Gennaio 27, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli esperti affermano che il rapido declino dei casi Omicron di COVID-19 suggerisce che il picco del Sudafrica potrebbe essere superato

Gli esperti medici hanno affermato che il netto calo dei nuovi casi di COVID-19 in Sudafrica negli ultimi giorni potrebbe indicare che il massiccio aumento dei casi di Omicron nel paese ha superato il suo picco.

Il numero di casi di virus giornalieri è noto per essere inaffidabile, in quanto può essere influenzato da test irregolari, ritardi nella segnalazione e altre fluttuazioni.

Ma offrono un allettante – tutt’altro che un indizio conclusivo – che l’infezione di Omicron potrebbe ridursi rapidamente dopo un picco feroce.

Il Sudafrica è stato in prima linea nell’ondata di Omicron e il mondo sta osservando come opera lì per cercare di capire cosa aspettarsi.

Da 27.000 casi a 15.424 casi a settimana

Dopo aver registrato quasi 27.000 nuovi casi a livello nazionale giovedì, i numeri sono scesi a circa 15.424 martedì.

Nella provincia di Gauteng – che ha una popolazione di 16 milioni di abitanti, compresa la città più grande, Johannesburg, e la capitale, Pretoria – il declino è iniziato prima ed è continuato.

Era prevedibile un rapido calo del numero di casi, ha affermato Marta Nunes, ricercatrice senior presso il Dipartimento di analisi dei vaccini e delle malattie infettive presso l’Università del Witwatersrand.

“Il calo di nuovi casi a livello nazionale insieme al continuo calo di nuovi casi osservato qui nella provincia di Gauteng, che è stata l’epicentro di questa ondata per settimane, suggerisce che abbiamo superato il picco”, ha affermato.

“Non è inaspettato in epidemiologia che un forte aumento, come quello che abbiamo visto a novembre, sia seguito da un forte calo”.

Una donna tira fuori la lingua per prendere un tampone dalla bocca di una persona che indossa indumenti protettivi
La variante Omicron è stata rilevata in almeno 89 paesi in tutto il mondo. (Afp: Dennis Farrell, file)

Omicron si diffonde in tutto il mondo

Il numero di Gauteng County è aumentato notevolmente a metà novembre.

Il sequenziamento genico ha identificato una nuova variante di Omicron altamente mutata ed è stata annunciata al mondo il 25 novembre.

Significativamente più portatile, Omicron divenne rapidamente dominante in Sud Africa.

I test indicano che il 90% dei casi di COVID-19 nella provincia di Gauteng da metà novembre provengono da Omicron.

Omicron sta già superando la variante delta come ceppo dominante di coronavirus in alcuni paesi.

In tutto il mondo, la variante è stata rilevata in almeno 89 paesi, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

Una donna che indossa un berretto e una maschera per il viso tiene un batuffolo di cotone sulla spalla, guardando profondamente nei suoi pensieri
La maggior parte delle persone in cura per il COVID-19 negli ospedali sudafricani non è vaccinata. (Afp: Jerome Delay)

In Sudafrica, gli esperti temevano che la portata delle nuove infezioni potesse sopraffare gli ospedali del paese, anche se l’Omicron sembra causare malattie più lievi, con molti meno ricoveri e decessi.

Ma poi i casi in Gauteng hanno iniziato a diminuire. Dopo aver raggiunto 16.000 nuove infezioni il 12 dicembre, martedì il numero della contea è sceso costantemente a poco più di 3.300.

Farid Abdullah, un medico del reparto COVID-19 dello Steve Biko Academic Hospital di Pretoria, ha affermato che il calo è “notevole”.

In un altro segno che il boom potrebbe essere in calo in Sudafrica, uno studio sugli operatori sanitari locali risultati positivi al COVID-19 ha mostrato un rapido aumento e quindi un rapido calo dei casi.

“Un paio di settimane fa, stavamo vedendo più di 20 nuovi casi al giorno, e ora stiamo vedendo circa cinque o sei casi al giorno”, ha detto Nunes.

Ma ha detto che ci sono diversi fattori da tenere d’occhio.

Il Paese è in allerta durante le vacanze

Il tasso di casi positivi in ​​Sudafrica è rimasto elevato al 29%, rispetto a solo il 2% all’inizio di novembre, indicando che il virus si sta ancora diffondendo tra la popolazione a livelli relativamente elevati.

Con l’inizio delle festività natalizie, molte attività commerciali hanno chiuso per un mese e le persone viaggiano per visitare le proprie famiglie, spesso nelle zone rurali.

Ciò potrebbe accelerare la diffusione di Omicron in tutto il Sudafrica e nei paesi vicini, ha affermato Veronica Aukerman, leader del team di risposta al COVID-19 presso lo Steve Biko Academic Hospital.

“In termini di massiccio raddoppio giornaliero che abbiamo visto poco più di una settimana fa in numero enorme, sembra essersi stabilizzato”, ha affermato il professor Aukerman.

“Ma è troppo presto per dire che abbiamo superato il picco.

Inoltre, non è noto quanto sia comune l’Omicron tra i sudafricani asintomatici.

Alcuni esperti hanno suggerito che l’alternativa potrebbe comportarsi in modo simile negli Stati Uniti e in Sud Africa perché entrambi i paesi hanno sperimentato un’ondata rapida e moderata di Omicron.

Ma Nunes ha messo in guardia dal trarre conclusioni affrettate.

“Ogni luogo e ogni paese è diverso. La popolazione è diversa. I dati demografici della popolazione e l’immunità differiscono nei diversi paesi”, ha affermato.

Il Sudafrica ha una popolazione più giovane rispetto ai paesi occidentali, con un’età media di 27 anni.

Il professor Aukerman ha affermato che la maggior parte dei pazienti attualmente in cura per COVID-19 negli ospedali non sono immunizzati.

Circa il 40% degli adulti ha assunto una dose doppia.

“Tutti i miei pazienti nell’unità di terapia intensiva non sono vaccinati”, ha detto.

AP

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce destra e sinistra per cercare, Frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 6 minuti 19 secondi

Come eseguire un test rapido dell’antigene

Scarica il modulo…

READ  Un uomo elogiato per aver versato acqua su un passeggero scalzo sui braccioli