Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scalatori dell'Everest si preparano a raccogliere le loro feci all'inizio della stagione | Monte Everest

Gli scalatori dell'Everest si preparano a raccogliere le loro feci all'inizio della stagione |  Monte Everest

È una delle sfide più sottovalutate legate alla scalabilità Il punto più alto della Terra -Qual è il modo migliore per lavorare nell'ambiente ghiacciato e inospitale del Monte Everest?

La questione sta per diventare un po’ più complicata, dato che gli alpinisti si preparano a cambiare protocollo quando la stagione inizierà il mese prossimo, con una nuova regola sulla rimozione delle loro feci mentre salgono e scendono dalla montagna.

L’inquinamento dovuto ai rifiuti umani sul Monte Everest è un problema da molti anni. In risposta, questa stagione le autorità hanno richiesto agli alpinisti di rimuovere le loro feci dalla montagna utilizzando sacchetti biodegradabili.

Un funzionario della municipalità rurale di Pasang Lamu, una delle autorità responsabili del versante nepalese della montagna, ha affermato che si tratta di un cambiamento permanente delle regole.

“Imponendo l'uso di sacchetti fecali biodegradabili, speriamo di avviare un cambiamento positivo significativo e di proteggere questo sito patrimonio dell'umanità da ulteriori danni causati dall'inquinamento dei rifiuti umani”, ha scritto in una e-mail il sindaco Mingma Sherpa.

“Questa sarà una pratica permanente dalla prossima stagione in vetta all'Everest.”

Alan Cowher è un alpinista australiano e proprietario del Monte Everest One, che conduce spedizioni sulla montagna.

Preparandosi per un altro viaggio in questa stagione, ha detto che il capo sherpa della sua azienda ha ricevuto dettagli su come funzionerebbero le regole dal Comitato per il controllo dell'inquinamento di Sagarmatha (SPCC), le autorità nepalesi che gestione dei rifiuti Nell'area trekking del Monte Everest.

“Rilasciano a ogni scalatore un certo numero di sacchetti per scuotere, quindi sono sacchetti per ammorbidire i rifiuti. Hanno una formula chimica che indurisce le feci e rimuove l'odore”, ha detto Kohr.

READ  La polizia di Victoria ha circondato la sinagoga di Riponlea

“Le distribuiscono a tutti gli alpinisti e a tutti gli sherpa, e puoi usare quelle borse al Campo Uno, Campo Tre, Campo Quattro o ovunque tu debba andare… e poi, da quanto mi risulta, tutto viene raccolto a Campo Due e volato via “

“Dicono che controlleranno i bagagli, non so se lo faranno o no.”

In precedenza, ci si aspettava che gli scalatori scavassero buche come mezzo per smaltire i propri rifiuti.

Associazione alpinistica nepalese, che può Rilascio permessi per gli scalatoriNon è stato ancora aggiornato guida. Il suo sito web chiede alle persone di “defecare in piccoli fori individuali ricoperti di ghiaccio dopo l'uso”. I gruppi sono tenuti a utilizzare latrine temporanee scavate ad almeno 20 cm di profondità.

Se gli alpinisti non possono scavare buche, l'associazione chiede che i rifiuti umani siano lasciati esposti al sole, “in questo modo la decomposizione sarà più veloce”.

Kohr ha accolto con favore il cambiamento delle regole. “Su in montagna… fa così freddo a causa della mancanza di ossigeno e di microbi naturali, che la cacca non si decompone, rimane semplicemente lì. Potrebbe rimanere lì per sempre.”

L'alpinista e scrittore Alan Arnett, che ha scalato il Monte Everest nel 2011, dubita che le autorità riusciranno nell'impresa.

“Il Nepal ha una lunga storia di questi annunci… non so se li metteranno in atto o meno.”

“I sacchetti per frullati avrebbero dovuto essere realizzati decenni fa. È stato fatto sul Denali in Alaska, sull'Aconcagua in Argentina e sul Monte Vinson in Antartide”, ha detto Arnett.

Ha anche espresso preoccupazione per la capacità del Nepal di smaltire adeguatamente grandi quantità di rifiuti umani.

READ  I sostenitori di Julian Assange scrivono a Scott Morrison del complotto della CIA per rapire o uccidere il fondatore di WikiLeaks

“Il Nepal dovrà attraversare una curva di apprendimento su questo”.

A marzo, l'unico membro sopravvissuto della spedizione alpinistica che per primo raggiunse la vetta del Monte Everest ha criticato il numero di persone sulla vetta più alta del mondo, dicendo che era troppo affollata e inquinata.