Maggio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli esperti affermano che l’immunità di gregge è “leggendaria” con la variante delta Covid

In questa illustrazione, una donna ha una siringa nel braccio

Norfoto | Norfoto | Getty Images

Un importante epidemiologo ha affermato che ottenere l’immunità di gregge usando i vaccini Covid quando il tipo delta altamente patogeno si diffonde “non è una possibilità”.

Gli esperti concordano su diversi motivi per cui un tale obiettivo è improbabile: si ottiene un’immunità completa nella popolazione e si arresta la diffusione del virus.

Sir Andrew Pollard, capo dell’Oxford Vaccine Group, ha dichiarato martedì ai legislatori britannici che poiché i vaccini contro il Covid non avevano completamente fermato la diffusione del virus – le persone vaccinate erano ancora in grado di contrarre e trasmettere il virus – l’idea di raggiungere l’immunità di gregge era “leggendario”.

“Penso che siamo in una posizione qui con questa attuale alternativa in cui l’immunità di gregge non è possibile perché infetta ancora gli individui vaccinati”, ha detto Pollard, uno dei principali ricercatori nella creazione del vaccino AstraZeneca presso l’Università di Oxford.

“E questo significa che chiunque non sia ancora immune, a un certo punto, incontrerà il virus. Potrebbe non essere questo mese o il prossimo mese, potrebbe essere l’anno prossimo, ma a un certo punto affronteranno il virus e noi non non c’è niente che possa fermare quella trasmissione” .

Leggi di più: Le persone completamente vaccinate possono ancora contrarre il virus Covid. Gli esperti spiegano perché

Che cos’è l’immunità di gregge?

In parole povere, l’immunità di gregge si riferisce all’idea che un alto livello di immunità al virus in una popolazione può essere raggiunto dall’infezione naturale (attraverso la formazione di anticorpi quando l’organismo combatte il virus) e dalla vaccinazione.

Quest’ultimo metodo è preferito perché i vaccini creano in gran parte l’immunità senza causare malattie o complicazioni avverse alla salute, al contrario del corso naturale dell’infezione.

Gli anticorpi ottenuti per infezione naturale e vaccinazione di solito proteggono da future infezioni. Se un numero sufficiente di persone viene vaccinato, questo porta a tassi più bassi di diffusione di malattie o virus nella comunità. Se il virus ha meno possibilità di diffondersi e infettarsi, può essere notevolmente controllato o addirittura eliminato.

Con l’immunità di gregge, coloro che non sono stati vaccinati (sia per scelta che perché non possono essere immunizzati a un certo punto, ad esempio i neonati) sono protetti dal livello generale di immunità presente nella popolazione.

I programmi di vaccinazione di massa di successo hanno in gran parte eliminato virus e malattie infettive mortali come la poliomielite, la tubercolosi e il morbillo in alcune parti del mondo o sono stati in gran parte soppressi attraverso i programmi di vaccinazione e l’immunità di gregge che li promuove.

Gli esperti chiedono a tutti gli individui non vaccinati di farsi avanti, ma in alcuni paesi in Europa e negli Stati Uniti stanno emergendo problemi con i giovani adulti che non assumono il vaccino.

Il dottor Andrew Friedman, un lettore di malattie infettive alla Cardiff Medical School, ha dichiarato giovedì alla CNBC di essere d’accordo con la valutazione di Pollard secondo cui l’immunità di gregge è improbabile.

“La variante delta è altamente trasmissibile, il che significa che la percentuale di persone che devono essere completamente vaccinate per l’immunità di gregge potrebbe non essere realizzabile”, ha affermato. “I vaccini forniscono una protezione molto efficace contro malattie gravi/ricovero in ospedale/morte, ma sono meno efficaci nel prevenire l’infezione e la malattia lieve e la sua trasmissione, specialmente per la variante delta”.

In paesi come il Regno Unito, ha affermato Friedman, l’immunità di gregge è improbabile anche a causa del grande gruppo di adolescenti e bambini non vaccinati, alcuni dei quali avranno l’immunità dopo l’infezione naturale, ma la maggior parte no.

“Tuttavia, anche senza una completa ‘immunità di gregge’, maggiore è la proporzione della popolazione completamente immunizzata, minore è il tasso di infezione nella comunità”, ha affermato.

problemi di immunità di gregge

Gli operatori sanitari del Delta Health Center aspettano che le persone vengano vaccinate in una clinica pop-up per la vaccinazione Covid-19 in questa comunità rurale del Delta il 27 aprile 2021 a Hollandale, nel Mississippi.

Spencer Platt | Getty Images

Gli studi dimostrano che i vaccini Covid utilizzati in Europa e negli Stati Uniti sono ancora molto efficaci nel prevenire infezioni gravi, ricoveri e decessi. Sebbene vi siano prove dei cosiddetti casi di Covid rivoluzionari tra le persone completamente vaccinate, questi casi sono rari e tendono ad essere più lievi.

Danny Altman, professore di immunologia presso l’Imperial College di Londra, ha dichiarato alla CNBC di essere anche d’accordo con Pollard e che il modello matematico dell’immunità di gregge non potrebbe essere facilmente applicato a un virus “senza precedenti” come il Covid che è ancora poco compreso dai disparati e a livello globale variabili circolanti. emergente.

“L’intero argomento dell’immunità di gregge era uno di quei testi di medicina che sono stati adottati all’inizio dai consulenti politici, poi dalla stampa, poi dal pubblico, ed è stato distorto e semplificato eccessivamente”, ha detto giovedì.

La cosa importante, ha detto Altman, è che “più persone nel mondo vengono effettivamente vaccinate, meno copie virali abbiamo sul pianeta, e quindi meno virus si diffonde e meno polmoni in cui il virus muta e si diffonde la prossima ondata di varianti.”

READ  Un telescopio lunare può rivelare le epoche oscure dell'universo