Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati hanno seguito i pazienti ER per un anno dopo che erano sopravvissuti a esperienze di pre-morte

Gli scienziati hanno seguito i pazienti ER per un anno dopo che erano sopravvissuti a esperienze di pre-morte

Qual è l’effetto di un’esperienza di pre-morte su una persona? Gli scienziati hanno studiato 19 pazienti che sono tornati dall’orlo della morte… Quello che hanno scoperto potrebbe scioccarti

  • I ricercatori hanno scoperto che il 15% dei pazienti campionati ha avuto un’esperienza di pre-morte
  • I partecipanti che hanno avuto esperienze di pre-morte non hanno avuto differenze nella qualità della vita
  • Il team di studio ha affermato che sono ancora necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati

Ci viene spesso detto che un’esperienza di pre-morte è un evento che cambia la vita e che cambia la visione della vita di un paziente.

Ma una nuova ricerca rileva che, contrariamente alla credenza popolare, i pazienti che tornano dall’orlo della morte sono ancora praticamente gli stessi un anno dopo.

In quello che si ritiene essere uno dei primi studi di questo tipo, gli esperti hanno monitorato 19 persone dopo aver avuto un’esperienza di pre-morte in un’unità di terapia intensiva (ICU). Quindi seguili 12 mesi dopo.

Ricercatori – che hanno pubblicato i loro risultati In terapia intensiva – Inizialmente ha esaminato 126 pazienti che erano stati nelle cinque unità di terapia intensiva dell’Università di Liegi in Belgio per più di una settimana.

I pazienti sono stati ricoverati in terapia intensiva per una serie di motivi, tra cui malattie respiratorie, cardiovascolari, gastrointestinali, renali, neurologiche e metaboliche. La maggior parte dei partecipanti al sondaggio è stata ricoverata per motivi chirurgici.

Hanno scoperto che il 15% di loro – 19 persone – ha avuto un’esperienza di pre-morte. Quindi questi pazienti sono stati studiati ulteriormente.

Sono stati intervistati da tre a sette giorni dopo essere stati dimessi dall’ospedale e gli è stato chiesto delle loro esperienze dissociative, come essere dimenticati o sentirsi disconnessi da se stessi. Sono stati anche interrogati sulle convinzioni spirituali, religiose e personali.

Al momento in cui i pazienti sono stati inizialmente intervistati, coloro che avevano avuto un’esperienza di pre-morte avevano una maggiore propensione ai sintomi schizofrenici.

Questi sentimenti includevano sentirsi distaccati da se stessi, provare poco o nessun dolore, sentirsi incerti sulla propria identità e un maggiore benessere spirituale e personale.

I ricercatori li hanno richiamati di nuovo un anno dopo per misurare la loro qualità di vita.

Dopo quel periodo di tempo, non è stata trovata alcuna associazione significativa con la qualità della vita, hanno scritto i ricercatori, nonostante il fatto che le esperienze di pre-morte (NDE) siano tipicamente segnalate come eccitanti e possano essere associate a emozioni negative.

Il dottor Bruce Greyson, che ha sviluppato la scala dell’esperienza di pre-morte utilizzata dai ricercatori nello studio, ha scoperto che dal 10 al 20 percento delle persone il cui cuore si era fermato sperimentano una NDE.

READ  Le colline vivono con i flussi fisici

Questo è il cinque percento della popolazione totale.

Grayson ha ID Le esperienze di pre-morte sono “esperienze intensamente vivide e spesso che alterano la vita, che spesso si verificano in condizioni fisiologiche estreme come shock potenzialmente letale, arresto cardiaco o anestesia profonda”.

I risultati della terapia intensiva differiscono dalle precedenti ricerche condotte nell’ultimo anno.

2022 Studio condotto da Grayson Ha rilevato che i partecipanti presentavano differenze significative nella qualità della vita, anche 20 anni dopo gli eventi iniziali.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati, scrivono i ricercatori in Critical Care Outcomes.