Giugno 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati rivelano un modo promettente per evitare il declino cognitivo

Gli scienziati rivelano un modo promettente per evitare il declino cognitivo

Un nuovo studio suggerisce che il modo in cui esploriamo il nostro ambiente può contribuire a un sano invecchiamento cerebrale. I risultati potrebbero offrire nuovi modi per evitare il declino cognitivo, nonché biomarcatori precoci per diagnosticare la malattia di Alzheimer.

La navigazione spaziale è un’abilità che utilizziamo ogni giorno e tende a diminuire con l’avanzare dell’età. Storicamente, questo declino delle capacità di navigazione è stato attribuito a un declino della memoria spaziale. Ma secondo una nuova ricerca, ciò potrebbe anche essere dovuto a cambiamenti nel modo in cui esploriamo nuovi ambienti.

“Rispetto agli individui più giovani, le persone di mezza età mostrano complessivamente meno esplorazione quando imparano un nuovo ambiente labirinto e sembrano dare priorità all’apprendimento di posizioni di compiti specifici nel labirinto piuttosto che alla disposizione generale del labirinto”, ha affermato Vaisak Puthusripadi, un ricercatore post-dottorato presso l’Università di Los Angeles. Università. . Lo ha detto California Irvine in un comunicato.

In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Frontiere nelle neuroscienze dell’invecchiamentoBhutusripadi e i suoi colleghi hanno reclutato un gruppo di 87 volontari di mezza età con un’età media di 50 anni e 50 giovani volontari con un’età media di 19 anni. Ai volontari è stato quindi chiesto di esplorare e imparare a navigare in un labirinto nella realtà virtuale.

Il labirinto è costituito da corridoi e incroci separati da recinzioni e oggetti distintivi sono sparsi in posizioni strategiche. Dopo aver esplorato liberamente il labirinto, ai volontari è stato chiesto di spostarsi tra due oggetti selezionati casualmente.

Forse non sorprende che i volontari più giovani abbiano, in media, più successo nel trovare la propria strada. Ma ciò che risalta davvero sono le differenze nel modo in cui i partecipanti più giovani e quelli più anziani hanno imparato ad affrontare il nuovo ambiente.

READ  I danni irreparabili alle rocce spaziali non impediranno al telescopio Webb di superare le aspettative

“Rispetto agli individui più giovani, gli individui di mezza età esploravano meno l’ambiente labirinto, percorrevano meno distanze, si fermavano per periodi più lunghi nei punti decisionali e visitavano più oggetti rispetto agli individui più giovani”, ha affermato Mary Hegarty, professoressa del Dipartimento di Psicologia. Lo hanno affermato in una nota gli psicologi e scienziati del cervello dell’Università della California, a Santa Barbara, nonché coautori dell’articolo.

Archivio Fotografico – Uomo che legge la mappa. Un nuovo studio suggerisce che il modo in cui esploriamo nuovi ambienti cambia con l’avanzare dell’età. Questi risultati potrebbero avere implicazioni per evitare il declino cognitivo.

jakoblund/Getty

Queste differenze erano così grandi che i ricercatori sono stati in grado di utilizzare l’intelligenza artificiale per prevedere con precisione a quale gruppo (giovani o di mezza età) apparteneva ogni individuo basandosi solo sui loro modelli di apprendimento della navigazione.

Allora perché vediamo questo cambiamento nel comportamento esplorativo man mano che invecchiamo? Secondo i ricercatori, ciò potrebbe avere qualcosa a che fare con il modo in cui le reti di navigazione nel nostro cervello cambiano con l’avanzare dell’età. In tal caso, hanno ipotizzato che potremmo essere in grado di addestrare le persone anziane a mantenere le reti cerebrali “più giovani” attraverso semplici esercizi di navigazione.

“Se dovessimo addestrare le persone di mezza età a esplorare meglio nuovi ambienti – con particolare attenzione a percorrere distanze maggiori e a visitare percorsi che collegano l’ambiente, in modo più diffuso – ciò potrebbe portare a miglioramenti nella loro memoria spaziale, aiutando a migliorare la memoria spaziale.” Per rallentare il declino delle loro capacità cognitive”, ha detto in una dichiarazione la coautrice Daniela Cosio, dottoranda presso l’Università della California, Irvine.

READ  Uno scheletro di dinosauro di 70 milioni di anni è stato scoperto da un uomo che portava a spasso il suo cane

Questi risultati potrebbero avere implicazioni anche per le malattie neurodegenerative legate all’età, come il morbo di Alzheimer.

“Stiamo attualmente studiando se questi tipi di cambiamenti nel comportamento di esplorazione possono essere identificati nelle persone a rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer, così come in coloro che già hanno la malattia”, ha affermato Elizabeth Krastel, una delle autrici corrispondenti e professoressa associata. presso la stessa università. Lo rende noto l’istituto in una nota.

“Prevediamo che un comportamento alterato di esplorazione potrebbe eventualmente diventare un nuovo indicatore clinico del declino cognitivo precoce associato alla malattia di Alzheimer”.

C’è un problema di salute che ti preoccupa? Fatecelo sapere a salute@newsweek.com. Possiamo chiedere consiglio agli esperti e la tua storia può essere pubblicata Newsweek.