Maggio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli hotel e resort turistici della Slovenia sono quasi al completo per le vacanze di Pasqua e del Labor Day

Le strutture alberghiere in Slovenia sono quasi completamente esaurite per le vacanze di Pasqua e del Giorno del Lavoro. Il paese sta già vivendo un boom del turismo urbano dopo che molte attività turistiche si sono fermate a causa della pandemia di coronavirus, riferisce SchengenVisaInfo.com.

Secondo Sava Group, il più grande fornitore di alloggi turistici in Slovenia, le prenotazioni sono tornate a livelli simili a quelli registrati l’anno prima dell’inizio della pandemia di COVID-19. Inoltre, le loro capacità sono riservate fino al 90% delle prossime festività, Pasqua e Festa del Lavoro.

Slovenia, Austria, Germania, Italia, Ungheria e Serbia sono i luoghi da cui la maggior parte degli ospiti viene a trascorrere le vacanze in questo paese.

La compagnia spera anche di rimettere in carreggiata il traffico aereo con altri paesi lontani dalla Slovenia.

La regione costiera di Primorska sta già recuperando visitatori stranieri dopo la revoca delle restrizioni COVID-19, che in precedenza rappresentavano il 75% delle attività turistiche della regione.

Le vacanze di Pasqua di solito vedono un aumento del numero di ospiti stranieri, mentre la maggior parte degli ospiti che prenotano sono sloveni per il primo maggio.

Una tendenza simile con gli ospiti austriaci, italiani e tedeschi è stata segnata dal centro sciistico di Kranjska Gora. Circa il 75 percento della capacità è già riservato. Stanno assistendo a una tendenza al rialzo nelle prenotazioni dell’ultimo minuto e si aspettano un afflusso di ospiti sloveni alla scadenza dei coupon.

D’altra parte, i visitatori dei paesi del Benelux mettono in guardia contro la prenotazione a causa della guerra in Ucraina.

I rappresentanti del turismo di Bled hanno dimostrato di essere soddisfatti anche del numero di prenotazioni poiché sono quasi al completo.

READ  Gli economisti prevedono un rallentamento dello stimolo all'acquisto di obbligazioni della BCE

I visitatori più assidui del lago di Bled sono croati, italiani, ungheresi e tedeschi.

Nel frattempo, il resort vicino al lago Boeng non sta registrando una crescita significativa ed è occupato solo al 60% della capacità prenotata, ma i fornitori di servizi turistici locali stanno aspettando che gli affari tornino in pista durante l’estate.

Il capo dell’Associazione alberghiera slovena e il capo dello Sloan Hotel di Lubiana, Grigor Jamnik, hanno dichiarato che il turismo urbano a Lubiana e Maribor è stata una delle zone più colpite durante la pandemia, aggiungendo che nelle ultime settimane queste aree hanno visto alcuni aspetti positivi tendenze.

Sloan, d’altra parte, ha registrato l’80% della sua capacità designata per Pasqua e il 50% per la festa del lavoro.

“Siamo molto felici che i titoli dei giornali non siano più pieni di covid. Sfortunatamente, c’è una guerra in Ucraina, ma al momento non ci sta colpendo così negativamente come temevamo”, Jamnik ha osservato a questo proposito.

Ha sottolineato di essere soddisfatto del ritorno degli ospiti britannici e americani, che hanno compensato il mancato guadagno dovuto all’assenza dei russi.

Secondo Jamnik, sebbene la stagione stia andando bene, il fatto che i fornitori aumentino i prezzi su base settimanale rimane preoccupante.

>> La Slovenia aumenta i requisiti di certificazione, test e quarantena COVID-19 per tutti i viaggiatori