Novembre 29, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli astronomi individuano una strana “scheggia” nel braccio a spirale della Via Lattea

Questa illustrazione è attualmente la nostra migliore ipotesi su come sia la Via Lattea.

Questa illustrazione è attualmente la nostra migliore ipotesi su come sia la Via Lattea.
una precisazione: NASA/JPL-Caltech

Quello Scoperta un’insolita “frattura” nella galassia più vicina Braccio elicoidale a terra. Gli astronomi non hanno mai visto nulla di simile prima e non sono abbastanza sicuri di come sia arrivato lì.

Una nuova ricerca pubblicata sul Journal of Astronomy and Astrophysics descrive “Struttura ad alto angolo nel braccio ad arco. Con “tono forte”, gli astronomi indicano l’angolo estremo con cui emerge questo ammasso allungato di stelle Il braccio ad arco della Via Lattea. La funzione appena scoperta misura 3000 luce-anni di lunghezza (meno del 3% del diametro totale dell’intera galassia), costituito da giovani stelle e nubi di gas che formano stelle. L’astrofisico Michael Kuhn del California Institute of Technology è l’autore principale dello studio.

Grafico che mostra la posizione dell'elemento, vista ravvicinata di

Grafico che mostra la posizione della caratteristica, vista ravvicinata della “scheggia” nel braccio di prua.
immagine: NASA/JPL-Caltech

Non è facile mappare le varie caratteristiche all’interno della nostra galassia, e questo perché viviamo direttamente all’interno di questa cosa. Come dice il nuovo documento, “era difficile mettere in relazione le singole regioni di formazione stellare con il loro ambiente galattico più ampio a causa della nostra prospettiva dall’interno del disco”.

Fortunatamente, gli strumenti e le tecniche astronomiche possono aiutare in questo senso. In questo caso, Kuhn e colleghi hanno analizzato i dati raccolti da Spitzer SpaceTElescope, che la NASA ha ritirato solo l’anno scorso. Spitzer ha rilevato la luce infrarossa, rendendolo uno strumento ideale per osservare le stelle appena nate che sarebbero state ricoperte dalle dense nubi di gas e polvere (cioè nebulose) che si sono formate da esse. Nello specifico, il team ha esaminato i dati di un sondaggio chiamato Galactic Legacy Infrared Mid-Plane Survey Extraordinaire (GLIMPSE), in cui Spitzer ha esaminato più di 100.000 stelle bambino.

Sono stati analizzati anche i dati della missione Gaia dell’Agenzia spaziale europea, fornendo al team misurazioni accurate delle distanze interstellari. Questo ha permessom per creare una vista 3D del braccio ad arco, un braccio a spirale prominente della Via Lattea.

“Quando mettiamo insieme i dati di Gaia e Spitzer e finalmente vediamo questa mappa 3D dettagliata, possiamo vedere che c’è una grande complessità in questa regione che prima non era evidente”, ha detto Cohn alla NASA. comunicato stampa.

Il Il braccio ad arco è una caratteristica ben studiata della Via Lattea e ospita diverse regioni di formazione stellare giganti, tra cui la Nebulosa Omega, la Nebulosa Trifida, la Nebulosa Lago e la Nebulosa Aquila, l’ultima delle quali contiene la famosa nebulosa . Pilastri della Creazione. Per il nuovo studio, i ricercatori Cercò di determinare le posizioni e le velocità delle regioni di formazione stellare in una parte del braccio del Sagittario.

Spicca la struttura appena scoperta Con un angolo di inclinazione di circa 60 gradi. Il braccio stesso avvolge strettamente la Via Lattea con un’inclinazione di 12 gradi (per il contesto, un cerchio perfetto ha un’inclinazione di 0 gradi). Da qui la descrizione della fibula come struttura ad alto angolo.

“In definitiva, questo ci ricorda che ci sono molte incertezze sulla struttura su larga scala della Via Lattea, e dobbiamo guardare i dettagli se vogliamo capire il quadro più ampio”, ha spiegato Robert Benjamin, un astrofisico all’università . del Wisconsin Whitewater e Principal Investigator di GLIMPSE.

Gli autori del nuovo articolo non sono abbastanza sicuri di come avvengano gli inalanti Si è formato, ma è possibile che giovani stelle all’interno di questa distesa siano nate nello stesso momento e nello stesso luogo. In quanto fratelli strettamente imparentati, queste stelle avrebbero dovuto essere influenzate dagli stessi effetti causati dalla rotazione della galassia: forze come la gravità e il taglio. Pertanto, modelli di stelle migliorati, in termini di distanze e velocità, potrebbero far luce su questo nuovo mistero astronomico. E le spirali ungheresi in generale, anch’esse misteriose.

“Questa struttura è una piccola parte della Via Lattea, ma può dirci qualcosa di importante sulla galassia nel suo insieme”, ha detto Benjamin.

Gli astronomi hanno già osservato caratteristiche bizzarre in altre galassie a spirale, inclusi gli oggetti Chiamati speroni e penne, alcuni di essi sporgono perpendicolarmente dai bracci a spirale. Gli speroni sono punti luminosi causati da un’abbondanza di stelle, mentre le piume sono grumi di polvere. La nuova caratteristica vista nella Via Lattea non è nessuna di queste due caratteristiche, e quindi è considerata unica.

Ora è una questione aperta se altre strutture angolari elevate esistano nella nostra galassia o altrove nell’universo. Questo sarà il fulcro del lavoro futuro, insieme a ulteriori ricerche per confermare la nuova funzionalità come infrastruttura in buona fede con braccio di prua.

Di più: Quanto pesa la Via Lattea?

READ  Secondo l'ICMR, ha aspettato 6 settimane per sottoporsi a un intervento chirurgico dopo il Covid | Notizie sull'India