Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati si aspettavano variabili più preoccupanti dopo Omicron, affermano gli scienziati

Preparati a imparare più lettere greche. Gli scienziati avvertono che l’avanzata del vortice di omicron garantisce praticamente che non sarà l’ultima versione del virus Corona a preoccupare il mondo.

Ogni infezione offre un’opportunità al virus di mutare e l’Omicron ha un vantaggio Sopra i suoi predecessori: si diffonde più velocemente Nonostante appaia su un pianeta con una miscela di immunità più forte rispetto ai precedenti vaccini e malattie.

Ciò significa più persone con cui il virus può svilupparsi. Gli esperti non sanno come saranno le prossime variabili o come potrebbero plasmare l’epidemiaMa dicono che non vi è alcuna garanzia che le sequenze di omicron causino malattie più lievi o che i vaccini esistenti funzionino contro di loro.

Sollecitare una vaccinazione più diffusa Ora, mentre il filmato di oggi è ancora in esecuzione.

“Più velocemente si diffonde l’omcron, maggiori sono le possibilità di mutazioni, che potrebbero portare a più varianti”, ha affermato Leonardo Martinez, un epidemiologo di malattie infettive presso la Boston University.

Dalla sua comparsa a metà novembre, Omicron ha corso in tutto il mondo come il fuoco attraverso l’erba secca. La ricerca mostra che la variante è almeno due volte più contagiosa di Delta e almeno quattro volte più contagiosa della versione originale del virus.

È più probabile che Omicron reinfetti gli individui che in precedenza avevano contratto il COVID-19 e causi “infezioni penetranti” alle persone vaccinate, attaccando anche i non vaccinati. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha segnalato 15 milioni di nuovi casi di COVID-19 nella settimana dal 3 al 9 gennaio, con un aumento del 55% rispetto alla settimana precedente.

Oltre a tenere le persone relativamente sane lontane dal lavoro e dalla scuola, la facilità con cui la variante si diffonde aumenta le probabilità che il virus venga infettato e rimanga all’interno delle persone con un sistema immunitario indebolito, dandogli più tempo per sviluppare forti mutazioni.

READ  Un medico del Michigan ha detto che 6 pazienti su 8 che hanno messo in dubbio il suo parere medico su COVID-19 sono morti

“È probabile che le infezioni lunghe e persistenti siano un terreno fertile per nuove varianti”, ha affermato il dottor Stuart Campbell Ray, esperto di malattie infettive presso la Johns Hopkins University. “Solo quando hai un’infezione molto diffusa, fornirai l’opportunità che ciò accada”.

Poiché Omicron sembra causare malattie meno gravi di Delta, il suo comportamento ha suscitato la speranza che potrebbe essere l’inizio di una tendenza che alla fine renderà il virus più mite come il comune raffreddore.

Gli esperti dicono che è una possibilità, dal momento che i virus non si diffondono bene se uccidono i loro host troppo rapidamente. Ma i virus non sempre diventano meno letali nel tempo.

Ray ha spiegato, ad esempio, che l’alternativa potrebbe raggiungere il suo obiettivo principale – la replicazione – se le persone infette inizialmente sviluppassero sintomi lievi, diffondessero il virus attraverso le interazioni con gli altri e in seguito si ammalassero gravemente.

La gente si chiedeva se il virus si sarebbe sviluppato con moderazione. Ma non c’è un motivo particolare per farlo, ha detto. “Non credo che possiamo essere sicuri che il virus diventerà meno mortale nel tempo”.

Il graduale miglioramento dell’evasione immunitaria aiuta il virus a sopravvivere a lungo termine. Quando SARS-CoV-2 ha colpito per la prima volta, nessuno era immune. Ma infezioni e vaccini hanno dato almeno una certa immunità a gran parte del mondo, quindi il virus deve adattarsi.

Ci sono molte strade possibili per l’evoluzione. Gli animali possono coccolarsi e scatenare nuove variabili. Cani e gatti domestici, cervi e visoni allevati in fattoria sono solo alcuni degli animali suscettibili al virus, che può mutare all’interno e tornare nell’uomo.

READ  Gli archeologi approfondiscono il comportamento umano sulla Stazione Spaziale Internazionale: NPR

Un’altra possibile via: con la circolazione sia dell’omcron che del delta, le persone potrebbero sviluppare una doppia infezione che potrebbe generare quelle che Ray chiama “varianti di Franken”, ibridi che hanno caratteristiche di entrambi i tipi.

Quando si evolvono nuove varianti, gli scienziati hanno affermato che è ancora molto difficile dire quali tratti genetici potrebbero decollare. Ad esempio, l’omcron contiene molte più mutazioni rispetto alle varianti precedenti, circa 30 nella proteina spike che gli consente di legarsi alle cellule umane. Ma la cosiddetta variante IHU identificata in Francia che è monitorata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ha 46 mutazioni e non sembra essersi diffusa molto.

Per limitare l’emergere di varianti, gli scienziati stanno sottolineando la continuazione delle misure di salute pubblica come il mascheramento e la vaccinazione. Sebbene Omicron sia in grado di eludere l’immunità meglio di Delta, hanno affermato gli esperti, i vaccini forniscono ancora protezione e i vaccini di richiamo riducono significativamente le malattie critiche, i ricoveri e i decessi.

Ann Thomas, un’analista IT di 64 anni a Westerly, Rhode Island, ha affermato di aver ricevuto le vaccinazioni ed è completamente potenziata e sta anche cercando di rimanere al sicuro rimanendo a casa mentre il suo stato ha uno dei tassi più alti di COVID- 19 casi nel mondo Stati Uniti.

“Non ho assolutamente dubbi sul fatto che questi virus continueranno a mutare e ci occuperemo di questo per molto tempo”, ha affermato.

Ray ha paragonato i vaccini a scudi umani che ostacolano notevolmente la diffusione del virus, anche se non la fermano completamente. Per un virus che si diffonde in modo esponenziale, ha detto: “Tutto ciò che limita la sua trasmissione può avere un impatto enorme”. Inoltre, quando le persone vaccinate si ammalano, Ray ha affermato che la loro malattia è generalmente più lieve e scompare più rapidamente, lasciando meno tempo per produrre varianti pericolose.

READ  Pizza azzima che lievita in Italia: scatti

Gli esperti affermano che il virus non diventerà una pandemia come l’influenza finché i tassi di vaccinazione globali saranno molto bassi. Durante una recente conferenza stampa, il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha affermato che la protezione delle persone dalle variabili future, comprese quelle che potrebbero essere completamente resistenti alle vaccinazioni attuali, dipende dalla fine delle disuguaglianze vaccinali globali.

Tedros ha detto che vorrebbe che il 70% delle persone in ogni paese ricevesse la vaccinazione entro la metà dell’anno. Attualmente, ci sono dozzine di paesi in cui è stato vaccinato meno di un quarto della loro intera popolazione, secondo Statistiche della Johns Hopkins University. E negli Stati Uniti, molte persone continuano a resistere ai vaccini disponibili.

“Queste enormi aree non impollinate negli Stati Uniti, Africa, Asia, America Latina e altrove sono piante sostanzialmente diversificate”, ha affermato il dottor Prabhat Jha del Center for Global Health Research presso il St. Michael’s Hospital di Toronto. “È stato un tale fiasco della leadership globale che non potevamo farlo”.

Nel frattempo, Louis Mansky, direttore dell’Institute for Molecular Virology dell’Università del Minnesota, ha affermato che nuove varianti sono inevitabili.

Con così tante persone non vaccinate, ha detto, “il virus ha ancora il controllo di ciò che sta accadendo”.

___

Il Dipartimento della Salute e della Scienza dell’Associated Press riceve il sostegno della Divisione di Educazione Scientifica dell’Howard Hughes Medical Institute. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.

___

Segui la copertura dell’AP sulla pandemia su https://apnews.com/hub/coronavirus-pandemic