Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli attivisti per il clima attaccano l’arte “sottovalutando profondamente” la fragilità delle opere, avvertono i gestori delle gallerie

Gli attivisti per il clima che prendono di mira i capolavori di tutto il mondo sono completamente ignari della sensibilità delle opere d’arte, come hanno avvertito i direttori di quasi 100 gallerie, dicendo di essere “profondamente scossi” dagli attacchi.

Quest’anno, opere d’arte famose sono state attaccate da manifestanti di diversi gruppi di attivisti che chiedevano un’azione contro la crisi climatica. Gli incidenti includono un gruppo ambientalista tedesco Lanciare purè di patate nel piatto di Claude Monet Al Museo di Potsdam, attivisti di Just Stop Oil Gettare la zuppa di pomodoro sui girasoli di Vincent Van Gogh Alla National Gallery di Londra, il gruppo ha cosparso di zuppa di piselli un capolavoro di Van Gogh a Roma, Gli attivisti di Extinction Rebellion prendono di mira la pittura di Picasso A Melbourne, gli attivisti si attengono alle opere di Botticelli, Boccioni, Van Gogh e altri antichi maestri.

Di recente, mercoledì, due manifestanti del Fossil Fuel Subsidy End Group Scarabocchi sulle lattine di zuppa Campbell di Andy Warhol, alla National Gallery of Australia a Canberra.

“Nelle ultime settimane ci sono stati diversi attacchi alle opere d’arte nelle collezioni dei musei internazionali. Gli attivisti responsabili sottovalutano gravemente l’insostituibile fragilità di questi oggetti, che devono essere preservati come parte del nostro patrimonio culturale”, i direttori della galleria e del museo ha scritto in una dichiarazione congiunta pubblicata online Global.

“In qualità di direttori di musei incaricati della cura di queste opere, siamo profondamente scioccati dal loro pericolo.

“I musei sono luoghi in cui persone di diversa estrazione possono impegnarsi nel dialogo e quindi potenziare il discorso sociale”, ha continuato la dichiarazione. In questo senso, le funzioni primarie del museo come istituzione – raccogliere, ricercare, condividere e conservare – sono oggi più importanti che mai. Continueremo a sostenere l’accesso diretto al nostro patrimonio culturale. E manterremo il museo come spazio libero per il contatto sociale”.

La dichiarazione è stata co-firmata da quasi 100 direttori di organizzazioni di alto profilo, molte delle quali già prese di mira da attivisti.

Tra i firmatari ci sono i capi del Metropolitan Museum arteil Museum of Modern Art e il Guggenheim Museum di New York; Il British Museum, il Victoria and Albert Museum e la National Gallery di Londra; Le Gallerie degli Uffizi e la collezione Peggy Guggenheim in Italia; Il Louvre, il Musée d’Orsay, il Centre Pompidou e il Musée National Picasso di Parigi in Francia; e il Museo Nacional del Prado e il Museo Guggenheim di Bilbao in Spagna.

Gli attivisti per il clima prendono di mira le lattine di zuppa di Andy Warhol alla fiera d’arte di Canberra – VIDEO

Finora, la maggior parte degli showroom è rimasta inattiva dopo gli attacchi, non volendo attirare l’attenzione su di loro o sui loro protocolli di sicurezza. Dopo che il lavoro di Warhol a Canberra è stato screditato, un portavoce del National Museum of Australia ha dichiarato: “La National Gallery non desidera promuovere queste opere e non ha ulteriori commenti”.

Nessuna delle opere mirate ha subito danni permanenti poiché molte di esse sono ricoperte di vetro. Gli attivisti per il clima sembrano prendere di mira gli atti più famosi non per danneggiarli, ma per attirare l’attenzione dei media sui danni duraturi della crisi climatica.

Durante l’attacco ai girasoli di Van Gogh a Londra, i manifestanti di Just Stop Oil hanno gridato: “Cosa vale di più? Arte o vita? Vale più del cibo? Vale più della giustizia? Sei più preoccupato di proteggere un dipinto o proteggere il nostro pianeta e le persone?”

The Last Generation, il gruppo ambientalista tedesco dietro l’attacco al dipinto di Monet, ha fatto eco al sentimento in un post successivo, Chiede: “Che cosa vale di più, l’arte o la vita?”

L’organizzazione statunitense che sostiene le proteste di Just Stop Oil, il Climate Emergency Fund, Ha promesso che le proteste sarebbero continuate in tutta Europa e negli Stati Uniti.

“Altre proteste stanno arrivando, questo è un movimento in rapida crescita e spero che le prossime due settimane saranno il periodo più intenso di azione per il clima”, ha affermato Margaret Klein-Salamon, direttore esecutivo del Climate Emergency Fund. “Allora allacciati le cinture.”

READ  Incredibile modo in cui il Presidente degli Stati Uniti inizia la sua giornata