Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli esperti di sicurezza nazionale mettono in dubbio il ritardo dell’Australia nella riapertura dell’ambasciata di Kiev

Gran Bretagna, Stati Uniti, Francia e Canada hanno riaperto le loro missioni molto più grandi in aprile e maggio. L’Ambasciata d’Australia si trova sullo stesso sito dell’Ambasciata del Canada.

L’Australia è stato il primo dei suoi principali alleati a chiudere la sua ambasciata in Afghanistan, facendo arrabbiare alcuni funzionari del servizio segreto di intelligence australiano, l’agenzia di spionaggio straniera, perché significava che avevano perso la loro presenza sul campo per raccogliere informazioni vitali.

Mentre Kiev è ancora bombardata da un missile russo ogni poche settimane, molti paesi che la pensano allo stesso modo hanno stimato che è sicuro riaprire le loro ambasciate poiché la Russia sembrava aver rinunciato alla cattura della città più di due mesi fa.

Un portavoce del Dipartimento degli Affari Esteri e del Commercio ha affermato che il governo australiano sta “studiando da vicino quando potremmo riportare la nostra ambasciata a Kiev”.

“Come ha affermato il primo ministro, l’Australia vorrebbe avere una presenza sul campo in Ucraina”, ha affermato un portavoce della DFAT.

“Ci sono una serie di problemi operativi, di sicurezza e di protezione che devono essere presi in considerazione mentre consideriamo tutti questi fattori”.

Michael Shubridge, capo del programma di difesa presso l’Australian Strategic Policy Institute, ha affermato che l’equilibrio del rischio si è spostato nella capitale ucraina.

“È certamente più pericoloso di altre parti del mondo, ma sembra abbastanza sicuro avere un’ambasciata lì”, ha detto. “Questa è una parte importante della solidarietà con il popolo ucraino. Se abbiamo ragione e questo conflitto sarà esteso, abbiamo bisogno di una presenza che ci permetta di trattare direttamente con gli ucraini”.

READ  Le forti piogge in India fanno 17 morti e decine di dispersi mentre le squadre di soccorso cercano i sopravvissuti

Caricamento in corso

Shoebridge ha affermato che Canada e Australia pubblicheranno valutazioni del rischio simili e “sembra che i canadesi abbiano preso la decisione giusta”.

“È difficile capire perché la valutazione del rischio canadese e la nostra sarebbero così diverse nei loro risultati. È molto più facile capire perché i canadesi hanno riaperto la loro ambasciata rispetto al motivo per cui non l’abbiamo fatto.

Non vogliamo ‘prima e poi ritorno’ come nostro marchio, gli australiani sono visti come attori internazionali e questo implica accettare il rischio.

“Se eri a Baghdad durante l’impennata in Iraq o in Afghanistan per decenni di quel conflitto, c’era un’insicurezza mascherata che era molto più pronunciata, cosa che non è il caso di Kiev”.

È sempre stato difficile trovare il giusto equilibrio tra la protezione del personale diplomatico e il lasciargli svolgere il proprio lavoro, ha affermato Hervé Lemahieu, direttore della ricerca presso il Lowy Institute, ma “se si guarda alle decisioni dell’Australia, tendiamo a correre più rischi di altri paesi e penso che faccia male.” noi a volte”.

“L’Australia è stato uno dei primi paesi occidentali a chiudere la sua ambasciata a Kabul, e da un lato si può dire che abbiamo molte intuizioni, ma dall’altro sarebbe stato meglio tenerlo aperto più a lungo ed elaborare tutto”, ha detto.

“Quello che ho capito è che la chiusura dell’ambasciata di Kabul era un vero ostacolo logistico per far uscire le persone”.

Secondo diverse fonti governative attuali, l’Australia sta valutando se riaprire l’ambasciata in Ucraina per più di un mese e alcuni funzionari non riescono a capire perché non possa riaprire utilizzando protocolli di sicurezza simili al Canada.

READ  I sopravvissuti dell'Ucraina parlano del loro tempo sottoterra e della loro eventuale fuga dalla crocifissione a Mariupol Azovstal

“Ci sono domande sul perché ci stia impiegando così tanto tempo”, ha affermato una fonte governativa di alto livello che non era autorizzata a parlare pubblicamente.

Caricamento in corso

Anche i diplomatici stranieri, che hanno parlato in condizione di anonimato, hanno messo in dubbio la decisione di non riaprire l’apertura.

giornalisti per Sydney Morning Herald E il l’età Di recente ho trascorso quasi una settimana a Kiev e ho potuto muovermi liberamente per la città. Quasi tutti i principali media internazionali hanno giornalisti che risiedono permanentemente a Kiev e riferiscono regolarmente sulle visite dei leader stranieri.

Le agenzie di sicurezza australiane hanno adottato un approccio conservativo alla visita albanese rispetto ai viaggi di altri leader nelle ultime settimane.

Mentre diversi media internazionali hanno riferito di una visita in tempo reale ad Albanese, il governo federale ha imposto un blackout mediatico di 36 ore ai giornalisti australiani che viaggiano con il primo ministro a Kiev, a cui è stato detto che non possono portare alcun dispositivo elettronico nel paese.

È stato anche detto loro che, a differenza delle precedenti visite del primo ministro in luoghi come l’Afghanistan, la forza della coalizione guidata dagli Stati Uniti non è lì per fornire sicurezza generale.

Vai oltre il clamore della politica federale con notizie, opinioni e analisi di esperti di Jacqueline Malley. Gli abbonati possono iscriversi alla newsletter settimanale di Inside Politics qui.