Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati comunicano con i funghi usando fino a 50 ‘parole’ | fungo

I funghi, sepolti nei rifiuti della foresta o germogliati dagli alberi, possono dare l’impressione di essere organismi relativamente silenziosi e autonomi, ma un nuovo studio suggerisce che potrebbero essere i campioni della comunicazione.

L’analisi matematica dei funghi dei segnali elettrici che sembrano inviarsi l’un l’altro ha identificato modelli che presentano una sorprendente somiglianza strutturale con il linguaggio umano.

Ricerche precedenti suggerivano che i funghi conducano impulsi elettrici attraverso strutture filamentose lunghe e sotterranee chiamate filamenti, simili al modo in cui i neuroni trasmettono informazioni negli esseri umani.

Ha anche dimostrato che la velocità di attivazione di questi impulsi aumenta quando i filamenti di funghi che digeriscono il legno entrano in contatto con blocchi di legno, aumentando la possibilità che i funghi utilizzino questo “linguaggio” elettrico per condividere informazioni su cibo o infezioni con parti distanti di se stessi, o con partner legati a filamenti come alberi.

Ma c’è qualcosa in comune tra questi treni di attività elettrica e il linguaggio umano?

Per indagare, il professor Andrew Adamatsky dell’Unconventional Computing Laboratory dell’Università dell’Inghilterra occidentale a Bristol ha analizzato i modelli di increspature elettriche prodotte da quattro tipi di funghi: funghi enoki, branchie divise, funghi fantasma e bruchi.

Lo ha fatto inserendo microelettrodi nei substrati di una colonia attraverso la sua miscela di ife, ife, i suoi funghi.

Non sappiamo se esiste una relazione diretta tra i modelli di dispersione nei funghi e il linguaggio umano. disse Adamatsky. D’altra parte, ci sono molte somiglianze nell’elaborazione delle informazioni nei substrati viventi di diverse classi, famiglie e specie. Ero solo curioso di fare un confronto”.

Ricerca pubblicata in Società reale di scienza apertaHa scoperto che queste sporgenze spesso si raggruppavano in gruppi di attività, simili a un vocabolario fino a 50 parole, e che la distribuzione delle “lunghezze innate delle parole” corrispondeva bene alle lingue umane.

Le branchie spaccate – che crescono su legno in decomposizione, i cui corpi fruttiferi ricordano onde ondulate di coralli strettamente impilati – il “cammello” più intricato di tutti.

Le ragioni più probabili di queste ondate di attività elettrica sono il mantenimento dell’integrità dei funghi – simili ai lupi che ululano per mantenere l’integrità del branco – o la segnalazione di nuove fonti scoperte di attrattivi e repellenti per altre parti dei loro funghi, Adamtzky suggerito.

“C’è anche un’altra opzione: non dicono nulla”, ha detto. “I terminali del micelio sono caricati elettricamente e quindi, quando i terminali carichi passano attraverso una coppia di elettrodi differenziali, viene registrato un picco nella differenza di potenziale”.

Ha aggiunto che qualunque cosa rappresentino questi “eventi crescenti”, non sembrano essere casuali.

Tuttavia, altri studiosi vorrebbero vedere più prove prima di essere pronti ad accettarlo come una forma di linguaggio. Altri tipi di comportamento pulsante sono stati precedentemente registrati nelle reti fungine, come il trasporto pulsatile di nutrienti, probabilmente a causa della crescita ritmica come foraggio fungino per il cibo.

“Questo nuovo documento rileva i modelli ritmici nei segnali elettrici, con una frequenza simile agli impulsi di nutrienti che abbiamo trovato”, ha affermato Dan Pepper, professore associato di bioscienze presso l’Università di Exeter e membro del Comitato di ricerca sulla biologia fungina della British Mycological Society. .

“Sebbene l’interpretazione come lingua sia interessante, suona piuttosto entusiasta e richiederà ulteriori ricerche e test di ipotesi critiche prima di vedere ‘funghi’ su Google Translate”.

READ  La megattera ingoia i conducenti al largo del Massachusetts e la sputa fuori