Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli astronauti della NASA bloccati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale dopo problemi con la navicella spaziale Starliner della Boeing tengono una conferenza stampa.

Gli astronauti della NASA bloccati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale dopo problemi con la navicella spaziale Starliner della Boeing tengono una conferenza stampa.

Inizialmente era previsto che Butch Wilmauer e Sonny Williams tornassero sulla Terra il 14 giugno.

Gli astronauti della NASA a bordo del primo volo con equipaggio nello spazio a bordo della navicella spaziale Starliner della Boeing parteciperanno a una conferenza stampa mercoledì mattina.

Il comandante di volo Barry “Butch” Wilmore, 61 anni, ex capitano della Marina degli Stati Uniti, e Sunita Williams, 58 anni, ex membro della Marina e comandante di volo, entrambi attualmente a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), dovrebbero rispondere alle domande sull’evento volo di prova e missione.

Wilmauer e Williams sono stati lanciati il ​​5 giugno dalla Stazione Spaziale di Cape Canaveral, in Florida, e si sono uniti alla Stazione Spaziale Internazionale il 6 giugno.

Inizialmente si prevedeva che i due trascorressero una settimana a bordo della Stazione Spaziale Internazionale per valutare la navicella spaziale e i suoi sistemi e tornassero il 14 giugno. Tuttavia, lo Starliner incontrò diversi problemi meccanici, tra cui una perdita di elio e un problema al motore, che lasciarono gli astronauti bloccati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale senza una data di ritorno prestabilita.

La NASA ha insistito sul fatto che Willmore e Williams sono al sicuro mentre sono a bordo della ISS con l’equipaggio dell’Expedition 71. L’agenzia ha affermato che la ISS ha molti rifornimenti in orbita e che il programma della stazione è relativamente aperto fino a metà agosto.

READ  Completa le teorie di Einstein: una svolta nella fisica delle particelle

“Voglio chiarire che Butch e Sonny non sono bloccati nello spazio”, ha detto Steve Stich, direttore del Commercial Crew Program della NASA, durante una conferenza stampa il 28 giugno. Teleconferenza“Il nostro piano è continuare a riportarli sullo Starliner e riportarli a casa in tempo.”

La NASA e la Boeing affermano che Wilmower e Williams sono “parte integrante” dell’equipaggio dell’Expedition 71 a bordo della ISS e assistono l’equipaggio nelle operazioni della stazione secondo necessità, oltre a completare gli “obiettivi” necessari per la potenziale certificazione dello Starliner da parte della NASA.

“Dal loro arrivo il 6 giugno, Willmauer e Williams hanno completato metà del loro tempo di ricerca operativa a bordo della stazione spaziale, consentendo ai loro compagni di equipaggio di prepararsi per la partenza della navicella spaziale Cygnus di Northrop Grumman”, ha scritto la NASA in una nota. Ultimo aggiornamento.

Questa settimana, i team del White Sands Test Facility della NASA nel Nuovo Messico stanno conducendo test a terra sul motore dello Starliner, mettendolo in condizioni simili a quelle incontrate dal veicolo spaziale nel suo viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale, secondo Aggiornamento sul sito Boeing.

I test includeranno simulazioni del processo di attracco dello Starliner, di quando alcuni dei propulsori si sono guastati e di ciò che i propulsori sperimenteranno dalla separazione fino all’atterraggio sulla Terra.

“Vogliamo davvero capire i propulsori e come li utilizziamo in volo”, ha dichiarato Dan Niedermayer, ingegnere capo della Boeing per i test sui propulsori, “Impareremo molto dalle accensioni dei propulsori che saranno preziosi per il resto dell’equipaggio test di volo e missioni future.”

Il veicolo Starliner ha avuto problemi anche prima del lancio. Il test di volo era originariamente previsto per il 6 maggio, ma è stato annullato a causa di un problema con una valvola dell’ossigeno su un razzo della United Launch Alliance, che produce e gestisce i razzi che lanciano in orbita la navicella spaziale Starliner.

READ  I casi di malaria in Florida e Texas sono le prime infezioni acquisite localmente negli Stati Uniti in 20 anni, avverte CDC

Una nuova data di lancio era stata fissata per il 25 maggio, ma poi è stata scoperta una piccola perdita di elio nel modulo di servizio dello Starliner, che contiene i sistemi di supporto e l’hardware necessari per far funzionare la navicella spaziale.

Perdite di elio e un problema al motore minacciavano di ritardare il processo di attracco, ma ci riuscirono. Cinque giorni dopo l’attracco alla Stazione Spaziale Internazionale, la NASA e la Boeing annunciarono che la navicella spaziale soffriva di cinque “piccole” perdite di elio, ma all’epoca aggiunsero che la quantità di elio rimanente era sufficiente per la missione di ritorno.