Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli esperti affermano che l’economia irlandese potrebbe sopravvivere alle riforme fiscali dell’OCSE

Le riforme fiscali globali stanno iniziando a dare i suoi frutti e, a prima vista, l’Irlanda ha molto da perdere a causa della forte dipendenza dell’economia dalle multinazionali statunitensi.

Giovedì, 130 paesi hanno ratificato le linee guida di un accordo dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), che comprende 38 nazioni ricche, per aumentare l’imposta globale sulle società.

Il “primo pilastro” ridistribuirebbe la giurisdizione fiscale da dove hanno sede le multinazionali a dove realizzano profitti, mentre il secondo pilastro fisserebbe un’aliquota minima globale del 15%.

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico afferma che l’accordo genererà circa 150 miliardi di dollari di entrate aggiuntive a livello globale, adatterà il sistema fiscale alla moderna economia digitale e sosterrà le finanze pubbliche del paese colpito dalla crisi del coronavirus.

L’accordo è arrivato dopo che il mese scorso le ricche democrazie del Gruppo dei Sette – Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Stati Uniti e Regno Unito – hanno concordato un’imposta sulle società minima del 15%.

L’Irlanda ha mantenuto un tasso del 12,5% dal 2003 ed è diventata la base europea per una serie di aziende statunitensi, in particolare aziende tecnologiche e farmaceutiche i cui profitti sono aumentati durante la pandemia.

L’Irlanda è stato uno dei soli nove paesi che ha rifiutato di firmare nonostante avesse espresso “ampio sostegno”, a causa della proposta del 15%.

“Ho espresso la riserva dell’Irlanda, ma rimango impegnato nel processo e miro a trovare un risultato che l’Irlanda possa sostenere finora”, ha affermato il ministro delle finanze Pascal Donohue.

Alcuni analisti ritengono che l’economia irlandese dipenda eccessivamente da società multinazionali come Facebook, Apple e Google.

READ  Pakistan e Italia vedono "nuove dimensioni" per rilanciare il commercio e i legami economici

Solo 10 società hanno pagato il 51% del gettito fiscale irlandese sulle società lo scorso anno.

Nel 2019, l’Irlanda ha prelevato il 15,7% del suo reddito finanziario totale dall’imposta sulle società.

Il ministero delle Finanze prevede una perdita di 2 miliardi di euro all’anno a partire dal 2025 se verrà raggiunta la media globale minima.

La società di ricerca Oxford Economics ha previsto che le riforme dell’OCSE renderanno l’Irlanda uno dei paesi più indebitati d’Europa, poiché deve affrontare le turbolenze per l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea.

Con paradisi fiscali come le Isole Cayman che hanno anche aderito alle proposte, l’Irlanda sa che “la scrittura è in attesa”, ha affermato la professoressa di economia Lucy Gadian dell’Università di Warwick in Inghilterra.

L’esenzione dell’accordo sui servizi finanziari dell’OCSE, che favorisce il Regno Unito, indica che l’Irlanda può avere i propri privilegi.

“I singoli stati possono usare qualsiasi potere negoziale di cui dispongono per ottenere esenzioni per gli eroi nazionali”, ha detto la Gadini all’AFP.

L’Irlanda sta cercando di massimizzare il suo potere contrattuale resistendo e facendo pressioni sui negoziati a livello dell’UE.

“Il modello di paradiso fiscale irlandese è servito bene, ma potrebbe essere necessario passare a un modello economico più sostenibile”.

L’ex commissario della banca centrale e professore di economia John Fitzgerald ritiene che tutte le preoccupazioni irlandesi siano esagerate.

“Non vedo alcun motivo per non adottarlo se gli Stati Uniti lo implementano”, ha detto all’AFP, osservando che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden deve ancora persuadere i repubblicani ribelli al Congresso degli Stati Uniti.

Biden ha affermato che l’aliquota minima “fermerà la corsa al ribasso per l’imposta sulle società” e impedirà alle multinazionali di far giocare i paesi l’uno contro l’altro.

READ  Delta Variant distrugge fine estate per ristoranti e compagnie aeree: NPR

Il professor Fitzgerald ha commentato: “Nessuna azienda può fare di meglio lasciando l’Irlanda, quindi se è il 15% ovunque, tanto vale essere in Irlanda e pagare.

“Se gli Stati Uniti applicano le regole, l’Irlanda potrebbe ottenere maggiori entrate”.

L’imposta sulle società è solo uno dei fattori che spiegano l’eccellente crescita dell’Irlanda negli ultimi decenni e la sua attrattiva per gli investitori stranieri, insieme a una popolazione istruita di lingua inglese e a una solida infrastruttura.

John Fitzgerald ha concluso: “I posti di lavoro rimarranno qui perché ci sono le competenze, l’investimento di capitale, il capitale fisico e non possono muoversi facilmente. Non vedo alcun impatto a lungo termine sul modello di sviluppo economico irlandese. .”

Ulteriori negoziati, tra cui la riunione dei ministri delle finanze del G20 in Italia questo mese e la contrattazione politica nel Congresso degli Stati Uniti e nell’Unione europea, significano che c’è ancora molta strada da fare.

All’interno dell’Unione Europea, l’Ungheria è un altro paese resistente, sebbene Germania e Francia siano quattro piazze dietro l’accordo OCSE.

“Solo quando conosci i dettagli tecnici puoi valutare l’impatto”, ha affermato Emyr Mulligan, della GE Cairns School of Business and Economics presso la National University of Ireland.

Ha sottolineato che la “vera carne” sta nel primo pilastro: una maggiore tassazione delle società nei luoghi in cui operano, non dove registrano i loro redditi.