giovedì un alto funzionario dell’amministrazione americana senza nome.

“Questa dichiarazione ribadirà l’impegno preso a Hiroshima”, ha detto il funzionario.

L’ufficio della Meloni nega che il diritto all’aborto sia stato tagliato dalla bozza del rapporto finale del vertice, affermando che sono in corso negoziati con Gran Bretagna, Canada, Francia, Germania, Giappone e Stati Uniti.

Mercoledì una fonte vicina ai colloqui ha detto all’AFP che nel rapporto dei leader del G7 del 2021 si parlava di “accesso sicuro”, ma “la Meloni non lo vuole”.

“Lei è l’unica, è isolata sulla questione. Ma poiché questo è un Paese ospitante, altri hanno deciso di non trasformarlo in un cas belli”, ha detto la fonte, usando la parola latina per l’atto di incitamento alla guerra.

“Quindi non comparirà più nel testo”, ha aggiunto la fonte.

READ  Portare a casa un po' dell'Italia e della vita semplice

Il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani ha dichiarato giovedì a Sky TG24 che è “prematuro” commentare poiché “diverse delegazioni stanno (ancora) negoziando”.

‘vergogna’

Un rapporto dei leader del G7 dello scorso anno esprimeva “forte preoccupazione” per la riduzione dei diritti delle donne dopo il vertice in Giappone.

Si impegna inoltre a garantire i diritti alla salute sessuale e riproduttiva per tutti, “compreso l’accesso all’aborto sicuro e legale e alle cure post-aborto”.

Il documento finale dell’anno dovrebbe essere rilasciato entro venerdì sera.

Secondo il quotidiano italiano Tomani, Francia e Canada sono particolarmente frustrati mentre spingono per rafforzare il diritto all’aborto.

All’inizio di quest’anno il parlamento francese ha votato per sancire il diritto all’aborto nella costituzione del paese, e il presidente Emmanuel Macron ha affermato che i diritti dovrebbero essere protetti nella Carta dell’UE.

L’aborto è un tema caldo negli Stati Uniti, dove il presidente Joe Biden si è scagliato contro le restrizioni all’aborto praticate nella maggior parte degli stati conservatori.

Mercoledì una fonte presidenziale italiana ha negato qualsiasi suggerimento secondo cui “l’accesso sicuro” sarebbe già stato tagliato.

“Nessuno Stato ha chiesto di rimuovere il riferimento alla questione dell’aborto dalla bozza di conclusioni del vertice del G7… in una fase in cui i negoziati sono ancora in corso”, ha detto una fonte presidenziale.

La Meloni, una sedicente “madre cristiana” salita al potere nel 2022, è stata accusata dagli attivisti per i diritti di cercare di rendere più difficile l’interruzione delle gravidanze in Italia.

Sebbene l’aborto sia legale nel Paese a maggioranza cattolica dal 1978, l’accesso ad esso è difficile a causa dell’elevata percentuale di ostetriche che si rifiutano di eseguire aborti per motivi morali o religiosi.

READ  Il pugile pakistano Zohaib Rasheed è scomparso in Italia prima delle qualificazioni olimpiche

Ad aprile, il parlamento italiano ha consentito agli attivisti anti-aborto di entrare negli ambulatori della coalizione governativa di estrema destra guidata dalla Meloni, suscitando l’indignazione dell’opposizione.

Il ministro italiano dell’Agricoltura e cognato di Meloni, Francesco Lolloprigida, si è chiesto se fosse “una coincidenza” che il G7 rilasciasse una dichiarazione a sostegno del diritto all’aborto alla presenza di Papa Francesco.

Francesco è il capo della Chiesa cattolica, che condanna fermamente l’aborto. Sarà ospite di Maloney al vertice di venerdì, ma non fa parte del G7.

Elly Schlein, capo del Partito Democratico italiano di centrosinistra (PD), ha accusato Meloni di indebolire l’Italia sulla scena internazionale mettendo in dubbio la “destra fondamentale”.

“Non ci serve un primo ministro donna che non protegge i diritti di tutte le donne in questo paese”, ha detto, denunciando la disputa sull’aborto nel G7 come una “vergogna nazionale”.

Trovaci su YouTube

Registrati