Dicembre 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli esseri umani hanno svolto un ruolo importante nell’estinzione del mammut lanoso

I mammut lanosi persistettero in Siberia fino alla metà dell’Olocene. Attestazione: Mauricio Anton

Una nuova ricerca mostra che gli esseri umani hanno avuto un ruolo importante nell’estinzione del mammut lanoso in Eurasia, migliaia di anni dopo di quanto si pensasse.

Un team internazionale di scienziati, guidato da ricercatori dell’Università di Adelaide e dell’Università di Copenaghen, ha rivelato un percorso di 20.000 anni verso l’estinzione del mammut lanoso.

Il ricercatore capo, il professor Damian Fordham dell’Istituto di ecologia dell’Università di Adelaide, ha dichiarato: “La nostra ricerca mostra che gli esseri umani sono stati un fattore critico e cronico del declino del numero di mammut lanosi, con un ruolo essenziale nella tempistica e nel luogo della loro estinzione”.

“Utilizzare modelli al computer, fossili e antichi DNA Abbiamo identificato i meccanismi e le minacce che erano parte integrante del declino iniziale e della successiva estinzione del mammut lanoso».

Le impronte digitali dei precedenti cambiamenti nella distribuzione e demografia dei mammut lanosi identificati dai fossili e dal DNA antico mostrano che le persone hanno accelerato l’estinzione dei mammut lanosi di ben 4.000 anni in alcune aree.

Sappiamo che gli umani sfruttavano i mammut lanosi per carne, pelli, ossa e avorio. Tuttavia, finora è stato difficile districare i ruoli esatti che il riscaldamento climatico e la caccia umana hanno svolto nell’estinzione”, ha affermato il professore associato Fordham.

Lo studio mostra anche che è probabile che i mammut lanosi sopravvivano nell’Artico per migliaia di anni più a lungo di quanto si pensasse in precedenza, trovati in piccole aree di habitat con condizioni climatiche favorevoli e bassa densità umana.

Il professore associato Jeremy Austin del Centro australiano per il DNA antico dell’Università di Adelaide ha dichiarato: “La nostra scoperta della persistenza a lungo termine in Eurasia conferma in modo indipendente le prove del DNA ambientale pubblicate di recente che mostrano che il mammut lanoso vagava per la Siberia 5000 anni fa”.

READ  Spiegazione: perché la Russia vuole lasciare la Stazione Spaziale Internazionale?

Il professore associato David Nogis Bravo dell’Università di Copenaghen è stato coautore dello studio pubblicato sulla rivista. messaggi di scienze ambientali.

“Le nostre analisi rafforzano e risolvono meglio il problema delle influenze umane come motore del declino della popolazione e del collasso della megafauna in Eurasia durante il tardo Pleistocene”, ha affermato.

Confuta anche la teoria prevalente che il cambiamento climatico da solo abbia spazzato via le popolazioni di mammut lanosi e che gli esseri umani fossero limitati ai cacciatori che forniscono Pallottola di misericordia. “

“Sembra che le estinzioni di specie siano solitamente il risultato di complesse interazioni tra processi minacciati”.

I ricercatori sottolineano che il percorso verso l’estinzione per il mammut lanoso è stato lungo e duraturo, iniziando diverse migliaia di anni prima dell’estinzione finale.

Riferimento: “I modelli di processo espliciti rivelano il percorso dell’estinzione dei mammut lanosi utilizzando la verifica orientata al modello” di Damien A. Fordham, Stewart C. Brown, H. Rechit Akakaya, Barry W. Brooke, Sean Haythorn, Andrea Maneka, Kevin T. Shoemaker, Jeremy J. Austin, Benjamin Blonder, Julia Pelosky, Karsten Rabeck e David Nogis Bravo, 5 novembre 2021, messaggi di scienze ambientali.
DOI: 10.1111 / ele.13911